Showing posts with label inclassificabile. Show all posts
Showing posts with label inclassificabile. Show all posts

Wednesday, 26 February 2014

Giove Pluvio.


Oggi pensavo che non se ne puo' piu' della pioggia, del cielo nuvoloso e grigio. 
Poi ho pensato che su Giove c'e' una tempesta della grandezza di 3 pianeti come la terra, che dura da 300 anni: la macchia rossa.
Poi ho pensato che su Saturno c'e' una perturbazione gigante di forma esagonale
che chissa' che brutto avere la grandine
puntuta.
Allora poi ho guardato fuori e non mi sembrava piu' cosi' brutto. Infatti poi e' uscito il sole.

Monday, 23 January 2012

psst....

Il mio computer s'è addormentato.
Forse sogna.

Mercoledì lo porto al tecnico della mela e vedo se mi fa la magia di risvegliarmelo.
Se si, vi scrivo presto.
Se no, faccio un papello di bestemmioni e ve li invio a mezzo piccione viaggiatore.

Saturday, 31 December 2011

Goodbye 2011!

Post di fine anno con le considerazioni che hanno accompagnato questo 2011.
Se volete ricordare come erano stati gli anni passati, cliccate qua.

A-Arcade Fire. Sono stato il migliore concerto che ho visto quest'anno. Sono piaciuti tanto che la mia ragazza mi a chiesto di comprare il cd di quel lungagnone di Devendra Banhart che apriva il concerto.

B-Benefici della Crisi. C'è più fame, la gente si ribella ai dittatori. La gente ricca non la sente,  non la paga, evade in Svizzera e ci specula. Alla fine tutti ne beneficiano tranne chi sta nel mezzo.

C-Canone: bisogna pagare una tv che mette insieme un Tg serio, mette in onda Serena Dandini e la sua banda, a Maurizio Crozza e da opportunità a un grande spettacolo sociale come quello di Saviano.

D-Don Matteo, non so, tutti lo guardano, ma da quando si veste da suora non è più lui. Spero sempre che Terence Hill ricominci a dare cazzotti da un momento all'altro.


E- Economia, da un lato quelli "buoni" BRIC: Brasile, Russia, India, Cina. Dall'altro i PIGS i gioielli i buoni ordinari del tesoro americano? (Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia, Spagna). Ma non è che gli acronimi in economia li decidono i Cinesi, che ormai tengono gli economisti americani per 

F-Frate indovino. Passando davanti alla chiesa mi hanno offerto il calendario di Frate Indovino. Ho detto di no. Chi vuole un calendario che mostra un frate ignudo?

G-Gnorri. CISL, UIL, Confindustria, la CEI. Com'è che prima applaudivano il governo e ora dicono "lo sapevamo" e alzano la voce? Dov'erano prima quando la Lega e PdL demolivano l'Italia? Alcuni dei miei amici si ritengono fortunati perchè non avendo diritti o dignità da lavoratori, non hanno bisogno d questa gentaglia (escluse FIOM e Camusso).


H-H. L'unica lettera che se si aspira si sente di più. Ma non nuoce gravemnte alle donne incinte.
 
I-Facebook Innaffiare: gli amici sono come le piante. Certi amici sono come le orchidee che vogliono cura costante e ambiente immodificabile. Se vivi all'estero li devi innaffiare ogni giorno mandadogli notizie su Facebook altrimenti li perdi. Io ho degli amci che sono come delle sequoie. Non le devo annaffiare (che infatti non ho Facebook) eppure so che sono lì, lontani, con meno capelli e più pance, ma ci sono. Sono fortunato.

L-Ladri. Una volta mi stavano derubando. Mi chiede l'orologio. Lo faccio vedere. Mi dice: "non mi piace". Ci son rimasto male.

M-Mensa Pauperorum. Nel 2006 aprii questo blog immaginandolo come una guest house (be-my-guest.splinder.com). Crescendo in realismo e cinismo l'ho adeguato ai tempi. Ubi est mensa pauperorum? (cit. La tregua di Primo Levi).

N-Navigatore: Il mio navigatore mi odia, mi da indicazioni sbagliate perchè gli sembra brutto dirmi: "scendi e chiedi ai passanti". Mi han regalato un nuovo navigatore serio. Mi sa che son finite le avventure.

O-Orsi e Pinguini: I primi abitano al polo nord, gli altri al polo sud, s'incontrano una volta all'anno. Nelle pubblicità della coca cola.

P-Pubblicità aggressive: mi chiamano al telefono, dicono che se rivelo che abbonamento ho mi offrono lo stesso a metà prezzo. Dico che non uso tanto il cellulare, mi dicono quando ho ricaricato l'ultima volta. Dico "5 sterline, 3 mesi fa", richiudono il telefono lanciando anatemi contro la mia vita sociale.

Q-Quanto basta. Ma chi di questi tempi sa dvvero Q.B.? il senso della misura? Nel dubbio aggiungere colla di pesce. Qualunque cosa sia.

R
-Religione. Qualcuno s'è chiesto: se a casa mia faccio il presepe, la casa vale come edificio edibito a luogo di culto e pertanto non devo pagare l'ICI?

S-Something smells funny. Funny? Allora certa gente ha un umorismo di merda.

T-Thor. Il primo Maggio i miei cuginetti mi dicono di accompagnarli a vedere la storia del dio col martello. Chiedo se abbiano fatto il film di S. Giuseppe lavoratore, mi dicono che trattasi di Thor, dio norreno!

U-Ultimo anno dello shuttle, ho visto il lancio di Juno. Ho messo gli occhiali. Le stelle ora appaiono più vicine, mentre non sono mai state così lontane. 


V-Videomusic. Videodedica. Sarei davvero curioso di vedere un concerto di un paraninfo che conosco.

Z-Zombie. Manuale per sopravvivere agli zombies, Orgoglio e pregiudizio e zombies sono stati best-sellers...ed io che ho vissuto anni dietro le catacombe dei cappuccini, avrei potuto scrivere un libro di quel genere, che piacesse ai teen agers. Qualcosa come "Scusami se ti chiamo zombie" o "3 metri sotto tera".

Il prossimo anno sarà un anno migliore di quello appena passato.
Lo so, ci vuole poco. Ma è bello crederci.

Saturday, 12 November 2011

S'è dimesso

A.E.I.O.U.Y...........euuuu, me amigo Charlie Brown....

Friday, 29 July 2011

In Partenza....

 


















E' un po' che non scrivo, lo so.
Ma il periodo e' un po' incasinato.
Nelle prossime settimane saro' in America.




Se volete provare a indovianare il mio itinerario, queste sono le citta' (clicca sui numeri per vedere i link).

1, 2, 3, 4, 5, 6.

:ǝuoıznlos
ɹɐɯɐɹıɯ -1
ɹǝʇıdnɾ -2
ɹǝʇuǝɔ ǝɔɐds ʎpǝuuǝʞ -3
ɐʇuɐlʇɐ -4
ɹǝʇsǝɥɔoɹ -5
ıɯɐıɯ -6



Saturday, 9 July 2011

Accumulo di pensieri squinquernati causati dalle inascoltate richieste mattutine di laridi recentemente schiusisi

E’ estate e i pensieri vanno in giro in maniera casuale.
E’ difficile metterne tre in croce sui pezzi di carta scribacchio idee che iu’ che idee sono brandelli di pensieri estratti alla calura umida e al sonno estivo.


Su uno ho scritto: “i gabbiani sono come gli omarelli: i pensionati che sembrano osservare il mondo intorno”.
I gabbiani che vedo sono grossi, volano di rado ma piu’ spesso camminano impettiti con le ali incrociati dietro (la tipica posa da omarello osservante).
Sembrano interessarsi al mondo degli umani, e forse se ne sentono parte.
L’altro giorno quando l’altoparlante della stazione ha detto che il treno sarebbe arrivato in ritardo ho visto nell’occhio del gabbiano uno sguardo di rabbioso disappunto.


Poi il treno e’ arrivato, ha aperto le porte, lui ha girato un po’ in tondo e infine e’ volato via in direzione del mare.
Da piccolo mi chiedevo chi informasse Babbo Natale dei nostri comportamenti, e dopo la prima comunione chiesi come facevano in paradiso a sapere chi era stato buono e chi no.
Secondo me i gabbiani lavorano per i servizi segreti del principale (dio o Babbo Natale, fate voi).

Su un altro pizzino ho scritto qualcosa sul fatto che: "ora ltalia m’e’ diventata comunista e che un opportunita’ di lavoro potrebbe essere fare il posteggiatore dei cavalli dei cosacchi che prima o poi sono certo, si verranno ad abbeverare alle fontane di piazza san Pietro".
Mi viene un dubbio: io di fontane a San Pietro, non me ne ricordo....ci avranno preso di nuovo per il culo?
A proposito di lavoro e’ tempo di iniziare a vedere cosa fare da grande....sta cosa la dico sempre tanto che mi sa che lo capiro’ cosa fare da grande 5 minuti prima di andare in pensione.
Che poi e’ sempre cosi’: una volta i ventenni mi sembravano anziani mentre ora vedo certi trentenni che ancora devono crescere.
Se guardo i miei coetanei, ricercatori, pochi hanno trovato la stabilita’....ma cio’ non impedisce loro di essere felici.
I miei genitori a 27 anni avevano un lavoro fisso ed erano sposati: erano felici, poi ebbero me e le cose cambiarono (non nel senso che non erano piu’ felici....credo); anche se la prima volta che chiesi come venivano fatti i bambini mi dissero che quando una coppia era felice, gli mandavano sulla terra un bambino.
Li’ per li’ pensai che fosse a sugellare la felicita’ anche se ora che ci penso bene, forse quando me l’hanno detto era ironici.
...e cio’ nonostante io dormissi tantissimo la notte (allora, come oggi) quindi dal punto di vista neo-genitoriale ero un ottmo bambino.
Ora io non ricordo come doveva finire sto post, perche’ invece ultimamente mi manca il sonno e i pensieri vengono fuori un po’ cosi’.


Diciamo cosi’: l’avete presente “Dialogo della Natura e di un Islandese” di Leopardi? L’operetta morale in cui la Natura e’ dipinta come la causa dell'infelicità umana?
 
Ecco, due gabbiani erano felici e allora hanno ricevuto dei figli (tramite cicogna).
Sta di fatto che ogni mattina appena albeggia inizio a sentire i piccoli gabbiani garrire e un po’ di dubbi sulla natura malevola della Natura incomincio a nutrirli pure io che disconosco il pessimismo cosmico e chi lo persegue (e spande).
Poi a volte arriva la madre al nido e li nutre. Altre volte la colazione la faccio io (nel senso che mi alzo e inizio prima la giornata alle 4, non che nutro i gabbiani).
Non vedo l’ora che i piccoli crescano e lascino il nido per andare a giudicare le genti di questo mondo come gli angeli de “il cielo sopra Berlino”.

Poi decidano d’innamorarsi, abbandonino le ali e finiscano come Colombo.
...ed ora mi addormo.

Saturday, 11 June 2011

Referendum

In questi giorni s'e' parlato tanto dei referendum.
Vi dico come la penso io.

Acqua: abito in un paese dove piove sempre...mi aspettavo di pagare una cifra irrisoria per l'acqua.
Quest'anno per il mio appartamento ho pagato l'equivalente di 656.02 Euro.
Non ho un castello, ne' vivo nella famosa casa sulla cascata (dove l'acqua esce da un rubinetto costantemente aperto). Il prezzo assurdo e' si risultato delle privatizzazioni della Tatcher.
Uno pensa, se privatizzano ci sara' concorrenza tra privati. Giusto? Con l'Acqua non e' cosi': un consorzio distribuisce e l'acqua e tu puoi pagare, oppure farti passare un tubo da una nazione vicina, e pagare il giusto d'acqua. l'ingiusto di idraulico, per l'impianto.
Per quanto riguarda l'efficenza, i privati, una volta acquisito il monopolio non hanno interesse a migliorare la rete idrica, come riportato piu' volte.
La destra ha provato a comprare i voti con i 10 Euro dell'ecopass?
La compravendita dei voti e' una pratica terribile, ma fatevi un po' di conti: il vostro voto, questa volta ha una valore economico enorme.

Acqua - Votate Si, Si perche' a me brucia ancora il culo dall'ultima bolletta.
Nucleare. Probabilmente verra' fatto nel Nord Italia dove le condizioni politiche sono piu' favorevoli (per esempio la Lega Nord non e' affatto contraria).
Allora io che vengo dal Sud e zona sismica dovrei essere favorevole?
No: il nucleare non conviene per vari motivi.
L'uranio viene dalla Russia e la cosa non e' politicamente vantaggiosa.
L'energia la compriamo dalla Francia, ma a prezzi di mercato vantaggiosi (visto che in sovrapproduzione), con i 30 miliardi hai voglia di comprare energia e nel frattempo sviluppare le energie alternative.
Ma al di la' di questo ricordatevi che le scorie normali, non riusciamo a buttarle a cusa degli interessi, immaginatevi il giro di interessi attorno alle scorie nucleari.
Ogni volta che ci sono interessi ci sono sempre i soliti che "mangiano".
Il ponte di Messina e' stato appaltato alla stessa ditta che aveva fatto l'ospedale dell'Aquila, quello crollato perche' anziche' usare cemento avevano messo sabbia.
Volete che in un paese cosi' bloccato dai conflitti di interessi e favori reciproci si costruiscano delle centrali atomiche? Io no:


ricordate quanto ridevano pensando a quanto c'era da ricostruire? immaginate cosa farebbero dopo un danno maggiore.
Nucleare- Votate si, per salvare il vostro culo.
Leggittimo impedimento.
La legge e' uguale per tutti e qualunque capo di governo implicato in faccende poco chiare per prima cosa ha il dovere di chiarire, poi di governare.
Se non puo' fare le due cose, prima si faccia processare, chiarisca, poi governi, se proprio deve.
Il legittimo impedimento non deve esiste: ognuno deve prendersi le sue responsabilita'.

Legittimo impedimento- Votate si perche' e' ora di smetterla di usare la giustizia come una cloaca e fare leggi a prova di (un) culo.

Detto cio' voi vi chiederete se io torno per votare.
La risposta e' no.
Pero' ho fatto in parte il mio dovere, mando mia nonna, che non vota ai referendum dai tempi del divorzio (il referendum del 74, non quello di mia nonna).
Io: - Nonna come stai?
Nonna: - ma...che ti devo dire: "come una vecchia di 80 anni"
Io: - Perfetto: allora bene, visto che di anni ne hai 86!
Nonna: - ma chi ta ddiri.
Io: - Senti un po', non e' che andresti a votare? Mando mio fratello a prenderti: ne va del nostro futuro.
Nonna: - Se e' per il nostro futuro, allora va bene.

Mia nonna e' una grande.
Certo se mia nonna a 86 anni va a votare e tu non ci vai devi proprio sentirti in colpa.

Friday, 27 May 2011

Il sol dell’avvenire, quello vero.

Avete presente le palestre? Questi luoghi dove si bruciano i grassi (i lipidi, non le persone in sovrappeso) su strani macchinari, mentre schermi ti mostrano dei tamarri rappanti circondati da culi che "cantano"?Gli schermi servono a creare l’effetto asino-carota e motivare gli atleti che vogliono diventare come gli uomini dei video (indi tamarri), mentre le donne si immedesimano nel bel canto.
Mi sono trovato in uno di questi postacci.
Alla lezione di spinning l’istruttrice ci chiede di immedesimarci sull’attrezzo e invita a capirlo e dare il nostro meglio.
La gente accanto a me sembra infervorata, sicuramente pensano di essere ciclisti (dopati) al giro d’Italia.
Sara’ che io non ho capito lo spirito.
Infatti la bici che immagino va principalemnte in discesa ed e’ carica di cose per fare un bel picnic, almeno nella mia immaginazione.
Al vogatore non va meglio, visto che m’immedesimo nella canoa, e in particolare in quella volta che senza volerlo ho beccato una papera tedesca con un remo e (forse l'ho ammazzata)....son ricordi brutti.

Il motivo per cui sono in palestra e’ che si devono fare dei km con gli attrezzi per una charity.
Sta cosa delle charity e’ molto diffusa in UK, dove il governo e’ inefficente o taglia molti servizi e tutto viene gestito (meglio) dalle charities.
Per paragonare la situazione e’ simile a quello che fa Telethon in Italia: il governo dovrebbe investire nella ricerca, ma non lo fa, allora la gente la sovvenziona privatamente per mezzo di una fondazione.
Per questo io sono stato incastrato dal mio gruppo per correre/pedalare/vogare per 500 km in 3 giorni (10 persone).

Solo che qui hanno milioni di fondazioni, da quelle piu’ serie a quelle che ai miei occhi appaiono quanto meno deliterie.
Una delle piu’ famose, per esempio raccoglie fondi per i soldati.
In cambio della “donazione per gli eroi” si riceve un papavero rosso.
Io non l’ho mai preso: penso che i soldi per i soldati, per curare i problemi dei reduci, per le pensione dei mutilati debba venire dal governo.

Invece per un governo conservatore come quello che c’e’ in Gran Bretagna e’ normale tagliare servizi e delegare al buon cuore della gente....ma e’ anche possibile farlo a fronte di ordinativi per vari miliardi per portaerei nucleari etc.
Gia’ in passato i servizi sono stati privatizzati e, seppur piu’ efficienti, ormai hanno costi davvero assurdi beni primari come acqua, trasporto via treno, energia e perfino l'istruzione (retta universitaria 9000 sterline/anno escluso affitto etc.)
Penso alla situazione italiana, penso a quello che si vuole fare e quale futuri immagina la destra populista che al momento detta legge.
Ora sono in palestra all’alba. Non c’e’ nessuno e mi viene molto piu’ facile correre senza tutti quei culi che ti distraggono.
L’ho fatta all’alba perche’ mi piace correre in silenzio e vedere sorgere il sole dietro il verde, sapendo che in fondo alla collina c’e’ il mare....il sol dell’avvenire.

Io la mia parte di km l’ho fatta (in realta’ anche un po’ di piu’).
Se non vi volete ritrovare a correre all’alba per garantire i servizi minimi a voi e ai vostri figli, correte a votare questo fine settimana e votate ai referendum.

Che il sol dell’avvenire riscalda, chi reclama i suoi diritti fondamentali e li fa amministrare da chi ha la moralita’ richiesta.

Vado che stasera esordisco ad Holyrood

Monday, 2 May 2011

Monday, 4 April 2011

Fine di Mondo

Ciao a tutti.
Da molte settimane i blog di splinder non compaiono piu' su Google.
Il dominio di splinder scade il 5 Aprile 2011 (1 4 riga: Expires on) e negli ultimi giorni i disservizi sono aumentati facendo sospettare il peggio (putroppo non si riesce a comunicare con la redazione)
(2, 3).

Sperando di sbagliarmi conto di tornare a postare il 6 Aprile (con la spiegazione de "il post piu' bello che abbia mai scritto"). Se pero' i problemi con Google persisteranno dovro' iniziare a capire come trasferire armi e bagagli, post e commenti, su un altra piattaforma.
Altrimenti, mi portero' questo segreto, per sempre
.

Hoppipolla in islandese significa "saltando nelle pozzanghere"....nel caso ve lo stavate chiedendo (no, non parlo Islandese: ho gia' abbastanza problemi col Francese e le altre lingue).
AGGIORNAMENTO: il dominio e' stato rinnovato. (4)
Resta il fatto che se non rimettono i coolegamenti (PageRank) per Google sono ancora invisibili.
Ho scitto alla redazione in proposito ma nessuno riesce a cavare un ragno dal buco.

Sunday, 14 November 2010

Allegro con Brio.

Ultimamente ho poco tempo per scrivere.
Vieppiu', mi sembra che siamo, almeno in termini politici, assistendo alla fine di un era.
L'ordine delle cose, non verra' sovvertito dai giudici o dalle inchieste giornalistiche, ma dal fatto che
sono finiti i soldi per fare finta che si sta bene e tenere a bada i nemici (anche se ancora provano a comprare un po' di voti coi soldi pubblici alle scuole private).
Perfino gli industriali che hanno fatto affari d'oro sulle spalle degli operai, ora si rendono conto che la crisi economica e di credibilita' nazionale influisce pesantemente sui loro affari.
La chiesa che che aveva organizzato con Berlusconi i family-day contro Prodi (un democristiano devoto e monosposato), ora si rende conto che forse ha sbagliato a puntare.
Le Alitalie tornano ad essere (s)vendute all'AirFrance nel 2013 etc.
E la crisi ormai si fa sentire sempre di piu' nelle bassi classe sociali.
Ora, anziche' fare la parte della Cassandra, col ditino rivangatore di "io ve l'avevo detto".
Vista la mancanza di tempo, anziche' come afanno altri blogger che mettono un video, io mi limito a rendere questo blog piu' leggero e brioso riportando un brano di uno dei miei autori preferiti: E.A. Poe che spiega molto bene l'attuale situazione in modo leggero e brillante.

____________________________________

La mascherata della morte rossa (E.A. Poe)
Da tempo la "morte rossa" devastava il paese.
Mai crisi economica era stata piu' fatale, o piu' spaventosa. La poverta’ aveva facilitato il diffondersi di un epidemia di cui il rosso del sangue erano la sua manifestazione e il suo suggello. Essa appariva con dolori acuti, uno stordimento improvviso, poi la dissoluzione.

Ma il cavaliere Prospero era una creatura felice, indomabile e insaziabile.
Quando le sue terre furono a meta' spopolate, egli raduno' al proprio cospetto un migliaio di amici sani e spensierati scelti tra i notabili e le dame della sua corte, e con costoro si ritiro' nell'inviolato isolamento di una delle tante sue ville, su un isola.
Era una costruzione enorme, splendida, creata dal gusto eccentrico e sfarzoso del cavaliere  in persona. Un muro forte e altissimo la circondava. Questo muro era munito di cancelli di ferro e protetti, dal segreto di stato e dai soldati del regno.
Appena furono entrati, i cortigiani presero incudini e martelli massicci e saldarono le serrature.
Erano decisi a non lasciare alcuna possibilita' di entrata o di uscita agli improvvisi scatti di disperazione o di demenza che potevano nascere all'interno. La certosa era ampiamente fornita di viveri, e con tante precauzioni i cortigiani potevano permettersi di sfidare il contagio.
Che il mondo esterno pensasse a se stesso: nel frattempo era follia addolorarsi o pensare. Il cavaliere  si era preoccupato di provvedere a tutti i mezzi di divertimento: vi erano buffoni, ballerini, musicanti, vi era gioventu’ e bellezza, vi era vino e stordimento.
Tutte queste cose e la sicurezza regnavano la' dentro mentre fuori infuriava la "morte rossa".

Fu verso il finire del quinto o del sesto mese del proprio isolamento, e mentre la pestilenza fuori era al colmo della sua virulenza, che il cavaliere  Prospero decise di offrire ai suoi mille amici un ballo mascherato d'insolito splendore e dal sapore esotico.
Fu uno spettacolo d'inaudita ricchezza, questa mascherata; ma desidero descrivere le stanze in cui essa si svolse. Ve n'erano sette, che formavano un unico maestoso appartamento. In molti palazzi pero' simili fughe di stanze formano una veduta lunga e diritta, mentre le porte a due battenti scorrono sin quasi entro le pareti su ciascun lato, in modo da permettere di abbracciare tutta l'estensione dell'appartamento con una sola occhiata. Qui pero' la cosa era molto diversa, com'era facile aspettarsi dall'amore del duca per il bizzarro al limite del pacchiano. Le camere erano disposte in modo talmente irregolare che lo sguardo stentava a comprenderne poco piu' di una alla volta. A ogni venti o trenta metri vi era una svolta brusca e a ogni svolta l'effetto era diverso. A destra e a manca, nel mezzo di ciascuna parete, un'alta e slanciata finestra gotica dava su un corridoio chiuso che assecondava le tortuosita' dell'appartamento.
Queste finestre erano di vetro colorato e il loro colore variava secondo la tinta predominante delle decorazioni della stanza entro la quale ciascuna finestra si apriva. La stanza sull'estremo lato orientale era drappeggiata, per esempio, di azzurro; e di un azzurro intenso erano le finestre.
La seconda stanza aveva gli ornamenti e le tappezzerie purpuree, e purpuree pure erano le invetriate.
La terza stanza era tutta verde, e altrettanto le finestre.
La quarta era arredata e illuminata in colore arancione, la quinta di bianco, la sesta di violetto. La settima stanza era pesantemente avvolta in panneggi di velluto nero che pendevano ovunque dal soffitto e dalle pareti, ricadendo in pesanti pieghe su un letto a baldacchino ch si diceva essere appartenuto a un cavaliere  dell’est, della stessa stoffa e colore. In quest'unica stanza pero' la tinta delle finestre non corrispondeva alle decorazioni. Le invetriate erano di colore scarlatto, di un sanguigno cupo. Ora in nessuna di quelle sette stanze vi era una sola lampada o candelabro, pur tra la profusione di ornamenti dorati sparsi qua e la' o pendenti dai soffitti. Nessuna luce di nessun genere vi era che emanasse da lampada o candela entro la fuga di stanze, ma nei corridoi che ne accompagnavano i serpeggiamenti era appoggiato, di contro a ciascuna finestra, un pesante tripode, reggente un braciere acceso, il cui fuoco proiettava i suoi raggi attraverso il vetro istoriato da cui la stanza era in tal modo vividamente illuminata.
Questo produceva un'infinita' di immagini variopinte e fantastiche. Ma nella stanza nera, la occidentale, l'effetto della luce e del fuoco che si diffondeva sui neri panneggi attraverso le invetriate tinte di sanguigno era spettrale all'estremo, e produceva sulle fisionomie di coloro che vi entravano un'apparenza talmente irreale, che pochi tra gli ospiti dell'abbazia avevano l'ardire di porre piede in quel locale.

In questa stanza vi era pure, poggiato contro la parete occidentale, un gigantesco orologio d'ebano. Il suo pendolo oscillava innanzi e indietro con un brusio sordo, cupo, monotono; e allorche' la lancetta dei minuti compiva il giro del quadrante e l'ora batteva, proveniva dai polmoni di bronzo dell'orologio un suono chiaro e forte e profondo e straordinariamente musicale, ma cosi' stranamente accentuato che, allo scoccare di ogni ora i musicanti dell'orchestra erano costretti ad arrestarsi per un attimo durante l'esecuzione dei loro pezzi, e ad ascoltare quel suono; cosi' anche le coppie danzanti cessavano forzatamente le loro evoluzioni, e in tutta la gaia compagnia subentrava come un breve smarrimento, e mentre ancora echeggiavano i rintocchi dell'orologio, si poteva notare che i piu' storditi impallidivano e i piu' vecchi e tranquilli si passavano una mano sulla fronte in un gesto di confusa fantasticheria e meditazione. Ma non appena quei rintocchi tacevano, subito tutti erano pervasi da un lieve riso; i musicanti si guardavano tra loro e sorridevano quasi a beffarsi del proprio nervosismo e della propria esitazione, e sussurrando si ripromettevano gli uni agli altri che il prossimo scoccare della pendola non li avrebbe piu' sorpresi e scossi a quel modo; ma quando, al termine di sessanta minuti di nuovo si udivano i rintocchi dell'orologio, ecco che quello stesso smarrimento e incertezza e concentrazione s'impadronivano degli astanti.
Nonostante cio', tuttavia, la festa era gaia e splendida.
I gusti del cavaliere Prospero erano specialissimi. Egli possedeva una conoscenza sagace dei colori e degli effetti: i suoi progetti erano audaci e bizzarri, e le sue ideazioni splendevano di sfarzo barbarico.
Forse qualcuno avrebbe potuto giudicarlo pazzo, ma cosi' non lo ritenevano i suoi seguaci: bisognava ascoltarlo raccontare storie piccanti e udirlo narrare tali fantasticherie assurde e vivergli dappresso per essere certi che non lo fosse, sebbene, incontrolablmente malato dal desiderio e bisognoso di attenzioni.

Era stato lui a dirigere personalmente gran parte degli abbellimenti temporanei delle sette stanze, in occasione di quella grande festa, ed era stato il suo gusto personale a conferire carattere alle maschere. Erano certamente maschere grottesche. Sfavillanti e luccicanti, erano, piccanti e fantastiche e a creare un volcano artificiale nel giardino della residenza.
 Alcune di queste maschere erano figure d'arabesco, di libica fattura, con membra e ornamenti strampalati.
 Altre parevano le fantasie deliranti di un pazzo. Molte altre ancora erano bellissime, molte capricciose, molte bizzarre, alcune terribili, e non poche avrebbero potuto suscitare disgusto.
In realta' nelle sette stanze si avvicendavano senza posa miriadi di sogni. E questi, i sogni, si torcevano qua e la', assumendo colore nelle stanze e provocando la sensazione che la musica ossessionante dell'orchestra non fosse che l'eco dei loro passi. Ed ecco che ancora la pendola d'ebano, nella sala del velluto, batte le ore. Ed ecco che ancora per un attimo tutto e' immobilita' e silenzio, tranne la voce dell'orologio. I sogni s'irrigidiscono e si raggelano nel punto in cui stavanovolteggiando, ma gli echi della suoneria muoiono lontani, non sono durati che un istante, e un riso sommesso, leggero, fluttua e l'insegue mentre essi si dileguano. Ed ecco che la musica si rinturgidisce, e i sogni rivivono, e nuovamente si attorcono ancora piu' gai che per l'innanzi, colorandosi ai riflessi delle finestre variopinte attraverso cui si rifrange in mille raggi il bagliore dei tripodi. Ma verso la camera piu' occidentale delle sette nessuna maschera osa ora avventurarsi; poiche' la notte sta ormai trascolorando, e dalle invetriate sanguigne si irradia una luce piu' rossiccia, e la cupezza degli scuri drappeggi sgomenta, e a colui il cui piede si posa sul nero tappeto giunge dal vicino orologio d'ebano un rintocco smorzato, piu' solenne, piu' veemente, di quanto possa giungere agli orecchi di coloro che si abbandonano al piacere e alla gaiezza nelle stanze piu' lontane.
Ma queste altre stanze erano fittamente affollate, e in esse il cuore della vita pulsava febbrilmente. E la festa prosegui' turbinosa, sinche' all'orologio incominciarono i primi rintocchi della mezzanotte. E la musica cesso', come ho detto, e le evoluzioni dei ballerini s'interruppero, e come prima vi fu un inquieto arresto di ogni cosa. Questa volta pero' alla pendola stavano scoccando dodici colpi, e cosi' fu forse che piu' pensiero, con piu' tempo, pote' insinuarsi nelle menti dei piu' riflessivi fra la turba dei baldorianti.
 E questo fu forse anche il motivo per il quale prima che gli ultimi echi dell'ultimo rintocco si perdettero e si smorzassero nel silenzio, piu' d'uno tra la folla ebbe modo di avvertire la presenza di una figura mascherata che sino a quel momento non aveva attratta l'attenzione di alcuno. Ed essendosi rapidamente diffusa all'intorno in un sussurro la voce di questa nuova presenza, si levo' alfine da tutta la compagnia un fremito, un mormorio, dapprima di disapprovazione e di sorpresa... e infine di spavento, di orrore, di disgusto.

In un'accolta di fantasmi quale io ho descritta e' facile immaginare che un'apparizione normale non avrebbe certamente suscitato tanto scompiglio. In realta' la licenza sfrenata di quella notte non aveva quasi limiti, ma la  figura in questione avrebbe superato in crudelta' fantastica lo stesso Erode, e aveva persino oltrepassato i confini pure immensi della stravaganza del cavaliere . Anche i cuori degli esseri piu' sfrenati hanno corde che non possono essere toccate senza che vibrino di emozione. Anche per gli esseri piu' perduti, per i quali la vita e la morte sono ugualmente motivo di beffa, esistono cose di cui non e' possibile beffarsi. Tutti gli astanti insomma sentivano ormai acutamente che nel costume e nel portamento dello straniero non vi erano ne' spirito ne' decenza. La figura era alta e scarna, e avvolta da capo a piedi nei vestimenti della tomba. La maschera che ne nascondeva il viso era talmente simile all'aspetto di un cadavere irrigidito che anche l'occhio piu' attento avrebbe stentato a scoprire l'inganno. Eppure tutto cio' avrebbe potuto essere sopportato, se non approvato, dai gaudenti forsennati che si aggiravano per quelle sale: ma il travestimento aveva spinto tant'oltre la sfrontatezza da assumere le sembianze della "morte rossa". Le sue vesti erano intrise di sangue, e la sua vasta fronte e tutti i lineamenti della sua faccia erano spruzzati dell'orrore scarlatto. Allorche' gli occhi del cavaliere Prospero caddero su questa spettrale immagine (che con movimenti tardi e solenni, come per meglio sostenere il proprio ruolo,
 si aggirava tra i danzatori) lo si vide contorcersi, a un primo momento, in un lungo brivido forse di terrore, forse di disgusto; ma subito dopo la sua fronte si invermiglio' di collera.
 - Chi osa? - domando' con voce rauca ai cortigiani che lo attorniavano, - chi osa insultarci con questa irrisione sacrilega? Prendetelo e smascheratelo, affinche' possiamo sapere chi impiccheremo all'alba ai merli del nostro palazzo!

Quando proferi' queste parole il cavaliere Prospero si trovava nella stanza  turchina, ovvero la stanza orientale. Esse rimbombarono alte e chiare per tutte le sette stanze.
Nella stanza turchina stava il cavaliere , attorniato da un gruppo di giovani cortigiane pallide. A tutta prima, non appena egli ebbe parlato, questo gruppo ebbe un lieve moto irrompente in direzione dell'intruso, il quale in quell'attimo si trovava pure vicino e ora con passo solenne e deciso si approssimava ancor piu' al cavaliere . Ma per un misterioso innominato terrore che l'aspetto pauroso della maschera aveva ispirato a tutti i presenti, nessuno oso' stendere una mano per afferrarla, cosicche' lo sconosciuto pote' passare a un metro di  distanza dalla persona del cavaliere  senza che alcuno lo trattenesse, e mentre la folla, come colta da un unico subitaneo impulso, si ritraeva dal centro delle stanze verso le pareti, egli prosegui' indisturbato nel proprio cammino, ma sempre con quel passo maestoso e misurato che lo aveva distinto sin dal primo momento, attraverso la stanza turchina a quella purpurea, dalla stanza purpurea alla verde, dalla stanza verde alla stanza arancione, e poi alla bianca, e da questa si spinse persino nella stanza violetta, prima che venisse  fatto un movimento risoluto per fermarlo. Fu allora pero' che il cavaliere Prospero, accecato di collera e vergognoso per la propria momentanea codardia, si butto' precipitosamente attraverso le sei stanze, non seguito da alcuno, causa il terrore mortale che aveva raggelato tutti quanti i presenti. Impugnava alta sul capo una spada sguainata, e si era avvicinato, rapido, impetuoso, a pochissimi passi dalla figura, retrocedente, quando questa, giunta all'estremita' della stanza di velluto, si volse bruscamente e affronto' il proprio inseguitore. Si intese un grido lacerante, e la spada si abbatte' in uno sfavillio sul nero del tappeto, sopra il quale, un attimo dopo, cadde  prostrato nella morte il cavaliere Prospero. Allora, raccogliendo in se' il  folle coraggio della disperazione, un gruppo di baldorianti si precipito' nella stanza nera e afferro' il travestito, la cui alta figura stava eretta e immobile entro l'ombra della pendola d'ebano, ma un gemito di indicibile orrore usci' dai loro petti quando essi si accorsero che le vesti funerarie e la  maschera cadaverica che avevano strette con tanta violenta rudezza non contenevano alcuna forma tangibile.

E allora tutti compresero e riconobbero la presenza della "morte rossa" giunta come un ladro nella notte, e a uno a uno i gaudenti giacquero nelle sale irrorate di sangue delle loro gozzoviglie, e ciascuno mori' nell'atteggiamento disperato in cui era caduto. E la vita della pendola d'ebano si estinse con quella dell'ultimo dei baldorianti. E le fiamme dei tripodi si spensero. E l'Oscurita', la Decomposizione e la Morte rossa regnarono indisturbate su tutto.

Saturday, 7 August 2010

Sono ancora negli Usa.


Appena finisco di giocare con gli alligatori della Florida vi racconto tutto.

Saturday, 17 July 2010

Un giorno come tanti, ma con qualcosa in meno.

Era un di quei giorni quando piove, ma in una maniera positiva. In autostrada avevo gia' visto 3 arcobaleni.
Poi Nation radio (che si chiama cosi' ma in realta' si prende solo nel Galles del
sud) aveva messo su una  canzone di quelle che ti mettono di buon umore ; tipo gli Svedesi  "I am from Barcelona".
Insomma, entrando a lavoro ero abbastanza sicuro che sarebbe stata una bella giornata.
In mattina avevo l'ultima lezione di un corso sul come comunicare efficientemente informazioni e oggi ci toccava dare una "lezione" applicando cio' che s'era imparato.
Io ero contento perche' Ester aveva detto che ci avrebbe insegnato a parlare coi morti e ottenerne risposte e aspettavo fiducioso pronto a cogliere ogni suggerimento....tipo un "15 e 68 sulla ruota di Napoli".
In realta' spiego' il linguaggio dei segni,che aveva detto che ci avrebbe insegnato a comunicare coi sordi (deaf people), anziche' coi morti (death people)*.
Comunque e' stato interessante, sicuramente utile.
Al momento sto approfondendo come si dicono le parolacce. Anche la mia lezione su
come fare le moltiplicazioni complesse usando disegni anziche ' le tabelline e' stato un successone (che se al ci fossero meno commercialisti e piu' disegni ci sarebbe anche molta piu' felicita').
Di buon umore avanzavo verso il pranzo.
Qua nel Regno Unito non si mangia male; comunque meglio rispetto a Germania  o a Ginevra.
O magari e' anche vero che dopo  vari anni di emigrazione mi si sono abbassati gli standard culinari.
Mentre di buon umore ponderavo tutto cio' abbastanza fiducioso che tra il menu standard, quello salutista scansando quello per vegetariani (che siamo uomini mica panda o conigli) avrei trovato qualche approviagionamento edule di mio gradimento.
Fu proprio allora che, la vidi: una torta che omaggiava la star di questi mondiali: Paul the Octopus (Polpo-Paul) ottagonale, ricoperta di polipi di zucchero colorato che, giocando col plurale di Octopus che in inglese e' Octopi (pronuncia octopai), era diventato una torta (pie pronuncia pai): la terribile Octopie.
Uno dovrebbe imparare a vivere coi propri incubi (vedi disegno sopra); ma il giorno, accelerando improvvisamente duro' poco piu' e si stempero' in un inutile sera... come diceva Rossella "e fu sera e fu mattino: altro giorno".
E presto un altro giorno
fu.

* I am going to teach you how to communicate with the deaf people (not with  the death people).

Wednesday, 30 December 2009

Egregio Lettore,

Con difficoltà vinco la riservatezza che ha contraddistinto il mio modo di essere e approfitto di questo post per fare un bilancio di quest’ultimo anno trascorso.
Visto che non dispongo di mezzi per fare l’effetto “reti unificate” apprezzerei se tu potessi aprire lo stesso post usando diversi browser.
Ripercorriamo pertanto il 2009 attraverso le parole chiave che lo hanno contraddistinto.
A- Amore vince su tutto.
B- Barbarossa n.p. Babbo Natale. Ammettiamolo: non è Finlandese e non lavora per la coca cola ma è pur sempre l’uomo rosso un tempo conosciuto come il santo Nicola di Bari…ma tutto ciò non è un buon motivo perché D’Alema faccia cadere Nichi Vendola.
C- Crisi non esiste. 
E- Elisabetta Canalis Non so se ci rimanevo più male quando stava con Vieri o ora che sta con Clooney.
F- Facebook Federico II Hohenstaufen Stupor mundi, mica pizza e fichi.
G- Guzzanti padre s’è riveduto ma è scomparso dalle scene.
Forse st’anno han passato un bel Natale in famiglia.

I- Italia 150 (anni dell’unità di Italia). Nonostante gli “Italia 1!”.
J- Jesus Tornasse sulla terra, sarebbero amari per tutti (Jesus l’amarissimo che fa benissimo)
K- Ku futti futti chi diu pirdona a tutti. Linea di governo.
L- Lega Lombarda Rido ancor’ oggi nel pensare i Serenissimi chiusi nel loro barattolo-Tanko. Grande happening artistico per rinverdire i fasti di Piero Manzoni.
M- Minareto Parola veneta, ricordo di infanzia. Mi n’a reto: io non ho retto. Sull’incapacità degli alpini di stare lontano da Grappa.
N- Nettuno è perfetto.
O- Onestà e Scudo fiscale. Promettere ai disonesti di fare rientrare 95 mld di euro promettendo di non controllare da dove venivano è stato un bel regalo alla mafia non un segno di forza della nostra economia.
P- PUNK! Il Punk non è morto. E’ andato al potere. Dopo anni di predicare il “no future” e il nichilismo, Silvio l’incarna il punk. Considerando che i bulbi piliferi vengono presi da posti scogniti Il neo-punk rispetto al vecchio punk si caratterizza per la cresta riccia.
Q- Quo Vadis? Sempre in fondo a destra.
R- Ricavo e profitto. La vil pecunia è il motore di ogni azione umana. Ma anche la figa.
S- Sinistra. Ora dirò qualcosa di sinistra, poi mi contraddirò, mi scinderò, e infine scenderò sotto il 5% così che nessuno dirà più niente di sinistra.
T- Tumblr capissi come funziona, io quasi quasi lo aprirei.
U- Utopia. Moro è stato ucciso dalle BR.
V- Viabilità Viale Europa: l’idea di fare posteggiare su una corsia a lisca di pesce e sull’altra a cazzo di cane non m’è sembrata geniale.
W- WTF. Già. What the fuck? E chi minchia ni sacciu ju.
X- Xilofono. Io per esempio, da grande voglio imparare a suonare il Theremin.
Y-Yes we can. Do we?
Z- Zorro era il cognato di Al Bano. Poi si chiede perchè il Vaticano non gli perdona il divorzio.

Questo per il 2009. Chissà cosa ci riserverà questo 2010. Vi auguro di realizzare l’85% dei vosti desideri. Così imparate a non limitarvi nei sogni e capite l’importanza del non rimanere sprovvisti di margini realizzandoli tutti.

La foto della marmotta me l'hanno data i cuginetti Ettore ed Elena.

Monday, 23 November 2009

Analisi delle relazioni sociali dei gruppi ancestrali Neanderthal-Cromagnoidi.

L’altro di’, non vi spiego neanche perche’, ho dovuto assistere ad una lezione di antropologia evolutiva che qui riporto (che solo io devo soffrire?).
“Dall’analisi dei reperti fossili ridatati per mezzo di nuove tecniche proponiamo un approfondita analisi volta a trovare risposte ad annose questioni quali: l’uomo di Neanderthal e Cro-magnon si conobbero? Si riconobbero? Si salutarono?
-Perche’ il Neaderthal si estinse e venne soppiantato dai Cro-magnon?
Sebbene si siano rinvenuti nuovi indizi di co-presenza all’interno dello stesso areale e’ noto che, sebbene il piu’ sociale Cro-magnon abbia richiesto all’amicizia Neanderthal su Facebook*, costui non l’abbia mai accettata.
Questa palese anaffettivita’ vuole confermate le ultime scoperte che accreditano in maniera univoca all’uomo di Neanderthal graffiti ritrovati nelle grotte.
In tale contesto si nota che sebbene esso avesse iniziato a ritrarre sulle grotte scene di vissuto quotidiano, si sia sempre rifiutato di taggare le foto che ritraevano i Cro-magnon.
Oggi si crede che la differenza tra le due specie sia dovuto ad una diversa visione dei ruoli del maschio nella famiglia.
Il Cro-magnon pare sia riuscito a proteggere meglio la famiglia obbligando la donna a stare a casa con la prole.
La donna avrebbe pertanto iniziato a praticare l’agricoltura.
L’uomo si sarebbe dedicato alla caccia, alle trasferte di calcio, al commercio di risorse in eccesso e alla vendita di derivati bancari alle vecchine.
La donna e l’uomo di Neandertal, di contro, avrebbero proseguito con la parita’ uomo-donna e nella loro vita in comune da cacciatori nomadi, avrebbero accumulato poche risorse rimanendo svantaggiati nella nuova civilta’ liberista implementata dalla specie Cro-magnon.
Alla luce di questi fatti non stupisce che l’uomo di Neanderthal, lavoratore proletario con l’evolversi della societa’ si sia iscritto in blocco al partito comunista determinando cosi’ la propria estinzione (Homo Bertinottiensis).
Una subpopolazione sembra invece essersi mescolata a perfezione con la popolazione dominante dei Cro-magnon finendo per acquisirne caratteristiche fenotipiche molto simili come testimoniato  dal fatto che essi siano zompati da atteggiamenti radicali ad altri piu’ prettamente piu’ liberisti (vari esempi da homo Scissio Livornensis a homo di Cape zonis).
Origine dell’uomo.
All’antica ipotesi panafricana dell’origine etiopica dell’uomo, gli odierni schieramente geo-politici sembrano necessitare nuove teorie sull’origine della specie:
La nuova superpotenza Cina basandosi principalmente su dati genetici cerca di avvalorare una sua evoluzione indipendente da quella panafricana.
L’ipotesi padana immagina uno scenario in cui l’uomo venuto dall’ Etiopia sia stato respinto alla frontiera da un Uomo Europeo che si era evoluto precedentemente da un ceppo originatosi dalla penisola arabica.
Il gruppo “fan Padani di Giacobbo” ipotizzano che la popolazione si fosse originata a Sharm-el-sheik ma sia entrato in Europa (a Linate) tramite un volo charter.
Appurata l’indipendenza dall’origine africana e rinverditi i culti celtici del dio Po la lega ha pertanto lanciato operazioni quali la White Christmas che desidera la cacciata degli immigrati (in particolare quel mediorientale che si ostina ad aggrapparsi alla croce delle nostre chiese).
Va altresi’ riportata l’ipotesi creazionista che vuole la terra creata 5000 anni fa, come avvalorato da alcuni importanti libri quali la Bibbia, il libro di Mormon e la guida galattica per gli autostoppisti (pagina 42).
Un origine bianca indipendente viene rivendicata anche dai gruppi del KKK (che recentemente hanno aperto un franchising nella nostra bella Italia, da sempre terreno fertile per nuove idee e vecchie teste di cazzo).
Queste associazioni rivendicano oggi la difesa delle radici bianche. Una mia amica m’ha detto che volentieri piu’ che delle radici bianche lei si batterebbe per la difesa dei fusti neri (intesi come grossi omaccioni pigmentati).
Considerato infine che i primi luoghi di culto in Europa (sempre che ci si decida se Turchia sia Europa) sembrano essere delle costruzioni in pietra dedicate al culto della dea madre.
Ora, immaginiamoci quest’uomo dedito alla terra e al culto della mamma. Ma niente niente e’ che noi europei moderni di razza Caucasica di areale mediterraneo siamo tutti figli di un homo terronis?.
* A proposito di facebook, io non ci sono che c’ho i miei tempi e sto ancora cogitando l’avatar per sbarcare su second life. Quindi non chiedete l’amicizia ai miei omonimi e cognonimi che sono in giro.