Showing posts with label Svizzera. Show all posts
Showing posts with label Svizzera. Show all posts

Tuesday, 2 September 2008

Sull’uso della forza nei momenti di stitichezza mentale.

La birra analcolica e’ triste e inutile, i peruviani che suonano “Hotel California” col flauto di Pan sono la cosa piu’ triste sulla terra e se anche per voi, una lavatrice non a pieno carico e’ energeticamente sconfortante, immaginatevi cosa significhi essere su un aereo da 50 posti diretto ad Amburgo in soli due passegeri.
Sara’ per questo, sara’ che mi annoiavo, ma all’improvviso mi ritrovai accanto Ottavio, il mio amico immaginario.
Ottavio e’ un personaggione, un giorno vi raccontero’ di lui, Tolkien direbbe che le sue gesta meriterebbero di essere cantate da generazioni di bardi elfici. Ottavio spera che cio’ non avvenga mai, visto che, a suo dire, tutte le canzoni degli elfi suonano simili tra loro e, in generale, a quelle di certi Coldplay.
Fui un po’ sopreso di vederlo perche’ l’ultima volta avevamo litigato: io cercavo di fargli capire che lui era un emanazione subconscia della mia mente, lui insisteva che io altro non sono se non una manifesazione corporale del suo ego, trucco molto utile quando ci si trova nel bel mezzo di una rissa.

Arrivammo alla sala dei test, eravamo una cinquantina, io speravo di trovarmi davanti degli astronauti veri (la mia preferita e’ Lisa Caputo-Novak ma sapevo che al momento non sarebbe potuta venire).
Ci trovammo davanti 3 psicologhe, una delle quali, divenne chiaro  tutti poco dopo che conduceva degli studi sul sonno sul luogo di lavoro.
I test erano interattivi, con un touch screen, non vi posso dire niente perche’ m’hanno fatto firmare un patto col sangue....ehm...si: ha firmato anche Ottavio.
Vi posso dire che i test erano difficilissimi, piu’ che a selezionare un astronauta, li avrei creduti idonei a testare il grado di autismo. Non credo una mente umana potesse farli tutti e giusti.
Ad un certo punto, infatti, vidi che non potevo riuscire a seguirli. Allora sentii una voce dentro di me che diceva: “Usa la forza, Liuk, usa la forza”, il che significava cedere al lato inconscio e sperare.


Fu cosi’ che inserii il pilota automatico e lasciai prevalere istinto e intuizione dove prima c’era ragionamento e logica.
Ovviamente questo consentiva un gran risparmio di tempo. La mia mente, inoltre, iniziava a diffendere in bassa frequenza di onde menmoniche quest’album di Frank Zappa.


Una volta inserito il cervello automatico riuscii a fare una 20 di esercizi di fisica  a risposta multipla in meno di due minuti.
Il ragazzo alla mia sinistra era sorpreso dalla mia rapidita’. Io no, una volta avevo giocato 4 partite a  scacchi contemporaneamente ed erano finite tutte con una velocita’ incredibile.

Mi chiese, impertinente, cosa avessi risposto al quesito n.40. Siccome avevo risposto senza leggerlo, il mio inconscio si difese, attaccando: feci leva sul fatto che sapevo che lui lavorasse al CERN e risposi: “non credo che abbia tanta importanza, non credendo io alla teorie di dissipazione dei buchi neri, ritengo che il mondo verra’ distrutto tra il 10 e il 12 di Settembre quando accenderete il ciclotrone.
Poi, per non farlo sentire troppo in colpa, aggiunsi: “ma non mi dispiace affatto  avevo appuntamento col dentista a fine mese. Magari soffro meno”.
<continua fre 3-4 giorni>
Lutto: m'e' morto l'ipodio nano il giorno istesso in cui scadeva la garanzia, sara' che aveva il cuore troppo vicino al buco del culo, pero' e' stato proprio uno isgherzo di merda.

Wednesday, 14 May 2008

E’ primavera e le ragazze fanno fotocopie con le minigonne.

Io ho iniziato il trasloco: ho portato un po’ di ricordi a casa. Ho uscito i miei trofei dallo zaino (nani, fiori gonfiabili, modellini del Saturno V etc.) La mia mamma li ha guardati e m’ha detto: "dovrai fare posto a queste cose. La vita continua e i ricordi nuovi prendono il posto dei ricorndi vecchi". La frase m’era piaciuta, di buon umore avevo raccolto un metro quadro di cose da mandare in solaio. Il giorno dopo la mia mamma diceva a mio fratello di eliminare le minchiate per fare spazio. La mia mamma ha grandi picchi lirici....ma anche una tragica ed empirica pragmaticita’. Io non so da chi abbia preso.
La sera sono andato a vedere un concerto blues. Cantava Florenza, che ha una gran voce nera (nella foto Nina Simone). Quando cr-esci dall’alveo della famiglia, in genere le prime persone ti danno un imprinting importante. Florenza era a capo degli scoiattoli. Le casse degli scoiattoli si chiamavano Marx & Lenin (quelle di noi Orsi, invece, Pino e Alfonso...per dire). Insomma, non dico che se avessi incontrato un gruppo di ultras nazisti dell’Illinois oggi sarei ai comizi di Forza Uova, pero’ certe persone sono importanti e ti in-segnano. Io queste cose non le ho dette a Florenza. Pero’ ho applaudito un po’ di piu’ riflettendo su cio’.

Nella mia citta’, hanno messo dei parcheggi con le striscie rosa, riservate alle persone incinta.
Mi sembrano molto utili: ho visto io, una persona scendere di corsa e fiondarsi al bar, forse in preda a voglie dettate da ormoni impazziti. La pancia era da gravidanza terminale....sarebbe stato tutto molto bello, non fosse stato per la folta barba mascolina.
Mio papa’ e’ in pensione. Ora coltiva pomodori insegna ad alcuni stranieri della mia citta’, all’universita’ della terza eta’. Mi sembra contento. Gli ho chiesto come va. M’ha detto “nell’ambiente giusto, con un po’ di sforzo, creando le giuste condizioni, tutto cresce e arricchisce”. Non ho capito se stesse parlando dell’integrazione tra i popoli, o di un insalata di pomodori prossima ventura.

Tuesday, 26 June 2007

Canto notturno di un pastore errante dell’Asia

Domenica scorsa, svegliatomi tardi a causa della “féte de la musique” in cui ho scattato le foto di questo post, incoraggiato da un timido raggio di sole, sono andato a Losanna, la sede del CIO.
Un ora dopo passeggiavo nel parco Olimpico dove delle installazioni visualizzavano i record nelle varie specialita’.
Il vedere quanto un uomo possa saltare in alto, in lungo, in largo, aveva rafforzato il mio senso di meraviglia per l’uomo. Uno sciame di scandinave, invece, rafforzava la mia ammirazione per la donna. Il tutto mi metteva addosso una certa “ansia da prestazione”.
Volendo anche io esercitare la mia specialita’ (nullafacenza meditativa) mi convinsi a cercare un posto dove bere un caffe’ turco, per rallentare ulteriormente il tempo.
Trovai una trattoria e dopo il pranzo chiesi al trattore orientale un caffe’ turco.
Non lo aveva. Poi aggiuse che ironicamente nemmeno lui era Turco, era Curdo.
Mi chiese se sapevo cosa significasse. Risposi che sapevo il Kurdistan e’ diviso tra Iraq, Iran, Turchia e Siria. Sapevo che i Curdi erano stati incitati alla rivolta da Bush senior e poi abbandonati alla vendetta di Saddam. Che il movimento di liberazione e' il PKK guidato da Ocalan. Che ultimamente hanno fatto degli atti terroristici e che a mio vedere questo era male: bisognava lasciare spazio alla democrazie e alla diplomazia.
Lui mi guardo’ contrariato e disse. Diplomazia? Chi accetterebbe un popolo che vive in 4 paesi cosi’ complicati? La democrazia e’ una cosa Europea e l’Europa ha voluto dividere il Kurdistan per motivi economici. Non ci ascoltera’ mai.
30 milioni di Curdi stanno scomparendo, io sono l’unico della mia famiglia che sa parlare Curdo e sono qua, lontano da cio’ che posso chiamare patria.
Quando fini’ aveva gli occhi lucidi non di rabbia, ma di 
i
mpotenza traboccante. Sapevo che da una parte aveva ragione. Ma cosa dire di quei Turchi uccisi aspettando un autobus che non arrivera' piu’?
Gli dissi buona fortuna senza sapere quale potesse davvero
essere, la strada per la sua fortuna. Mi incamminai: cerano pochi gradi e il cielo grigio. Con la moto faceva freddo, nonostante la giacca aderente.
Guidavo, riflettevo....e sentivo freddo.
Volevo qualcosa di caldo. Mi fermai davanti  un chiosco Cinese....ma appena vidi la bandiera Tibetana rimontai in sella, feci altri 15 km.  Mi fermai in un luogo di ristorazione Yankee e ordinai un mega-maxi-imperialista-iniquo-antisolidale cappuccino con latte parzialmente scremato dal burro e totalmente scremato da sensi di colpa.

Friday, 27 April 2007

Candido di Voltaire e' un puzzone.

In questi giorni ho dovuto lavorare. M’e’ anche toccato organizzare una serie di seminari.  La mia capo dice che e’ utile farsi conoscere dalla gente.
Ho preso il microfono, introdotto il lavoro degli speakers che ho invitato, spiegato la rilevanza dei loro progetti nel panorama del nostro campo di ricerca.....il tutto con la cerniera dei pantaloni spalancata.
Probabilmente la mio capo si stava ancora chiedendo se fosse davvero un bene, che ora mi conoscessero tutti, quando i suoi pensieri vennero interrotti da un rumore: mai tirare su la cerniera di scatto con un microfono accanto.


Bisognerebbe davvero cambiare le cose, ma il vento che spinge i cambiamenti, lo stesso in cui soffiano le risposte, non c'e'.
Guardate la politica. Sembra che anche li’ tutto volga al centro. All'immobile.
Ed elogiando il centrismo dimenticano chi siamo e chi, con coraggio, permise a tutti di essere orgogliosi di essere comunisti Italiani.
La falce e il martello prima erano a centro, poi vennero rimpicciolite, ora sono dietro la quercia e gia' non si vedono piu', domani non so.
Si vergognano perfino di cose che non abbiamo fatto.
Hanno dimenticato che Berlinguer ando' a Mosca dopo l’invasione di Praga e, condanno' quell'atto arrivando quasi a pagare con la vita quella disobbedienza al PCUS (attentato di Sofia).
Berlinguer ti voglio bene.
Di te rimangono pochi ricordi, ma posso intuire ancora molto dagli affascinanti occhi di Bianca.
Invece il partito tende al centro.
Avremo cio’ che ci meritiamo: presto Buttiglione tornera’ a vestirsi da donna e presentare il telegiornale.

...e anche per oggi mi pare che la rivoluzione non si sia fatta.....vediamo almeno di fare benzina.
La prima pompa la boicotto, la seconda pure, la terza anche....continuo continuo finche’ non trovo la prima compagnia petrolifera equa e solidale: un contadino Nigeriano che fa buchi negli oleodotti e produce la benzina in casa come si faceva una volta.
Non e’ un mondo perfetto c’e’ tanto da cambiare, ma gli obiettivi sono sfuocati.
Si parte per cambiare tutto, alla fine ci si rassegna a modificare solo i dettagli.....
Sono certo che si possa essere felice negli ambiti che la vita ti assegna.
Non mi va di mettere su famiglia. Mi piacerebbe rendere felice il mondo, il mio mondo.

Ammetto che finora non ho fatto un granche’ per aiutare il mondo. Ho migliorato un po' la comunicazione fra le persone: vado nei bagni dei pub con una matita rossa....e correggo la grammatica delle frasi sulle pareti (gli autoctoni francesi non sanno scrivere in inglese).....ed io non riesco a  fare pipi’ davanti a certi errori.
Da una certa soddisfazione essere pillicuso e intransigente con gli errori degli altri......ovviamente coi miei sono molto piu’ indulgente e, ancora una volta, si parte per correggere gli errori, poi si impara conviverci, infine ti ci affezioni. Quasi come se costituissero un un segno d'identita’: siamo quello che sbagliamo?.
Non lo so, le cose cambiano, col tempo mi sorprendo meno se i
miei calzini cambiano colore in lavatrice, trovo financo virili i boxer che una maglietta rossa infilata per sbaglio ha reso rosa....ancora non mi spiego come mai con l’ultima lavatrice ho entrato coppie di calzini e sono usciti in numero dispari.....forse c’e’ una morale in tutto cio’: mi ci vorranno degli  anni per trovarla. Non imparo in fretta dai miei errori.
Vi ho messo una traduzione dei "pantaloni morti" sul blog musicale.

Thursday, 12 April 2007

Felicitas est parvus canis calidus- Felicita’ e’ un piccolo hot dog?.

E’ sera e fa freschino e torno a casa dal lab.
Accendo la moto. Fischietto.......mi si appanna la visiera del casco. torna normale. Canticchio. Mi si riappanna. Capisco la differenza fra i vespisti e i motociclisti.

Di ilari vespisti ne ricordo parecchi.
Ma l’unico motociclista sorridente che mi sovviene e' in un vecchissimo ricordo di Napo Orso Capo  (foto a Sx).

Va altresi’ aggiunto che il suo essere un orso capellone e Hyppie guidante una moto invisibile, costituisca un caso abbastanza particolare.
Allora mi pongo serioso alla guida del mezzo e decido di raggiungere il “Lac de joux” perche’ il nome mi riporta pensieri felici.
Costeggio il Genfersee, poi giro su per le Alpi. Scopro un’ altra cosa: i nemici dei motociclisti, non sono gli automobilisti. Sono i bacarozzi che appena ti vedono, si suicidano con ardore (mirando alle pupille).
Con la vespa, invece, si schiantavano, di tanto in tanto, sulla nuca.

Abbasso la visiera e inizio a salire i tornanti. Fa freschino. C’e’ ancora tanta neve.
Il chiurlo guarda la mia giacchetta primaverile e critica con lo sguardo il mio abbigliamento.
Mi inoltro ancora nel bosco e il ghiro si schernisce del mio essere intirizzito.
Un altra curva. Vedo un piccolo tasso  gli passo accanto, esso non mi deride.
Sara’ forse perche’ il Murselide e’ stato spiaccicato al suolo da una macchina un paio di giorni prima?

vestigia
Arrivo al lago (foto a Dx).
Poi mi fermo al parco di Nyon con le sue 2,5 colonne romane.
Ho fatto circa 200 km, ho fame. Mi guardo intorno ma e’ tutto chiuso.
Perfino il kebabbaro ha abbracciato la festivita’ di Pasquetta....
Vado un po’ in giro ma trovo solo locali con ristorante e lap-dancers.

Non sono moralista, ma da fastidio trovarsi una ballerina con tutte le impubenda di fuori, nel piatto in cui mangio.
C’e’ proprio poca scelta, nei posti dove la gente non ha bisogno di altri soldi. Poi vedo una possibilita’. Una multinazionale cattiva che ha come simbolo un clown sorge costi’ ad uopo.
Il sole tramonta dietro le Alpi, mentre mangio un hot dog, ripensando alla bella giornata.

Monday, 9 April 2007

Le mie pigioni.

Me ne andavo in giro per la citta’. Vi sono vari palazzi. Rappresentano tutti i poteri forti mondiali (nella foto qua a Sx, il palazzo di Sauron). Ma oggi sono tutti vuoti....

Il mio amico Luca era un combattente. Determinato e deciso.
Per lui, fra il punto A e C, la linea piu’ breve era la migliore.
Avrebbe passato il burrone B costruendovi un ponte Tibetano con le corde del resto era bravissimo coi nodi e nel pronto soccorso.
Luca voleva diventare militare di carriera e aveva pure i boxer mimetici. Nei giochi scout notturni, se si mimetizzava non lo trovavi piu’.
Lo scartarono alla leva per un lieve favismo che non sapeva di avere. Voleva fare ricorso.
Sarebbe stato un ottimo comandante, ma noi sapevamo che avrebbe dovuto vedere cose che non gli sarebbero piaciute.
Oggi si e’ laureto in architettura.
Progetta case. L’ultima volta che l’ho visto aveva una sciarpa coi colori della pace e sorrideva.

Il mio amico Paolo. era un esteta, pragmatico capitalista.
Fra il punto A e C, la linea migliore era quella sui terreni piu’ facili da espropriare. Sul burrone B v'era un ponte con casello a pedaggio.
Paolo aveva sempre il vestito giusto e almeno 5 camicie eleganti, identitche, come ho visto solo a Dylan Dog, (e, forse, a Paperino). Era il piu’ bello e piacione dei tre.
Se nei giochi scout notturni si imboscava con una ragazza non lo trovavi piu’.
Oggi e’ laureato come dentista. Lavora in Inghilterra dove uno sciagurato governo di destra ha privatizzato tutto cosicche' ora hanno bisogno di impiegare stranieri nella sanita’ pubblica.
L’ultima volta che l’ho visto sembrava felice, sta con la stessa ragazza da un po’.

Io sono nato cosi’: Fra il punto A e C, la linea migliore non esiste: sono tutte possibili, anche le piu' arzigogolata, sul burrone B e’ forse giusto fermarsi a riflettere sulla bellezza del viaggio e di quanto non sia poi cosi’ importante giungere alla meta.
Durante i giochi notturni non era difficle trovarmi, era difficile dimostrare con la dialettica la mia esistenza (condizione necessaria affinche' la squadra avversaria mi potessero annoverare fra i "prigionieri").

ilbrucodelcoolAvevamo caratteri diversi. Pero’ un po' ci completavamo. Un anno eravamo nella stessa squadriglia. C’era in palio “il cuppino d’oro”: il premio per la gara di cucina. Paolo indovino’ il budget di spesa., Luca cucino’ alla grande, io misi su un bel teatrino per presentare la storia del piatto. Vincemmo.
L’anno dopo eravamo ognuno a capo di una squadriglia. La squadriglia delgi Orsi era amministrata con pugno duro e saggezza in una specie di dittatura militare, ma illuminata.
I Lupi sembravano tanto un cosiglio di amministrazione: chi sbagliava pagava multe.
La mia squadriglia (Tigri) era un po' anarchica: facevo del mio meglio per essere un buon sub-caposquadriglia innestando scoutismo e socialismo reale. Ma nessuno dei 3 fece sfaceli. I Cobra vinsero il cuppino d'oro (mentre le ragazze, credo, non l'abbiano ancora mai vinto).
A proposito, ci piacevano le stesse ragazze, anche se quell'eta' si e' ancora dubbiosi come palle da bowling.
A un campo scout in Umbria avevamo conosciuto una ragazza speciale.
Ci eravamo innamorati un po’ tutti e tre. Lei aveva studiato per i servizi sociali e probabilmente non poteva credere di trovare tutte le casistiche catalogate nei libri in sole tre persone....e che queste fossero amiche.

Qualche settimana dopo, era la notte delle stele cadenti che in Sicilia si passa accendendo fuochi, sulla spiaggia.
Non ricordo chi esclamo': ”basta col vino" poi come a spiegare aggiunse, quasi a scusandosi: ”qualcuno mi ha detto che devo vegliare su voi due" .
Ci fu del silenzio: quel diavolo di una ragazza aveva affidato ognuno di noi agli altri due.

Mi buttai con la schiena all’indietro, con la testa nella sabbia, con il rumore del mare. Raramente ero stato cosi' sereno.
Dopo due mesi avrei iniziato l’universita’ e in quel momento sentivo che almeno tre persone che si sarebbero sempre preoccupate per me, qualunque cosa fosse successa (foto col bruco).

Poi si crebbe. Ognuno parti' per la sua strada e, sapete com'e': non viene bene, vegliare sulla gente a cui vuoi bene, a distanza.
Come sempre negli ultimi anni, sto lontano da casa.
Oggi: in questa magione vuota, in questa citta’ svuotata, un po' mi pesa.
Mi piacerebbe risvegliarmi in quel momento, su quella spiaggia con ancora un sacco di errori da compiere. Li rifarei tutti, solo con piu' entusiasmo.

Tuesday, 3 April 2007

Cat's pyjamas - Lunga e diritta correva la strada.

Finalmente e’ arrivata la moto. Grande, possente, puffo-metallizzata.
 Salgo, sguscio veloce dal posteggio e parto con tracotanza.
Mmmh. Pesa 210 kg (a vuoto), scendo, la spingo lentamente fuori dal parcheggio. Parto timoroso.
Giro la chiave, il motore romba, potente. Cambio le marcie col piede: prima sotto, seconda, terza, quarta, quinta, sesta sopra....e sto ancora andando a 20 km/h (l’ autorita’ comunque non ne permette piu’ di 50....e per autorita’ intendo la mia mamma).
Ora giro a Sx, attraverso con eleganza 534 semafori, 234 rotatorie, 723 attraversamenti di pedoni che hanno pensato che oggi e’ un buon giorno per morire ed ho gia’ fatto il mio primo km.
La strada ora e’ piu’ libera, vedo l’orizzonte. Un orizzonte di pace fra i popoli, un soleggiato avvenire di fratellanza. Dopo 500 m sono davanti all’ONU, curva a Dx.
Il nastro d’asfalto scorre veloce sotto di me, scandito dalle tonalita’ del motore. Nuovo semaforo.
Penso che la moto da una bella sensazione di potenza. Il motociclista che e’ un me e’ in aperto contrasto con il viaggiatore.
I motociclisti sono spesso umiliati. Per esempio e’ incredibile che il dwarf-tossing, loro sport preferito, anziche’ sostituire il dressage o il bridge alle olimpiadi, sia stato dichiarato illegale.

Il motociclista che e' in me s’e’ preso una rivincita due giorni fa: ha comprato un casco con disegnati draghi metallizzati e cattivi. Il viaggiatore avrebbe optato per qualcosa piu’ sobrio, da gente di un certo livello e di sinistra.
Qualcosa tipo Ecce Bombo con la scena in cui i ragazzi aspettano il sorgere del sole, che pero' s’alza lento alle loro spalle. O qualche altra causa persa. Il viaggiatore pensa che un bel dodo rampante sarebbe stato perfetto.
Ma il motociclista s’e’ innamorato dei draghi i cui occhi, aprendosi rivelano delle prese d’aria.


Il viaggiatore rinfaccia al motociclista di avere tradito le sue idee, il suo essere e cita i Malavoglia di Verga.
Il motociclista, sputa un lupino rutta, e ingrana la marcia bestemmiando contro Padron ‘Ntoni.
Ed e’ strada vera. Il lago a destra, le colline davanti, le barchette a sinistra, la citta’ dietro. Si vede la Francia oltre il lago. Pazienza: questo non e' il migliore dei mondi possibili.


E il vento ti porta gli odori di terre lontane.
E’ quasi come andare al mare di domenica mattina con la tua ragazza dietro. Ma senza la ragazza (che rovina l’assetto aerodinamico).
Questo vento che ha baciato le alpi ora bacia le mie guancie. Questo vento che ha cullato gli ontani ora accarezza i miei capelli. Questo vento che ha soffiato sui ghiacciai ora mi sta facendo girare i cabbasisi gelati.....mi scompiglia i draghi del casco.



Ma la strada e’ dolce e di tanto in tanto rallenta dentro paesini medioevale che hanno odori, colori e suoni che si perdono e confondono nelle grandi citta’ sovraffollate.
....e poi hanno questi nomi semplici: viene davvero voglia di prendere una coppetta di gelato a Coppet, Accompagnare una ragazza dal dolce nome e con le guancie rosse ciliegia a Dully, passare senza fare troppe domande da Gland, un paesino di cui non voglio sapere come s'e' meritato un nome del ca**o.
E via seguendo la strada, come se si potesse seguire qualcosa che non si puo’ prendere.
Sono gia’ lontano da casa. Il cuore e il motore non sembrano stanchi.


«Dobbiamo andare e non fermarci finché non siamo arrivati»
«Dove andiamo?»
«Non lo so, ma dobbiamo andare».

Dice Jack. Come se questo viaggio fosse inutile....


Ma io lo so dove vado e il mio scopo: Ho proprio voglia di fotografare i cigni di Rolle.