Showing posts with label Sicilia. Show all posts
Showing posts with label Sicilia. Show all posts

Wednesday, 15 January 2014

Il mio matrimonio

Ho preso un po’ di tempo prima di raccontarvi del giorno del mio matrimonio.
Aspettavo che, col tempo, acquisendo la giusta prospettiva, le immagini si mettessero a fuoco...non e’ successo.
Sara’ perche’ il matrimonio e’ un giorno unico di una vita e non c’e’ niente di normale.

Cosa rende un matrimonio memorabile?
Requisito fondamentale  sono le donne piangenti.
Non potendo assoldare delle prefiche, mi limito a guardare mia madre e,  coi Bambi’s eyes, ricordarle che quella sara’ l’ultima notte sotto il tetto natio.
Mi viene rinfacciato che avevo gia' lasciato quella casa nel 2002, quando 24enne partii per il dottorato in Germania.
Capisco che non ci sara’ verso di avere gente che versa lacrime e che, di contro, la maggioranza si appresta a prender parte all'evento con uno spirito di immotivata ilarita'.

Ho scoperto che il giorno del matrimonio il futuro sposo puo' attaccare la sua volonta’ a un chiodo.
Mi sveglio, alle 8 AM. Ancora assonnatissimo faccio colazione coi cornetti, mentre vedo Peppa Pig in tv.
Arriva il fotografo e mi chiede di sorridere, apparire accigliato, contrito, radioso, ora corrucciato.
Faccio del mio meglio, ma in realta’ il mio sentimento maggiore e’ “l’assonnato”.
Ce chi ha problemi con l’anestesia generale, a volte vomitano. Nel mio caso, a me e’ rimasto solo una gran voglia  di dormire.


Arrivo in chiesa alle 10.30. il  tutto iniziera’ alle 11.00, ma a quanto pare lo sposo deve essere la’ in anticipo (o era la sposa in ritardo? Boh). 
Fa parte della tradizione.
In quella mezz’ora ogni persona (parenti, conoscenti, curiosi) dicono la stessa battuta: “sei ancora in tempo per fuggire”.
Un mezzo sorriso ebete, quello che in 12 anni di emigrazioneho imparato a fare quando mi dicono “Italia, Mafia, Berlusconi, Lega Nord razzista, Pizza buona”.
Mia madre fulmina con lo sguardo l’ennesima battuta di complicita’: “scappa finche’ sei in tempo”.
Fosse per me, io scapperei. Con mia moglie. Su un isola deserta. Senza nessuno che faccia battute.
Poi pero' mi dispiace per le 800 rose che hanno dato la vita per questo giorno e rimetto sui il sorriso ebete, senza rispondere.

Sono le 11.00....finalmente arriva.
Scende dalla macchina, minuta, col vestito rosso (non e’ la sposa, ma La Valletta o come si chiama).
Poi arriva anche lei. Bella come un raggio di sole in un giorno di pioggia....e questo nonostante oggi ci sia un sacco di luce e sole. Riguardo Rossella, penso a quanto sia fortunato.
Abitiamo a 200 metri di distanza e abbiamo dovuto girare mezza Europa per incontrarci....ma ne valeva la pena.

Piccola parentesi aperta.
In quel momento penso che a me piace tanto, mia moglie. Ma a me piace anche senza sveglia all’alba, parrucchiere, trucco e vestito elegante.
Ecco, mi piace vestita da sposa, ma anche la domenica di tarda mattinata, appena alzati, col pigiamone e il viso assonnato.
Mi piace anche in tutte le sfumature intermedie....e anche quelle che che ancora non ho visto, che verranno in futuro.
...e mi dispiace di essermi perso quelle passate, specie quella di  quando era teen ager e si era fatta bionda coi capelli corti.
Piccola parentesi chiusa.

Entriamo in chiesa accompagnati da mamma e papa’.
Uno alla mia destra, al’tra alla sinistra. Ci prendiamo sottobraccio e camminiamo lentamente con velocita’ (tipo camminata sui carboni ardenti), fino all’altare.
Poi arriva Rossella. Suo padre mi consegna la sua mano, e aggiunge qualcosa tipo: “da qui in poi te la vedi tu”.
Si allontana con un sorriso beffardo che se, non avessimo convissuto per anni. Avrei trovato inquietante.
Invece so gia’ cosa mi aspetta (w la convivenza =)).

La cerimonio religiosa procede senza intoppi. Il prete sbaglia il nome della sposa chiamandola Antonella.
Le dico: “questo potra’ tornare utile nel caso la Sacra Rota dovesse decidere”.
Si scherza tanto....il che conferma cosa io ho sempre pensato: il giorno del matrimonio e’ tutta una carnevalata.
Quando usciamo i nostri amici hanno messo su un arco di palloncini. Che bella idea.
Usciamo dalla chiesa, un mare di riso ci inonda il capo, i vestiti e tutto il resto (trovero’ del riso anche nei boxer).
Quando finisce il riso, qualcuno, nell'eccitazione del momento, decide di continuare e mi tira anche le foglie di banana in cui erano contenuti i chicchi.

Vale tutto in quell giorno. Tutto e permesso, purche’ sia allegro.
Sara’ perche’ il matrimonio e’ un giorno unico di una vita....e meno male che e' unico.

Continua

Tuesday, 16 April 2013

Il primo raggio di sole.

E' arrivata la primavera….e scusate se e' poco.
C'e' un certo giorno dell'anno in cui metti via la giacca e ti accorgi di non soffrire più' il freddo.
Allora chiudi gli occhi e senti il sole caldo sulla faccia e la luce che si vede anche con gli occhi chiusi.


Siccome ragiono per contrasti, nel sole ricordo la neve d'inverno, il freddo, l'umido delle case studentesche e dei vestiti che non si asciugano mai. Penso a certi serate Bohémienne, caotiche e strane, a volte tristi, come quella volta che avevamo messo in balcone le birre, la temperatura scese a meno 20 e le bottiglie iniziarono ad esplodere con la birra congelata.
Spettacolo terribile, ma che bello che era. Pensai che quando lo avrei raccontato ai miei nipoti, nessuno ci avrebbe creduto.


Anni prima appena arrivati a Dresda, non conoscevamo ancora l'inverno vero.
Ricordo che Laura aveva steso il maglione fuori per scoprirlo, dopo un poco completamente congelato. C'era una foto in cui lei sorride tenendo il maglione per una manica. Il maglione sta dritto, congelato.
Noi tutti ridiamo. Ingenuita', a volte mi manca.


Inverni prima agli scout, avrò' avuto 14 anni.
Avete presente quando di notte in tenda si sentono i rumori della foresta e degli animali (fra gli animali annovero alcuni dei miei compagni scout che emettevano petoversi selvaggi). Una notte, all'improvviso si fece silenzio. Un silenzio innaturale.
Aprimmo la tenda. La neve scendeva silenziosa. La neve i Sicilia ha qualcosa di innaturale.
Il paesaggio imbiancato dona  pace e serenità' a quei campi che erano arsi pochi mesi prima nell'inferno dello scirocco. Ho saputo che il bosco della Vaccheria non esiste più. Un piromane lo ha distrutto.


Avro' avuto 3-4 anni, avevo già' una sciarpa rossa e un montgomery blu scuro con i bottoni di legno e gli alamari di legno chiaro. Mio padre allora aveva 30 anni.
Facemmo un pupazzo di neve che era gigantesco (anni dopo capii che il pupazzo era normale, ero io che ero piccolo).
Mio padre rideva tanto. Creo il corpo', 2 ciottoli neri per occhi, sali' sopra e torno con un naso arancione in mano.
La sera salutai il pupazzo che avevamo battezzato "Ippolito Nevo".
Il giorno dopo tornai e trovai al suo posto, solo una carota.

Tutto questo ho pensato oggi. Pensieri felici ma anche tanto freddo.
Ogni eta' ha le sue storie ed ogni stagione ha il suo tempo.
Oggi non sono più' ingenuo. So molte cose. Non rimpiango il freddo. Mi godo il primo raggio di sole.

Friday, 2 November 2012

Miniminagghia...

Analisi del voto Siciliano, a urne chiuse, a bocce ferme, a babbo morto.
Il PD dice che ha vinto e che la prova di coalizione ha funzionato.
Io mi chiedevo: ha senso mettere una presidente antimafia se a circondarlo c'erano gli indagati dell'UDC di Cuffaro?
Il PD dice che s'e' vinto, per me s'e' persa un occasione storica per rinnovare la politica.
La mafia a questo giro s'e' astenuta, come spiegato qua.
Si fosse presentato da solo, il PD, con Crocetta secondo avrebbe preso molti piu' voti.

Crocetta e' il primo presidente Siciliano di estrazione comunista e gay dichiarato (alla fine abbiamo creato un ponte di Messina Virtuale con la Puglia).
Finora dice cose giuste: non creare una coalizione e proporre legge ampiamente condivisibili  e' un atteggiamento intelligente.
I Grillini faranno bene a fare proposte e votare a favore delle cose che ritengono giuste.
Passare dal movimento politico gridato alla opposizione costruttiva e' una buona esperienza. Se un giorno vorranno responsabilita' maggiori e' ora di dimostrarsi responsabili.

Altre novita' sono che l PdL e' sceso al 12.9%, Micciche' non e' stato nemmeno eletto.

Le elezioni sicuramente hanno rappresentato un cambiamento.
Vedremo cosa succedera' ora.
Quanto a voi, egregi e-lettori?
Eccovi nel post, i grafici del sondaggione della settimana precedente.
Grazie a tutti quelli che hanno votato.
Una quarantina....cioe' 18 voti pervenuti mentre il 52% si e' astenuto. 
Ho scoperto che si poteva levare l'autenticazione dell'utente per cui ora potete commentare senza dovere mettere codici.

Thursday, 25 October 2012

Elezioni Regionali Siciliane 2012

La Sicilia ha sempre rappresentato un laboratorio politico cacace di anticipare i movimenti dei flussi elettorali che si verificererano in futuro a livello nazionale.

Fra qualche giorno si torna a votare. Volevo condividere con voi le mie riflessioni sui candidati più importanti e i rispettivi partiti.

Il candidato: Crocetta
Sindaco antimafia. Ne ho sempre sentito parlare benissimo dai miei amici di Gela.
Dopo due mandati come sindaco l'hanno mandato al parlamento Europeo. Io non capisco com'e' che quando c'e' uno giovane e bravo il PD lo posteggia a Bruxelles (vero Serracchiani?). Non mi sembra una cosa furba. A proposito di cos furbette. Ha senso candidare il nuovo, se poi i candidati a consigliere sono i soliti volponi di sempre?

La coalizione: Il PD a questo giro e' alleata dell'UdC. Secondo me cercano di capire se quest'alleanza funziona. Un successo di questa coalizione potrebbe suggerire la futura coalizione di governo.
Pesandoci, questo farebbe dire addio a tutte quelle lotte per i diritti civili che dovrebbero fare parte della sinistra. 
La legge contro l'omofobia, regolamentazione delle coppie di fatto, abolizione dei priviegi della chiesa per cui l'Italia paga multe all'unione Europea
Finche' penseranno alle coalizioni, non si parlera' di programmi.
D'Alema dice che solo Bersani e' il rinnovamento. Renzi dice che e' il rinnovamento e' lui. Intanto nessuno che metta insieme 10 punti programmatici per farci capire le differenze.
Se uno vuole spera in questo partito, dovrebbe disertare le primarie per il suo bene.

Il candidato: Micciche'
Ok; non sarà reato, ma sara' diritto dell'elettore pretendere di essere rappresentato da un uomo lucido?
Continua a dire che di mafia non bisogna parlarne e che non si dovrebbe intitolare l'aeroporto a Falcone e Borsellino ricorda: "la più grande beffa che il diavolo abbia mai fatto al mondo è stata di convincere tutti che non esiste.". 
Convincetevi, in Sicilia non esiste la mafia, al massimo un pò di brigantaggio.

La coalizione: c'e' Fli, il partito di Fini.
Fini e' un politico lungimirante. Di lui ricordiamo due leggi in particolare: quella che permette i respingimenti (Bossi-Fini), per cui l'Italia paga multe all'UE,  e quella che equipara droghe leggere e pesanti riempiendo le carceri di gente (Fini-Giovanardi).

Il Candidato: Giancarlo Cancelleri. Non so altro.
Il movimento 5 stelle. Beppe Grillo e' sbarcato in Sicilia sfruttando appieno le sue capacita' comunicative.
I suoi discorsi sono improntati al populismo e si basano su metodi che spesso non condivido: quando vuole l' Italia fuori dall'Euro, o quando insegue il voto della Lega negando la cittadinanza ai figli degli immigrati.
Ci si chiede se un movimento sia capace di amministrare: a Parma, il sindaco del M5S ci ha messo troppo tempo a mettere su la squadra di assessori. 
C'è da dire che riempie le piazze e su molte cose si dimostra credibile.
Ha detto che se verranno eletti, metteranno in rete tutti gli atti del parlamento Siciliano.
Non è una cosa banale. La mancanza di trasparenza ha finora permesso ai parlamentari Siciliani di fare cio' che hanno voluto.
E' l'unico candidato per cui ho visto piazze davvero piene. 

Il Candidato: Nello Musumeci provenienza MSI, la Destra.
Proviene da "la destra"
La coalizione: il solito PdL o cio' che ne rimane. Dal 61 a 0, a oggi, che nessuno vuole piu' metterci la faccia.
E se non ci credono loro perche' ci dovremmo credere gli elettori?

Comunque vada saranno elezioni interessanti (le foto sono prese da un comizio di Grillo in provincia di Trapani).
Se voi poteste votare. Voi chi votereste? la prossima settimana vi do i risultati del sondaggio.

Aggiornamento: un altro dato importante su cui riflettere.
Tra i candidati ci sono 32 indagati, alcuni già condannati.
12 sostengono Miccichè, 10 Crocetta (molti UDC) e 10 Musumeci. Non male per chi predica un rinnovamento della moralità in politica.




Monday, 23 April 2012

Per i proscritti Padani.

Lettera aperta per i concittadini che hanno firmato contro l'arrivo di Riina Junior al nord (vedi articolo).

Egregi concittadini,

Nell' esaminare il caso che da qualche giorno e' sotto gli occhi di tutti con grande scandalo,
Vi prego di tenere in conto, giudicando il ragazzo, l'importanza del contesto familiare dove esso ha ricevuto un' educazione improntata all'odio del prossimo.
Una formazione dove la violenza verbale la fa da padrone.

Vi prego di considerare il peso di crescere in una terra che vuole tu assurga al ruolo di capo indiscusso nonostante questo cozzi con una realta' che sottopone a continui esami la maturita' della persona.

Vi chiedo, infine, di ponderare come ognuno debba essere lasciato libero di forgiare il proprio destino, lontano da costrizioni, confidando nella liberta' che garantisce colui che segue le leggi (o che ha pagato il debito con la giustizia).

Concludendo, volevo comunicarvi che, nonostante tutti queste considerazioni su Renzo, qualora voleste inviarci il trota al sud*.
Noi del sud non avremo niente in contrario.
...che, come dice il buon Snoopy, noi si e' "troppo occupati ad amare chi mi ama per perdere tempo a odiare chi ci odia".


* la giustizia decidera' se come libero cittadino o elemento da custodire nelle patrie galere.

Sunday, 8 May 2011

La memoria storica e del cervello mandati al confino

Ho passato il primo Maggio a Portella della Ginestra.
E' stato un evento molto particolare che bene rappresenta cio' che succede all’Italia e alla sua memoria storica.
A Portella c'e' un sindaco PdL che rifiuta di fare partecipare il gonfalone del comune alla manifestazione di commemorazione del massacro perche' dice che e' strumentalizzata dalle sinistre e che e' diventata quasi una manifestazione di partito (ovviamente non del suo).
La cosa e' provocatoria visto che quando accadde il massacro il ministro degli interni Scelba rifiuto' di aprire un indagine per motivi politici perche' secondo lui, chi festeggiava il primo Maggio non era di un solo partito e pertanto non poteva essere un delitto contro la sinistra.  

Questa puo' sembrare una differenza sottile ma il peggio deve ancora venire: mentre sempre piu' prove sembrano inidicare che a sparare a Portella ci fossero forze neo-fasciste ed eleementi della X-Mas riconducibili a Junio Borghese (quello del golpe) , il sindaco cosa fa?
Invita Lele Mora, noto fascista in citta' (articolo di "Repubblica").

In  piu’ sposta l'evento "Cannoli & friends" a ridosso della commemorazione.
In altri paesi si difende la memoria e si discute sulle teorie revisionistiche.
Da noi, non serve neanche quello basta molto meno: una tetta di qualche starlette televisiva, un cibo cotto e mangiato (sebbene anche i cannoli facciano parte della cultura) e tanti sorrisi finti.

Il metodo "mandarla in vacca" funziona sempre di piu’ ed e' frutto di questa cultura politica arrafazzonata, approssimativa e qualunquista e caciarona.
Il tutto per ammassare informazioni contraddittorie e confondere la memoria.

Cosicche' oggi il primo Maggio a Portella della Ginestra diventa  un occasione per mangiare cannoli con Lele Mora (?), quello a Roma un evento mediatico per la chiesa (pagato dai contribuenti di tutte le religioni e non credenti), Fede continua a chiamare il 25 Aprile la festa della liberta’ (trasformandola quasi in una festa di partito), mentre la liberazione dall’antifascismo viene sempre meno menzionato.
Per fortuna che le nebbie che avvolgono il picco, luogo dell’eccidio quel giorno erano avvolte da nebbie che aiutavano a conservare un clima di silenzio pieno di rispetto.
Molto diverso da tutte quegli schiamazzi che si sentono pochi km piu’ in basso: di chi avendo perso la memoria e il rispetto per se stesso non ne ha piu’ per coloro cui e’ dovuto.

Friday, 22 April 2011

Sull'invisibilita' tipica dei supereoi

Camminavo per strada.
Un nano l'attraversa. Lo vedo camminare davanti a me con passo veloce.
D’un tratto per strada riecheggia  un voce alta, che tradisce sorpresa e forse una contentezza irrefrenabile.
E’ una bambina, piccola, che indica il nano e grida: “guarda papa’ c’e’ un nano...un nano vero!”.

Il papa’ con visibile imbarazzo cerca di portarla via mentre lei continua a indicare il nano con la mano, forse ha paura che sia l'unica a vederlo.
La bambina e’ piccolina, non c’e’ assolutamente voglia di irridere nelle sue parole.
Avrà visto tante vole "Biancaneve e i 7 nani" e forse aveva sempre pensato che i nani fossero creature fantastiche, come gli elfi, gli gnomi, (e gli eurocomiunisti ndr).

Vederlo di presenza l’ha sorpresa molto. Probabilemte ricordera’ per sempre questo momento: per la sua sorpresa oggi, che un domani, quando capirà, sarà diventato imbarazzo.
Prima che assistessi a questo fatto pensavo ai fatti miei.
In particolare pensavo al concetto di eroe.
Ricordavo che anni fa e’ stata data una medaglia a un
mercenario che catturato da un gruppo non meglio identificato di guerriglieri era morto dicendo.
"Adesso vi faccio vedere come muore un italiano".

Onestamente non avevo notato molta differenza da come muore un africano o un asiatico, che del resto da molecule siamo fatti, e il sangue e le ossa sono uguali qualunque sia la tua cultura o il colore della tua pelle.
La differenza l’avevo notate nell’aspetto mediatico: un africano che cade fa meno rumore (nel
genocidio del Ruanda, il rumore di un milione di caduti di si udiva "fragoroso", dalle ultime pagine dei giornali).
Al mercenario vennero dati onori (per esempio la medaglia al valore civile che non era spettata nemmeno ai soldati morti servenodo il paese).
Dissero che era stato un eroe, per cosa aveva detto alla fine.
Io, prima di morire vorrei dirò  “pasta, pizza, mandolino, (Galileo, Leornardo da Vinci,
Monica Bellucci)”.
Ci pensavo perchè mi chiedevo se al ragazzo, il giornalista free-lance morto recentemente in Palestina sarebbero stati concessi tali onori.
Una persona davvero eroica che, per il dovere di cronaca aveva documentato giornalisticamente sul suo blog l’operazone
piombo fuso e tutto quello che ciò prevedeva per i Palestinesi .Per questo aveva già rischiato la vita ed era stato picchiato dai soldati Israeliani.
Ci ha fatto vedere davvero come muore un italiano: sottopagato e con contratti a tempo determinato, ma con tanto coraggio, passione e cuore messo nel lavoro.
Ma non credo che questo, di questi giorni, gli valga una medaglia.

Perchè i veri eroi spesso rimangono invisibili.
Ricordo quando anni fa c'erano al liceo "Cielo d'Alcamo" seguivamo
Danilo Dolci e i suoi seminari.
Danilo Dolci, se non lo conoscete, era detto il Gandhi della Sicilia.

Aveva inventato azioni di protesta come, lo sciopero alla rovescia. Alla base c'era l'idea che, se un operaio, per protestare, si astiene dal lavoro, un disoccupato può scioperare lavorando.
Centinaia di disoccupati a Partinico si erano organizzati per riattivare pacificamente una strada comunale abbandonata.
Ovviamente questo metteva in evidenza come lo stato fosse assente e abbandonasse i suoi beni quindi i lavori vennero fermati dalla polizia e Dolci, con alcuni suoi collaboratori, venne arrestato.
Nello stesso anno, il 1956, oltre mille persone diedero vita ad uno sciopero della fame collettivo per protestare contro la pesca di frodo, che, tollerata dallo Stato, privava i pescatori dei mezzi di sussistenza. Ma la manifestazione venne presto sciolta dalle autorità, con la motivazione che «un digiuno pubblico era illegale»
Magari state pensando che queste siano lontane nel tempo, che potevano accadere solo in Sicilia. Ebbene pensate alla protesta delle carriole all’Aquila dove la gente che voleva tirare via le macerie , le  macerie delle loro case (primo passo per la ricostruzione), è stata manganellata e schedata come criminali. In questo modo lo stato, almeno nella sua componente repressiva ha dimostrato di non essere affatto sordo e assente .
Io allora ascoltavo Danilo Dolci trovavo bizzarre queste proteste sopra le righe, e pansavo più in termini di occupazione e organizzazione. Ero giuovane.
Oggi ho capito che un eroe non lo si incontra per strada, e spesso se lo si incontra non lo si riconosce perchè un eroe non cambia le cose dall'oggi al domani.
Gli elfi e le fate magiche non esistono.
Esistono solo eroi, invisibili e silenziosi, che gettano i semi di un cambiamento.
Il cambiamento richiede piccoli eventi, come il germogliare dei semi
.
Ci vuole tempo e condizioni favorevoli per fare crescere da un piccolo seme, una grande quercia.

…dedicato ai miei maestri.

La Foto a sinistra è presa dal sito di MissKappa

Tuesday, 12 April 2011

Come direbbe Sciascia...una storia semplice.

Qualche giorno fa mi sono ricordato una vecchia canzone che avevo sentito da bambino e parlava di Salvatore Giuliano, descrivendolo come un eroe.
Giuliano e la sua banda sono stati i responsabili della strage di Portella della Ginestra il 1 Maggio 1947.
Sembra esserci una contraddizione. Dipende.

Salvatore Giuliano era un tipo di eroe, ed era un assassino, ed una vittima, uno che scappava, uno che si fa trovare, uno che sognava, uno che era tradito, uno che combatte per la sua terra, uno che aiuta gli stranieri a soggiogarla. Contraddittorio? Dipende.
Iniziamo a raccontare questa storia (con la “s” minuscola).
Salvatore Giuliano era un ragazzo che per sopravvivere commerciava grano al mercato nero. Una volta, scoperto, provato a scappare, e’ colpito dai proiettili, gli stanno dando il copo di grazia, lui reagisce e uccide lo sbirro.
Da li’ in poi deve scappare e vivere come un brigante.
Cosi’ diventa un assassino, ma anche una vittima.

La vita di brigante andava avanti rapine, rapimenti e riscatti.
Le Forze Repressione Banditismo erano corpi speciali delle forze dell’ordine, incaricate di braccare gli ultimi briganti.
Ma non erano riusciti a prendere Giuliano e la sua banda, contribuendo ad accrescerne il mito di eroe.
Anche perche’ mentre non lo trovavano, Giuliano si faceva trovare da almeno 5 giornalisti/e e rilasciava interviste, girava filmati, la sua vita era quasi costatemente documentata.

In quel periodo in Sicilia c’era un forte movimento indipendentista il (MIS- Movimento Indpiendentista Siciliano) che arrivo’ ad avere mezzo milione di iscritti. Il braccio armato del MIS era l’EVIS.
Giuliano era visto come un eroe perche’ riusciva a deridere gli sbirri che imponevano la legge di Roma. Il MIS nomino’ Giuliano colonnello dell’EVIS e continuo’ a combattere contro le forze dell’ordine.
Sperava di potere vincere la guerra, e sognava di tornare alla vita normale che aveva prima. Gli avevano promesso l’amnistia di tutti i crimini “di guerra”.
Giuliano era diventato una figura politica, senza rendersi conto di quanto questo lo rendesse una pedina nelle mani di chi aveva interessi politici. Un pupo in piu’, nelle mani di tanti pupari.

Ora lasciamo la piccola storia e guardiamo che cosa succedeva nella Storia (“s” maiuscola).
Giuliano faceva il mercato nero del grano perche’ il grano scarseggiava sul mercato ufficiale. E il grano scarseggiava perche’ i terreni della Sicilia erano coltivati male, da grandi latifondisti aristocratici che vedevano la terra come potere, ma con nessun interesse a coltivarla con nuovi metodi o innovare quello che era stato fatto da secoli (Gattopardianamente parlando).

In quel periodo i decreti Gullo volevano che le terre coltivate male venissero ridivise fra gli agricoltori.
Fatta la legge, non era cosi’ chiaro come reclamare i terreni.
Per fortuna una classe di sindacalisti (spesso di formazione partigiana) erano riusciti a mettere pressione sui tribunali per l’assegnazione: le terre si occupavano, i contadini, riuniti in cooperative ne reclamavano il diritto. Molte manifestazioni venivano organizzate: dopo la fine della guerra si respirava un aria nuova, un vento di cambiamento e i poveri rialzavano la testa.
I latifondisti avevano chiesto alla mafia di uccidere e reprimere questi movimenti (in quegli anni vengono uccisi 36 persone tra cui sindacalisti Placido Rizzotto, Accursio Miraglia
, Salvatore Carnevale  e moltissimi altri.
Ma oltre alla mafia c’erano altri interessi che volevano che questo movimento smettesse.
Alle elezioni regionali del 1947 il blocco del popolo (PCI e PSI)  avevano preso il 30% dei voti

 La democrazia cristiana era scesa al 20%. Il problema non era da poco visto che nel l'accettare il piano Marshall il governo s'era impegnato a  combattere il comunismo. Quel risultato elettorale andava ostacolato dal governo italiano e dai servizi segreti statunitensi.
 Con gli anni a seguire la mafia abbandonera’ le campagne, le terre verranno distribuite e i mezzadri, divenuti imprenditori nel 2001 voteranno in massa Forza Italia che prese tutti i 61/61 seggi assegnati in Sicilia.

A ostacolare il movimento c’erano anche i fascisti che, finita la guerra volevano ostacolare in ogni modo l’ascesa dei movimenti di sinistra.
Insomma, si fa prima a dire che non c’era che chi c’era a sparare con Giuliano.
Fu cosi’ che mentre la gente si radunava a Portella della Ginestra per festeggiare la prime distribuzione di terre,  Giuliano sparo’ sulla folla uccidendo 11 persone (di cui 2 donne, 4 bambini), 27 feriti.

La banda del bandito Giuliano sparo’ sulla gente secondo la versione semplice.
Salvatore Giuliano aveva sparato con l’aiuto della mafia latifondista, insieme ai fascisti della X-Mas legati con la complicita’ dei servizi segreti americani (mafia e Servizi segreti americani avevano spesso cooperato dal 1943) e il beneplacito del parlamento a Roma.
Poi la storia continua e Giuliano viene ucciso. Prima si crede dai carabinieri, poi si scopre ucciso dal cugino.
Il cugino viene condannato e dice che fara’ i nomi di chi gli aveva ordinato di farlo. Morira’ in carcere.
Poi la Storia (deviata) cerchera’ di cancellare tutto e fare tornare tutto alla versione semplice: Giuliano era un bandito e i banditi questo fanno: uccidono a caso.
...che cosi’ e’ tutto piu’ semplice.

Leggo i giornali di oggi, i comunisti sono cattivi, Roma e’ ladrona, i fascisti vengono copiati, la mafia (come sempre) non esiste, gli stranieri Föra da i ball e tutto e semplice: o Bianco e Nero.
La semplificazione e’ tipica della destra populista che trova soluzioni semplici a problemi complessi (alrimenti non mi spiego a che serva comprare casa a Lampedusa).
Ma la verita’ e’ che la stori
a di un uomo e la Storia giungono allo stesso destino.
Se la complessita’ del mondo vi infastidisce e preferite credere a un mondo dove tutto e’ semplice; accomodatevi pure: oggi c’e’ il sole, il tg1 rassicura tutti, il capitano sa dove condurre la nave e questo paese.
L’orchestrina del Titanic sta suonando (solo per voi) un’ allegrissima canzoncina scacciapensieri. Firuli’ firula’.

Thursday, 7 April 2011

Il post piu' bello (spiegone)

Si era dunque deciso di tornare al vecchio porto.
La vista di cio' ch'era divenuto m'aveva shockato: turisti dappertutto, luci colorate e mille localini nuovi che si sfidavano a chi potesse mettere la musica peggiore, a piu' alto volume.
...e noi eravamo li' per infierire, che a qualcuno era venuto in mente di giocare al karaoke. Entriamo in un locale: proprio quello dove una volta avevo stravinto una partita di scarabeo componendo la parola "corifeo", solo che visto che giocavo con gente ignorante credevano che avessi inventato una parola, solo per vincere.
E in un attimo mi ricordo di quella volta che al mattino presto (o a notte tarda) avevamo sentito un canto lontano portato dal vento e, seguendolo con le vespe avevamo raggiunto il molo opposto dove attraccavano i pescherecci che vendevano il pesce appena pescato.
E ricordo di quando si prendevano i cornetti e si andava a vedere sorgere il sole vicino al Segesta. C'era sempre un silenzio irreale che i colori dell'alba, la tranquillita', l'uomo la natura facevano sembrar d'essere in un posto magico (come l'Islanda dei
Sigur Ros).
E penso che sarebbe bello, se per un momento si ripetesse, ora quel silenzio.
Ho deciso il pezzo che vorrei eseguire: e'
4'.33'' del grande compositore John Cage.
Un pezzo senza musica e senza parole: puro silenzio.
Ma un silenzio che nel porto sarebbe pieno: all'improvviso si risentirebbero le onde sulla banchina, le barche che rientrano lente e i pescatori che cantano.
E nel miracolo si spegnerebbero anche i neon e questo Bianco maledetto ritornerebbe ad un oscurita' bellissima, dove le om
bre disegnano la forma delle persone, e le luci delle lampare  , darebbero un senso di serenita'.  

- Pensavo tutto cio'. pensavo a quanto la semplicita' ci faccia apprezzare il complesso e c'era un che di artistico in tutto cio'.
Ma se avessi spiegato tutto questo, si sarebbe perso il senso del momento.

Avrei voluto scrivere un post vuoto che dicesse: non dedicare tempo a cio' che dico ma fai cio' che vuoi: apri la finestra guarda oltre quel palazzone tremendo e immagina cio' che ti fa stare bene, cio' che ti ha fatto stare bene.-
Ho finito di pensare tutto cio' e i neon sono ripresi ad abbagliare e la musica a stordire.
Il mare era ancora la', ma ormai smetteva di essere mare, che sarebbe potuto essere una piscina con il nano e le ballerine (laureate) e nessuno si sarebbe scandalizzato.
E poi sentivo il mio amico che mi sfanculava dicendo: "4'.33'' al karaoke? ma perche' devi sempre rovinare tutto?".
Ed io pensavo lo stesso. Pero' di loro.

In foto: il vecchio porto (con la "t", non con la "c").

Thursday, 11 June 2009

Ma come suonava bene quell’orchestrina del Titanic!
(Le radici della politica, la politica delle radici).


Guardando i vincitori dell’ultimo festival di Sanremo: Marco Carta, Sal da Vinci, Povia.
Qualcuno disse che era arrivata prima Mediaset poi la camorra infine la chiesa.
Al di la’ del fatto che si potrebbe obiettare sulla similitudine napoletano-camorrista perche’ io conosco dei napoletani che sono onestissimi, simpaticissimi e cordialissimi (e visto che sono emigrati in Spagna approfitto del blog per salutaLi).
Si potrebbe anche obiettare sulla similitudine stolidomofobico-cattofondamentalista perche’ i due fenomeni si presentano anche in forma separata.

Sulla similitudine Marco Carta-Mediaset un po’ di verita’ c’e’.
Perche’ esiste il partito azienda, perche’ se leggi un libro Mondadori, vedi una tv mediaset, da italiano paghi il canone obbligatorio per rete4, vedi giocare il Milan (ma senza Kaka’) su mediaset premium, versi soldi a Mediobanca, leggi “il Giornale” dell'editore Paolo Berlusconi o “Chi” (sempre Mondadori) alla fine ti rendi conto che hai indirettamente sovvenzionato una sola persona.

Questa persona ha legato e al suo modo di fare, di vedere le cose, che ormai tutto vive in funzione di costui.

La stessa persona e’ cosi’ onnipresente da fare diventare tutto, anche un elezione che dovrebbe essere sui temi della futura Europa, un referendum pro e contro di lui (e io alla fine ho votato IdV perche’ in fondo sono forcaiolo).

La mia citta’ e’ l’unica governata da piu’ di 20 anni dal centrosinistra in una provincia con sole amministrazioni di centrodestra.
In questi anni si sono visti bei concerti: 99posse, Almamegretta, Stefano Bollani, MCR e negli ultimi anni Max Gazze’ e Vecchioni.
Mentre mi chiedevo a chi sarebbe toccato quest’anno.
Sperando in Guccini ma caldeggiando anche una PFM....esce il programma e vedo il nome di Marco Carta.
Se Kaka’ si dice abbia spostato 2,5% di preferenze per il PdL, temo quanti ne possa spostare un amico degli amici di “Amici”.

Pero’ c’e’ di peggio: per esempio quello 0,21% che  nella mia citta' ha votato lega Nord (schema qua sopra).
La lega marcia al nord sulle paure della gente. Nella mia citta’ ci sono circa il 10% di stranieri (tra regolari e irregolari) e finora non ci sono mai stati grossi problemi.
La lega e’ convinta che proteggere le radici significhi impedire ad altri di mettere radici nello stesso terreno.
Come se due rose di diverso colore fossero due organismi differenti e mutalmente esclusivi.
Il concetto di difendere le radici e’ anacronistico, antiscientifico e assurdo.
A Milano impediscono a gente di colore di guidaare i mezzi pubblici su cui dovrebbe salire la gente che, secondo loro, va catalogata per colore.
A me mette tutto cio' mette tanta tristezza penso a Palermo, la gente ha una amministrazione di destra tra le peggiori d’Italia (vedi 1, 2, 3, 4, 5).
Eppure per le strade del centro di Palermo le vie sono scritte con una doppia lingua: l’italiano e l’arabo. Nessuno, in questa terra di migranti se ne e’ mai lamentato e secondo me e’ un modo anche questo di difendere le proprie radici, che per qualunque essere umano, vengono dall'Africa e per ogni Siciliano, affondano anche nel dolce mondo arabo.

Io al referendum vado a votare perche’ esprimere la preferenza e’ importantissimo e permette di dare dei forti messaggi alle segreterie di partito tipo questo.
Molte delle foto che ho pubblicato ultimamente sono mie.
I miei partono presto perche' da qualche anno hanno il mal d'Africa, il fratellino e' appena tornato dalla Norvegia (il famoso mal di Scandinavia), io, non vedo l'ora di prendere un aereo e partire.

Friday, 5 June 2009

Politica: ovvero l'arte di fare credere a un popolo che sia lui a governare.

Se da piccolo volevo andare al cinema: dovevo chiedere a papa’ un sovvenzionamento: se il film era ritenuto valido, veniva finanziato dal ministero della cultura (mamma).
Altrimenti mi toccava pagarlo di tasca mia (qui spiega perche’ perorai la causa del terribile “Mad Max, Oltre la sfera del tuono” come film di propaganda antinucleare e pertanto culturalmente rilevante).
Lo stesso accadeva con i libri, mentre le figurine le dovevo comperare SEMPRE col sudore della mia fronte (che consisteva nel vincere partite di scopa a mia nonna o nel pulire piu' volte la vecchia fiat 500).
Ricordo che i fumetti all’inizio li dovevo pagare io, poi intervenne mio zio che era un Veltroniano ante-litteram e mi venne finanziato un tot di spese mensili per musica e fumetti.

Il servizio di nettezza urbana (portare fuori casa un sacchettodi immondizia indifferenziata  e metterlo nel cassonetto) veniva ripagato con 500 lire.
Credo che oggi i bambini siano in media piu’ ricchi anche perche’ nella mia citta’, che ha un piano per giungere entro l’anno al 40% di riciclaggio si richiede di gettare molti sacchetti differenziati.
Alcuni dei miei cuginetti non chiedono la paghetta ma invocano “aiuti per le minoranze” (nel senso del loro essere minori) o la cassa del mezzogiorno (visto che si paga il sabato a ora di pranzo).
Vi dico tutto cio’ per farvi capire che, essendo cresciuto in una famiglia che gestisce le spese dei figli come lo stato farebbe con un piccolo comune, non e’ da noi credere che la politica, ovvero l’arte di amministrare sia tutta corrotta per definizione.
Il giorno prima dell’apertura delle votazioni, in genere discutiamo in famigla e spesso votiamo le stesse liste.
Quest’anno, nonostante Nerone sia in pieno cortocircuito morale e dica (senza che nessuno faccia notare la contraddizione) che la sinistra non conta niente, ma la stessa sinistra riesce a muovere tutte le pedine ed essere la causa di tutti i mali.


Nonostante il buon Di Pietro stia portando avanti l’unica opposizione credibile perche’ l’unica priva di opposizioni interne.
Nonostante il PD della Binetti e di D’Alema qui in regione candidi persone in gamba e oneste come Rita Borsellino, Claudio Fava o Rosario Crocetta.
Nonostante tutto cio’ stavolta la tentazione annullare il voto e' davvero forte.
Voto nullo significhera’ dare piu’ potere agli altri che votano o vendono il voto.
Scrivere a pugno duro cio’ che si pensa non risollevera’ le sorti di questa povera Italia... ma quanto meno uno puo' fare sentire la protesta (almeno quanto quella di un cassonetto nella piazza rossa: vedi foto)
Altri due giorni per pensarci.

Tuesday, 26 May 2009

Meriggiare pallido arrosto

Sottotitolo (caldone africano - un di' qui sara' tutta citta').
La “scevusa” in siciliano, significa sia “ascesa” che “gelso”.
Al di la’ se sia la festa religiosa dell’ascensione o della fioritura degli alberi e’ una giornata da passare coi parenti in campagna. Puo’ anche capitare di ritrovarsi su un altalena.
La campagna d’estate ha tempi tutti suoi.
Tutto e’ piu’  lento. Il caldo fa apparire i contorni tremuli e perfino le pale eoliche in lontananza, nonostante ostentino tecnologia, si adeguano al caldo indolente muovendosi nei 35 gradi con un che di ipnotico.
Il mio andare su e giu’ con l’altalena fa si che vengano fuori pensieri da citta’, ma appiccicaticci e confusi da questo rigoglioso deserto che e'  la campagna.

Penso alle prossime elezioni europee: al fatto che si possa esprimere la preferenza e che in Lombardia qualcuno potra’ scrivere sulla scheda  Emanuele Umberto Reza Ciro René Maria Filibusto Filiberto di Savoia.
Penso al congelatore: mio padre ha comprato 12 gelati, Ne ho mangiato uno, ma dopo tre giorni i gelati erano finiti.
Penso che e’ arrivata l’estate: puzza di creme solari e rumori di flip-flop sul selciato. L'estate mi riporta a quando, da piccolo, prendevo il treno per "scendere" dal Veneto alla Sicilia. Oggi per fare 330 km da Trapani a  Siracusa ci vogliono tra le 9 e le 16 ore. Pero' tutti pensano che il ponte di Messina, costruito sulla faglia sismica tra la placca Indoeruopea e quella Africana risolvera' tutti i nostri problemi.

Penso che mentre tutti dicono che siamo fuori dalla crisi,  in settimana tre artigiani (comunisti e bolscevichi) si sono suicidati  nel trevigiano.  Non hanno trovato posto nei quotidiani (comunisti e bolscevichi). Peggio delle morti bianche.
Sento che mi si e’ smosso un pititto lupigno e che la lucidita’ e’ quella che e’.
Credo’ che dovrei addubbare con qualcosa di fresco.

Ritengo che tra tutti i pensieri, il piu’ importante sia quello che mio fratello s’e’ mangiato tutti i gelati, anche i miei.
Pondero che in estate vi sia un picco d’omicidi, e non trovo che sia un caso.

Campagna
- Questo blog si congratula con Samantha, selezionata come astronauta italiana e le augura di cuore un in bocca al lupo per la sua nuova carriera.
- Ale che cavolo di mezzo a 8 ruote ti sei comprato? bici con 6 ruote sul traino? Sul quando tornare in America tii rispondo presto via mail (appena capisco quando posso).
- Ho ripreso  il blog con l'URL piu' bella del mondo: questa qua.

Wednesday, 13 May 2009

Cinisi Ramblin’ Men

C’e’ l’anniversario della morte di Peppino Impastato e il concerto dei Modena City Ramblers a Cinisi.
Di pomeriggio decido che maglietta mettermi.
Quella di Che Guevara, dopo tanti lavaggi sbagliati ha virato al rosa e, nonostante sia molto pop, non vorrei essere frainteso davanti ai gazebi dell’ARCIgay.
Alla fine trovo una camicia rossa cui, causa mal di gola, aggiungo una bandana nera.
Cosi’ rosso e nero, anarchico fiero raggiungo i miei amici.
Gli stolidi mi accolgono cantando: “Milan, Milan sempre con te”.

Da queste piccole cose mi rendo conto quanto la televisione riesca a entrare nella mente delle persone e a cambiarne i riferimenti culturali.
Sarebbe pericoloso se un solo uomo di potere potesse controllare i riferimenti culturali di un paese.
Ma va anche detto che i cinegiornali dell’istituto luce non si possono comparare con i TG odierni, visto che questi ultimi hanno meteorine e veline fighe, per cui mi rasserenato mi dico che non viviamo in un stato di regime.

Arriviamo a Cinisi. C’e’ un sacco di gente. Bandiere rosse, bandiere arcobaleno, gente allegra, ciel l’aiuta e tutto il resto.
Qualcuno dal palco ci chiama “compagni”.
Io mi emoziono perche’ l’ultima volta che m’hanno chiamato compagno fu in terza media. "Compagno di classe" ma non si parlva  di classe sociale.
Compagno e’ proprio una bella parola.
Oggi c’e’ qualcosa di strano: a destra c’e’ chi e’ orgoglioso di chiamarsi camerata fascista e dalle fila del Partito popolare Europeo siede in parlamento  senza che nessuno si scandalizzi.

Eppure i capi dell’opposizione che dovrebbero portare avanti la memoria dei partigiani che hanno combattuto e fatto l’Italia, dotandola di una costituzione democratica, si vergognano a chiamarsi “compagni”.
Certo che a vedere queste 2.500-3000 persone (stima mia, per la questura saranno 300) a uno verrebbe pure in mente che la sinistra non e’ morta.
Poi uno vede le facce: sono sempre le stesse ad ogni concerto come ad ogni primo Maggio a portella della Ginestra.
Ripenso al 61-0 di Forza Italia in Sicilia del 2001 o al 2006 Cuffaro vinse Rita Borsellino (con una sinistra che ancora stava bene) e capisco che in fondo tutto questo concerto e’ solo musica e belle parole, ma le cose non potranno cambiare cosi' facilmente.
Parlare di operai che si uniscono nella lotta, in questa calda serata e’ fuori luogo...e poi in Sicilia di operai ce ne saranno si e no tre.
Uno e’ un cassaintegrato a Termini Imerese, e due sono ammalati di tumore nei poli pertrolchimici di Gela e Priolo.

Le cose cambiano ma oggi le cose piu’ rivoluzionarie passano dai movimenti civili  come “Pizzo free” o l’associazione “Libera”, dalle liste civiche: da chi fa cose di sinistra senza inquadrarsi in un partito i cui vertici sono ormai solo rami secchi che per paura di perdere il potere si rifiutano di rappresentare i movimenti locali.