Tuesday, 17 December 2013

Playlist per un matrimonio


Artista
Titolo della Canzone

1
Sigur Ros

2
Florence and the Machine
3
Beirut

4
Radiohead

5
Colapesce (feat. Meg)

6
Magnetic Fields

I Think I Need a New Heart

7
Talking Heads

8
C.S.I.

9
Daughter

10
Vampire Weekend

11
Arcade Fire

12
God helps the girl

13

Devendra Banhart

Carmensita

14
I am from Barcelona

15
Fleet Foxes


Mancano un paio di giorni al matrimonio.
Appena il tempo di riprendermi dall'operazione.

Oggi mi ha beccato il fotografo. Mi ha chiesto una lista di canzoni da mettere nel filmino dello sposalizio.
Ho buttato giu' questa lista senza pensarci troppo.
Alcune canzoni signifiicano molto per entrambi, altre vengono da concerti che abbiamo visto in questi anni.
Devendra Banhart piace solo a lei (quel lungagnone vegetariano non mi convince).
Un paio servon solo a far numero.
Non tutte sono d'amore, ma forse e' meglio cosi', che nella vita matrimoniale c'e' di tutto, mica solo puccipucci tenerone.
Se avete altre idee, scrivete!

PS- Il filminaro (film-maker mi sembra eccessivo), vuole intervistare i miei amici....son contento che Alessio non sia riuscito a lasciare Stanford....

Friday, 13 December 2013

Paralipomeno della batracomiomachia

Ecco e' fatta, con quest'ultima puntura anti-trombo, posso archiviare questo ultimo periodo.
Tutto e' iniziato qualche settimana fa, quando sono finito all'ospedale dove mi han detto che avrebbero dovuto operare.
Scappato dal terribile sistema pubblico sanitario inglese, sono tornato in Italia che, avra' mille problemi, ma ha ancora un sistema sanitario e delle professionalita' degne di un paese civile.
L'ospedale e' un luogo di sofferenza, ma anche teatro di tante piccole cose che fanno ridere.

E' il caso di Fatima, una signora che assisteva il marito, nella mia stanza.
Fatima ha lasciato il Marocco 40 anni fa ed ora parla il maniera colorita usando indistintamente l'italiano e l'arabo.


Una sera, parlava col marito, Dice una cosa in arabo, il marito, stordito dai farmaci, non capisce.

Ripete la frase con piu' veemenza. Il marito non capisce.
Ripete la frase in arabo una terza volta, e' arrabbiata e aggiunge: "oh, ma che parlo arabo?".
Si rende conto dell'ironia della situazione e si mette a  ridere.
A volte basta davvero niente per stemperare una grande tensione.
Un giorno, arriva un vecchietto battagliero, accompagnato da una moglie minuta.
Ci informa che lui sara' velocissimo, operato in day hospital, se ne tornera' a casa.
Mette il vestitino verde e va in sala operatoria.
Dopo appena venti minuti arriva un letto,la moglie guarda il degente. L'infermiere intima alla moglie di spostarsi, rimette il letto al suo posto e dice sorridente: "ora puo' prendersi cura di suo marito".
La donnino lo guarda e dice: "ma questo non e' mio marito!".
Avevano sbagliato persona. In effetti avevo notato qualcosa di strano: com'e' che per un intervento alla gamba gli avevano rasato il capo rendendolo calvo?

Il momento piu' brutto di tutta quest' avventura e' stata poche ora dopo la mia operazione.
L'infermiere dice: "o riesci a urinare col pappagallo, o dovro' metterti un catetere".
Penso tra me e me, il catetere no: sara' dolorissimo.
Chiudo le tende attorno a me e rimango solo col pappagallo.
Purtroppo oltre le tende ci sono i miei compagni di camerata e i loro parenti (e tutta la loro razza) che, essendo del palermitano, tendono a fare una vucciria.
Non essendoci la giusta atmosfera, non c'e' modo di riuscire a buttare via la maledetta anestesia.....proprio in quel momento arriva un SMS.


E' un mio amico che si scusa di potere essere presente nel momento del bisogno.

Penso tra me e me che nel momento del bisogno, in realta', meno gente c'e', meglio si sta.
Poi per fortuna riesco nel mio intento.
Dopo qualche giorno sono di nuovo a casa, in perfetta forma, anzi, meglio di prima.


Archiviato l'intervento, rimane solo un pizzico della puntura anti-trombo (serve a prevenire che almeno oggi si trombi), ma domani e' un altro giorno.

Thursday, 31 October 2013

Non vi ho dimenticati, sono finito all'ospedale.

Datemi un po' di tempo.
Poi, dopo l'operazione (non cambio sesso, mi tolgono un altra cosa), avro' molto tempo per scrivere e raccontarvi.



Sunday, 29 September 2013

Assolto al processino (se mi condavvano non facevo cadere il governo)

Processino, istruzioni per l'uso.
Arriviamo dal prete-fratacchione che ci sposera'.

Stavolta ho imparato: incontrandolo dico "Pace e Bene", anziche' "Buonasera", come la penultima volta. + 10 punti.
Andiamo in una stanza e sbrighiamo le formalita' burocratiche.
Poi iniziamo il processino.
Io rimango nella stanza, mentre Rossella va in un altra stanza.
Come nei film di Perry Mason, mi viene chiesto di giurare su una bibbia che, a giudicare dalle dimensioni sara' la Bibbia a fumetti in lingua tedesca.
Iniziano le domande:
- Qualcuno vi obbliga a sposarvi (a questa domanda non vale la lista dei parenti), basta dire di no.
- Perche' volete sposarvi in chiesa (a questa non basta dire "perche' ci tiene Rossella"), conviene dire un molto piu' paraculo: per continuare il percorso di fede iniziato col battesimo. Questa risposa dovrebbe valere sui 1000 punti.
- Credi nel matrimonio, come evento unico e irripetibile. Ripondete di si, pensate pure: "ci vuole solo andare 2 volte attraverso 'sta carnevalata e decidere un altra volta i confetti, i musicanti, le bomboniere, il menu' etc.".
- Pensi chein futuro potranno insorgere problemi alla coppia? 
Qui dico no, ci conosciamo bene da 6 anni (ometto il dettaglio della convivenza). Non credo ci saranno problemi. Il prete dice che 6 anni per conoscersi non sono poi cosi' tanti.
E' la prima vlta che uno dice che in fondo potrei anche aspettare: che sposarsi a 36 anni e' una tenera eta'......quasi quasi ci casco, ma so che e' un trucco per vedere se voglio scappare. Ma io rimango seduto.
Sei a conoscenza di impedimenti fisici o psichici che possono cmpromettere il matrimonio?
Io lo so che questa e' una delle formule usate dalla "Sacra Rota" per annullare i matrimoni.
Per come la vedo io, il matrimonio va bene, per chi lo vuole, il divorzio pure, per chi ne ha voglia. L'annullamento delle Sacra Rota e' un ipocrisia per tutti (la chiesa e chi vi ricorre).
Tornando alla domanda penso: "certo che una persona psichicamente equilibrata non sara', se accetta di essere la mia compagna, per una vita intera, a parte questo, mi sembra una personcina proprio a posto, mica come me".

Posso uscire, mi da un libro da leggere mentre lui fa le domande a Rossella.
Io lo leggo distrattamente, quando lo ritorno al prete gli faccio notare che le edizioni chiesastre hanno attribuito la cattedrale di Praga (che tutti sanno essere dedicata a San Vito) a San Guido (credo che il traduttore abbia tradotto dal francese Saint Guy).
Mentre lo dico sono un po' triste pensando che una volta la chiesa era anche custode della cultura, si vede che questo livellamento al basso non risparmia neanche le loro fila.



Alla fine ci salutiamo, il processino dell'inquisizioncina e' finito.
Si raccomanda un ultima cosa....qui inizio a  preoccuparmi. Che mi illuda di essere passato sotto le forche caudine per colpirmi all'ultimo metro come un Dorando Pietri qualsiasi?
Con un filo di voce, quasi scusandosi: dice "mantenete la dignita' fuori dalla chiesa, dopo la cerimonia". Chiedo che intenda....dice che una delle ultime coppie s'e' fatta portare una barca davanti alla chiesa ed e' andata via su quella.
Capisco che intende. Immagino sia dura fare il frate umile, circondato da una tamarria imperante. Mi sento quasi spiritualmente affine. 
Come cacciatori d'elefanti d'altri tempi, oggi circondati da turisti che girano su SUV con l'aria condizionata. Io e Rossella andiamo via. Lui sta li' nel suo sorriso, a guardar passare i tram, vecchia pista di elefanti, stesa sopra il macadam.

Thursday, 5 September 2013

I miei 5 minuti di notorieta'....ora ne mancano altri 10.

Io vado in vacanza, pero vi lascio con un po' di musica.

Qua c'e' il link alla mia scaletta ;-)
La mia intervista parte a 57.11. Divertitevi!


I go on holidays, I leave you with some music

Here there is my playlist :-)
My interview (in Italian language) starts at 57:11.
Have fun!

Tuesday, 13 August 2013

Wedding Preparation: Fatti Processinare!

The big day is getting closer.....
The good thing about the wedding is that the husband's will is not taken into any consideration, therefore is commonly accepted that he is accountable for nothing. That is a position that suits me well.

My fiance' has bought her dress. I cannot see it.
I wanted to buy my own suit, but she does not trust my
aesthetic sense so she told me that I can buy whatever I want, as long as it is approved by two "fashionable" friends of us.
I guess I should say goodbye to the idea to show up dressed up with my flowery Magnum PI-like shirt.

What I should not forget is that in September we have to go through the priest inquiry: the"processino". You can translate this term as "little trial" or "small judgement".
My best guess is that they put you in a (dark) room and ask you when, where and why we met and stuff like that.

I am a bit nervous about the inquiry because last time I heard a priest talking about trial, he was talking about “Inquisition”. 
I hope they stopped using torture to obtain confessions.
I cannot stand torture. It really bothers me quite.
Just the idea of a small inquisition trial, with small torture tools makes, and small pain me sick.
If he leads me to a dungeon for the inquiry I will confess
straight away anything (I can even invent stuff, if I think that it helps).

Do you have any idea what this "processino" is about?
I just learn that everything will take place on the 11th of September. 
That's great: perfect day to deal with fervent religious devouts! 

Song: St. Vincent- Marry Me.

Saturday, 27 July 2013

To the Little Fluffy monsters that live in my head

Years ago a local Welsh company got warned to change the name of their "Dragon Sausages" because it could mislead customers and confuse them about the origin of the meat.
You may not believe it, but I found the article (link).
I thought that it was brilliant!
 This evidence revamped  my believes that there must be some dragons, hidden somewhere...not just in my head.

Having said that, last week I called a local Taxi. 
The company is called Dragon Taxis so my expectations were high (link).
I was disappointed when I saw that they sent me a car and not an actual dragon.

The cab driver said that the dragon temporarily unavailable: it was sent to a garage for the annual revision, so I still believe that dragons do exist.
Space Ducks "fighting all the evil" exist too (ask Daniel Johnston), as well as the Susuwataries that appear in many Miyazaky's movies.

I have a scientific mind, but I remember that when I was a kid I always wanted to find acceptable explanations for phenomena that I could not understand.
Someone once told me that shooting stars were angels throwing away their cigarette butts before God could catch them smoking.

Fascinating explanation. More interesting than "visible path of a meteoroid that burns as it enters the atmosphere".  
What explanation do you prefer?
Are you also starting to wish that dragons exist?

Tuesday, 16 July 2013

Per Elisa


Allora era vero: anche nella perfida Albione puo’ fare caldo e non piovere per piu’ di 15 giorni!
Mi era stato detto, ma non lo avevo mai sperimentato in questi 4 anni di vita Gallese.
Ora, e’ chiaro se se uno toglie il piumone e inizia a dormire con la finestra aperta, c’e’ un aria di cambiamento.
Dopo tanta pioggia questo caldo accecante stordisce….e infatti la povera ELISA (la mia macchinina c’e’ rimasta).
Enzyme-Linked Immuno Sorbent Assay, per comodita’ detta ELISA era la mia macchinina dal 2009.
Comprata con pochi soldi, speravo mi trasportasse per un paio di anni, ha continuato fino ad oggi.
Certo ultimamente aveva problemi con l’aria condizionata.
Certo problemi c'erano con l’aria condizionata, e anche il riscaldamento non funzionava.

Problemi con l’aria condizionata, il riscaldamento, e lo sportello di sinistra che non si apriva, una freccia non funzionava sempre, la batteria si scaricava quando c’eran sbalzi di temperature e l’autoradio aveva smesso di suonare e c’era un ragno che viveva dietro lo specchietto retrovisore, i licheni sotto l’alettone posteriore, i nemici invisibile dell’igiene visibili compagni di viaggio e a dirla tutta la ruggine ormai aveva fatto dei grossi buchi nella carrozzeria.
Pero’ a parte questo, il resto funzionavano benissimo.
Alla fine aveva fatto 205,000 Km. Pari a 32,4 volte giri della terra. Mi manchera’.
Quindi ho dovuto fare due conti e, considerate che stave arrivando la revision annuale, ho deciso di cambiare la piccolo Elisa con una macchina diversa. L’ho data al rivenditore che mi ha detto che useranno i suoi organi per trapianti di altre FORD. 
Ma questo e’ il passato.
E cosi’ che da ieri e’ arrivata la piccola Column Agglutination Technology, per gli amici CAT, una SKODA argentea.
Stamattina, quando guidavo, pensavo che il motore e’ piu’ potente ma silenzioso, guidare non da le stesse sensazioni. La vecchia Ford Fiesta, quando toccavo 70 miglia, iniziava a tremare e fare rumori strani. Ti dava la vera ebbrezza della velocita’: quella sensazione di compiacente brivido del potere che viene dall’orgoglio della tecnologia umana, coniugata con la coscienza della fragilita’ umana (tutti quei rumorini non erano belli, sapendo che da un momento all’altro potevi perdere pezzi*).
Insomma, portare ELISA a 70 miglia orarie significava al tempo stesso celebrare i successi della tecnologia umana e ponderare la filosofica caduca fragilita' dell’essere biologico.

La macchinina nuova, niente di tutto questo: parte, va, funziona. Questa e’ come un mulo: massiccia, imperturbabile, continua sempre, senza lamentarsi.
Coniuga il disegno spartano dell’Europa dell’Est, con l’affidabilita’ Germanica. 
Ha un carattere diverso. 
Ci vorra' un po' di tempo per capirla. Certe macchinine per bene, sono introverse.Vi faro' sapere quando la conosco meglio.

* Per esempio sono sicuro che se avessi perso l’alettone mi sarei trovato senza aderenza....credo.

Sunday, 16 June 2013

Cappellini e cilidri: lo sposalizio all'inglese.

Qualche settimana fa, vi avevo raccontato del mio ruolo di usciere al matrimonio di Ben, un mio collega australiano.
I matrimoni sono la rappresentazione di una cultura (immaginate, per esempio,
i matrimoni indiani), la regola vale anche per quelli inglesi.
Il giorno dello sposalizio e' una giornata stupenda, con un cielo blu che mette in risalto il verde del parco nazionale del
Breacon Beacon.
Arriviamo alle 11.00, anche se la cerimonia e' alle 14.00.
La sposa (che per cmodita' chiameremo "la generalessa"), ci tiene a passare in rassegna le sue truppe, prima del grande passo.

Verso le 13.00 inizia la vestizione.

Tight con le code, camicia bianca, fusciacca rossa al collo, rosa rossa sul risvolto della giacca, panciotto, orologio cipollone e cappello a cilindro. L'Inghilterra celebra la passata opulenza del suo impero, facendoci vestire in maniera Vittoriana, nei suoi giorni piu' importanti.
Mi guardo all specchio, mi ricordo quando facevo teatro a Dresda. Eccomi pronto per la messinscena (prendo anche la pipa, per immedesimarmi meglio nella parte).

Quasi pronto. Perché' ovviamente ho dimenticato che qua si usano le camicie con i gemelli, ed io, i miei gemelli i ho dimenticati a casa.
La generalessa, non si sa come, aveva previsto anche questo, ed ecco che arrivano i gemelli per la mia camicia.
Esco fuori, vedo la mia ombra, non posso fare a meno di ricordare "papa gambalunga".

La cerimonia non e' religiosa, pertanto e' breve, toccante e intensa.
Seguono un pranzo leggero per una cinquantina di invitati più' intimi (parenti e amici piu' stretti).
Il pranzo si caratterizza per 3 discorsi: il padre della sposa, che ricorda la nascita della generalessa, Ben che
emozionatissimo parla della moglie, il best man (il migliore amico) che ci racconta i lati piccanti della storia facendoci ridere alquanto.
Intanto si son fatte le otto: arriva un altra cinquantina di amici e colleghi.
Iniziano le danze. La tradizione vuole che i novelli sposi aprono le danze.
Capisco perché' Ben mi avesse confidato che, più' dello stress da matrimonio sentiva, lo stress del primo ballo.
E' una complicatissima coreografia, danzata in maniera simmetrica.
Il tutto ha un che di bello, ma non posso non immedesimarmi nel povero Ben, che balla a tempo, ma con la tipica faccia di chi gli e' appena morto il gatto. Concentrato, non rilassato.
Dopo il primo ballo la serata scorre via tra balli, bar, birra e bagordi.
Verso le due me ne vado a nanna.
Il matrimonio si e' svolto in un castello.
Il castello di Crai-Y-Nos insulta essere il castello più' infestato del Galles. Vieppiu' si dice abitato da un fantasma di origine siciliana: la cantate lirica Adelina Patti.
Alla morte accidentale, la cantante chiese di essere imbalsamata e inumata nel cimitero Parigino di Pere Lachese, dove riposava il suo artisticamente "amato" Rossini.
Che pero' nel frattempo era stato trasferito a Santa Croce a Firenze.
Abbastanza per fare incavolare un fantasma (che in
Ignhilterra e in Scozia sembrano essere particolarmente irascibili, dato il gran numero di castelli che si dice infestato).

Io, comunque ero troppo stanco per notare niente di anormale o paranormale, e dormo bene.
Della bella giornata rimangono: foto ridicole con cappello a cilindro a guisa si Phileas Fogg (quello de "il giro del mondo in 80 giorni"), un leggero malditesta e una coppia di amici, da oggi, sposati.

Sunday, 26 May 2013

Progetto (a lungo termine) per costruirmi una piramide.

Ultimamente mi hanno affidato un gruppo da guidare, per qualche mese, per un progetto.
Alla prima riunione, si dovrebbe fare qualche esercizio di team building (i soldi che pagano il progetto vengono dall'America e loro, a queste cose, ci tengono).
Alla prima riunione, ho detto: "team building": vi ho portato dei cioccolatini, siatemi devoti e siate leali gli uni con gli altri. Deal?
La cosa sembra funzionare: il gruppo lavora bene. L'unico problema e' che noto che, quando mi vedono, mi associano all'idea dei cioccolattini e scateno la salivazione (riflesso Pavloviano).


Il mio gruppo e' proprio carino.
Ho potuto scegliere alcuni, mentre altri mi sono stati affidati.
Io porto avanti il progetto e copro la parte scientifica.

Mike l'ho scelto io.
Mike viene da generazioni di rompicoglioni di scozzesi.
La sua famiglia e' stata promotrice dei movimenti luddisti nel 19esimo secolo. I luddisti distruggevano la macchine che rimpiazzavano il lavoro umano.
Sarebbe un sindacalista di sinistra, se in questo paese i sindacati non li avesse asfaltati la Tatcher e la sinistra i Tony Blair.
Io l'ho scelto, perché' Mike e si luddista, ma e' anche un favoloso nerd.
Mike odia le macchina, ma ama i software. Adora smontare le macchine, capirle e perfino migliorarle, purche' non tolgano il lavoro agli uomini.
Secondo me non tutti lo apprezzano per come si presenta. Ma e' un grande acquisto.


Nicole si occupa della parte legale, non la conoscevo prima.
Mi hanno detto che ha un sacco di doti nascoste ed e' Easygoing.
Una dote non e' poi così' nascosta, visto che tutti sanno che fa l'istruttrice di lap dance.
Andremo d'accordo: io ho un gran rispetto per chi si dedica all'insegnamento delle si giuovin virgulte.


Paul e' un ingegnere con esperienza.
Gran lavoratore, da qualche anno sta vivendo una seconda giovinezza.
Appena i suoi figli han fatto sedici anni e, come si usa da queste parti, son stati messi alla porta.
S'e' sentito prima triste, quindi felice. Ha capito che aveva risorse (tempo e soldi) per fare cio' che aveva sempre voluto fare.
Ora, tutti i soldi che guadagna li spende in viaggi con sua moglie, che ama tantissimo.
Vogliono vedere tutti gli hard rock cafe' del mondo e son già' ad oltre 150.
In realtà' a lui i cafe non interessano. Gli piace avere una scusa per andare in posti che altrimenti non visiterebbe. 

2 mesi fa ha finito un dottorato in astrofisica. Che non gli serve a niente, nemmeno per vantarsene.
Io volevo fare il cosmonauta perché' pensavo che rispondere alla domanda: "e tu cosa fai?" "il cosmonauta" facesse colpo sulle ragazze.
Lo ammiro.

Poi ci sono anche altri tre…ma il post diventerebbe troppo lungo.
 
Mi piace avere la responsabilità' di guidare un gruppo.
E' un po' strano, perché' spesso si discutono argomenti e raramente sono la persona che ne sa di più', o son chi ha più' esperienza, o che ha più' capacita' per portare avanti ile singole parti del progetto.
Ma sono l'unico che riesce ad integrarle tutte fra di loro, e con progetti simili che son sviluppati in America.
E' una grande responsabilità', ma e' anche molto divertente.
Se va bene, probabilmente mi daranno un gruppo più' grande e per più' tempo.
Quando ci sono giornate tristanzule, ripeto a me stesso: "per costruire una piramide, mi servono solo 20.000 persone per 10 anni. O viceversa".
Mi serviranno solo pazienza e molti, molti cioccolattini.