Showing posts with label la mia terra. Show all posts
Showing posts with label la mia terra. Show all posts

Tuesday, 16 April 2013

Il primo raggio di sole.

E' arrivata la primavera….e scusate se e' poco.
C'e' un certo giorno dell'anno in cui metti via la giacca e ti accorgi di non soffrire più' il freddo.
Allora chiudi gli occhi e senti il sole caldo sulla faccia e la luce che si vede anche con gli occhi chiusi.


Siccome ragiono per contrasti, nel sole ricordo la neve d'inverno, il freddo, l'umido delle case studentesche e dei vestiti che non si asciugano mai. Penso a certi serate Bohémienne, caotiche e strane, a volte tristi, come quella volta che avevamo messo in balcone le birre, la temperatura scese a meno 20 e le bottiglie iniziarono ad esplodere con la birra congelata.
Spettacolo terribile, ma che bello che era. Pensai che quando lo avrei raccontato ai miei nipoti, nessuno ci avrebbe creduto.


Anni prima appena arrivati a Dresda, non conoscevamo ancora l'inverno vero.
Ricordo che Laura aveva steso il maglione fuori per scoprirlo, dopo un poco completamente congelato. C'era una foto in cui lei sorride tenendo il maglione per una manica. Il maglione sta dritto, congelato.
Noi tutti ridiamo. Ingenuita', a volte mi manca.


Inverni prima agli scout, avrò' avuto 14 anni.
Avete presente quando di notte in tenda si sentono i rumori della foresta e degli animali (fra gli animali annovero alcuni dei miei compagni scout che emettevano petoversi selvaggi). Una notte, all'improvviso si fece silenzio. Un silenzio innaturale.
Aprimmo la tenda. La neve scendeva silenziosa. La neve i Sicilia ha qualcosa di innaturale.
Il paesaggio imbiancato dona  pace e serenità' a quei campi che erano arsi pochi mesi prima nell'inferno dello scirocco. Ho saputo che il bosco della Vaccheria non esiste più. Un piromane lo ha distrutto.


Avro' avuto 3-4 anni, avevo già' una sciarpa rossa e un montgomery blu scuro con i bottoni di legno e gli alamari di legno chiaro. Mio padre allora aveva 30 anni.
Facemmo un pupazzo di neve che era gigantesco (anni dopo capii che il pupazzo era normale, ero io che ero piccolo).
Mio padre rideva tanto. Creo il corpo', 2 ciottoli neri per occhi, sali' sopra e torno con un naso arancione in mano.
La sera salutai il pupazzo che avevamo battezzato "Ippolito Nevo".
Il giorno dopo tornai e trovai al suo posto, solo una carota.

Tutto questo ho pensato oggi. Pensieri felici ma anche tanto freddo.
Ogni eta' ha le sue storie ed ogni stagione ha il suo tempo.
Oggi non sono più' ingenuo. So molte cose. Non rimpiango il freddo. Mi godo il primo raggio di sole.

Monday, 23 April 2012

Per i proscritti Padani.

Lettera aperta per i concittadini che hanno firmato contro l'arrivo di Riina Junior al nord (vedi articolo).

Egregi concittadini,

Nell' esaminare il caso che da qualche giorno e' sotto gli occhi di tutti con grande scandalo,
Vi prego di tenere in conto, giudicando il ragazzo, l'importanza del contesto familiare dove esso ha ricevuto un' educazione improntata all'odio del prossimo.
Una formazione dove la violenza verbale la fa da padrone.

Vi prego di considerare il peso di crescere in una terra che vuole tu assurga al ruolo di capo indiscusso nonostante questo cozzi con una realta' che sottopone a continui esami la maturita' della persona.

Vi chiedo, infine, di ponderare come ognuno debba essere lasciato libero di forgiare il proprio destino, lontano da costrizioni, confidando nella liberta' che garantisce colui che segue le leggi (o che ha pagato il debito con la giustizia).

Concludendo, volevo comunicarvi che, nonostante tutti queste considerazioni su Renzo, qualora voleste inviarci il trota al sud*.
Noi del sud non avremo niente in contrario.
...che, come dice il buon Snoopy, noi si e' "troppo occupati ad amare chi mi ama per perdere tempo a odiare chi ci odia".


* la giustizia decidera' se come libero cittadino o elemento da custodire nelle patrie galere.

Thursday, 12 January 2012

Beati coloro che hanno sete di giustizia perche' saranno giustiziati.

Ci sono alcune tradizioni che si ripetono di anno in anno.
Una di queste vuole che io abbia la febbre prima di Natale.
Questa tradizione risale a 3-4 anni fa quando ho notato che un bel febbrone mi dava privilege incredibili quali: incremento del tasso di coccolosita’ di gente che mi vuole bene, la possibilita’ di evitare parenti, sopratutti quelli con bimbi piccoli e frignanti a seguito e infine la "campanella del potere".

Dicesi la campanella del potere, quella campanella che nella mia famiglia viene data a chi, essendo malato, puo’ avere bisongo di chiamare aiuto.
Siccome da grandi poteri vengono grandi repsonsabilita’ (Spider man et al.) va da se che io ho sempre abusato di questo potere per i miei biechi scopi: “mamma, sto male, mi spremi della arance (ma poi filtrale che mi danno fastidio i semini), mamma mi friggi delle patatine, un uovo, un uovo di dodo etc.”

Quest’anno, invece, la tradizione non si e’ ripetuta: infatti, tornando a casa ho trovato mio fratello a letto con la febbre.
Ovviamente non si puo’ essere malati in due: visto che sarebbe come mettere due gesu’ bambini nel presepe.
Cosi’ quest’anno non ho potuto fare le mie solite vacanze rilassose e s’e’ perduta una bella tradizione.
 
Un altra tradizione che s’e’ rotta e’ quella delle giocate a carte.
Serate di rara noiosita’ da scansare come la peste. Il gioco fa male alla salute (spesso queste sedute avvengono in case di villeggiatura riscaldate male).
Quest’anno m’e’ toccata andare dai miei amici a giocare. S’e’ giocato a Cucu’.
E’ un gioco con le carte siciliane in cui ogni giocatore ha 3 vite, una volta uscito, si puo’ rientrare se si induce qualcuno a parlare, prendendo la vita dello sciagurato che rispose.
Ora, niente da eccepire, ma ho passato una serata con i miei amici che non vedevo da Aprile a non ho potuto parlare con nessuno. Poi sarei io quello asociale.
...e cosi' s’e’ rotta un altra bella tradizione.


Un altra tradizione Italiana che s’e’ rotta e’ quella della mancanza dei controlli fiscali per una forma di rispetto, sui ricchi che ostentano la ricchezza.
Una parte della destra ignorante crede nella storiella che chi e’ piu’ ricco investe di piu’ e quindi crea lavoro e rende tutti piu’ ricchi.
Questa storiella per gli allocchi e’ alla base delle politiche dei Repubblicani americani che tagliano le tasse per le classi piu’ ricche, convinti di fare un favore al paese.
In realta’ i dati mostrano come chiudere un occhio sui pratrimoni dei ricchi, porti solo a un aumento di capitali....in Svizzera.


Una volta scoperte tutte le magagne di questi che ostentano macchinoni ma dichiarano meno di me, e’ venuta fuori la storia che questi non sono evasori ma poveracci che fanno i debiti per fare le vacanze.
Ora, questo pensiero invece di ottenere pieta' dalla parte piu’ empatica della mia coscienza, ne ha scatenato i peggiori istinti giustizialisti: non e’ stata forse causata, tutta questa crisi perche’ qualcuno s’era messo a giocare con la carta di credito approfittando delle banche che non controllavano le reali capacita’ di chi riceveva prestiti?


Io non dico di riprendere quell’antica tradizione di esporre i cadaveri a piazzale Loreto, ma almeno un po’ di calci in culo darebbe a chi, come mia madre, che stava preparandosi per andare in pensione e invece ora deve ancora lavorare per 5 anni, un minimo di soddisfazione.
Detto questo, volevo fare del populismo sugli stipend schifosi dei parlamentari e del fatto che un mio amico non puo’ mandare un application a un lavoro dell’Unione europea perche’ pur avendo 8 anni di esperienza non li puo’ dimostrare, non essendo mai stato messo in regola dal commercialista.
Ma questa e’ un altra storia, ma anche no.....e intanto la lega e i radicali votano contro l'arresto di Cosentino.

Saturday, 11 June 2011

Referendum

In questi giorni s'e' parlato tanto dei referendum.
Vi dico come la penso io.

Acqua: abito in un paese dove piove sempre...mi aspettavo di pagare una cifra irrisoria per l'acqua.
Quest'anno per il mio appartamento ho pagato l'equivalente di 656.02 Euro.
Non ho un castello, ne' vivo nella famosa casa sulla cascata (dove l'acqua esce da un rubinetto costantemente aperto). Il prezzo assurdo e' si risultato delle privatizzazioni della Tatcher.
Uno pensa, se privatizzano ci sara' concorrenza tra privati. Giusto? Con l'Acqua non e' cosi': un consorzio distribuisce e l'acqua e tu puoi pagare, oppure farti passare un tubo da una nazione vicina, e pagare il giusto d'acqua. l'ingiusto di idraulico, per l'impianto.
Per quanto riguarda l'efficenza, i privati, una volta acquisito il monopolio non hanno interesse a migliorare la rete idrica, come riportato piu' volte.
La destra ha provato a comprare i voti con i 10 Euro dell'ecopass?
La compravendita dei voti e' una pratica terribile, ma fatevi un po' di conti: il vostro voto, questa volta ha una valore economico enorme.

Acqua - Votate Si, Si perche' a me brucia ancora il culo dall'ultima bolletta.
Nucleare. Probabilmente verra' fatto nel Nord Italia dove le condizioni politiche sono piu' favorevoli (per esempio la Lega Nord non e' affatto contraria).
Allora io che vengo dal Sud e zona sismica dovrei essere favorevole?
No: il nucleare non conviene per vari motivi.
L'uranio viene dalla Russia e la cosa non e' politicamente vantaggiosa.
L'energia la compriamo dalla Francia, ma a prezzi di mercato vantaggiosi (visto che in sovrapproduzione), con i 30 miliardi hai voglia di comprare energia e nel frattempo sviluppare le energie alternative.
Ma al di la' di questo ricordatevi che le scorie normali, non riusciamo a buttarle a cusa degli interessi, immaginatevi il giro di interessi attorno alle scorie nucleari.
Ogni volta che ci sono interessi ci sono sempre i soliti che "mangiano".
Il ponte di Messina e' stato appaltato alla stessa ditta che aveva fatto l'ospedale dell'Aquila, quello crollato perche' anziche' usare cemento avevano messo sabbia.
Volete che in un paese cosi' bloccato dai conflitti di interessi e favori reciproci si costruiscano delle centrali atomiche? Io no:


ricordate quanto ridevano pensando a quanto c'era da ricostruire? immaginate cosa farebbero dopo un danno maggiore.
Nucleare- Votate si, per salvare il vostro culo.
Leggittimo impedimento.
La legge e' uguale per tutti e qualunque capo di governo implicato in faccende poco chiare per prima cosa ha il dovere di chiarire, poi di governare.
Se non puo' fare le due cose, prima si faccia processare, chiarisca, poi governi, se proprio deve.
Il legittimo impedimento non deve esiste: ognuno deve prendersi le sue responsabilita'.

Legittimo impedimento- Votate si perche' e' ora di smetterla di usare la giustizia come una cloaca e fare leggi a prova di (un) culo.

Detto cio' voi vi chiederete se io torno per votare.
La risposta e' no.
Pero' ho fatto in parte il mio dovere, mando mia nonna, che non vota ai referendum dai tempi del divorzio (il referendum del 74, non quello di mia nonna).
Io: - Nonna come stai?
Nonna: - ma...che ti devo dire: "come una vecchia di 80 anni"
Io: - Perfetto: allora bene, visto che di anni ne hai 86!
Nonna: - ma chi ta ddiri.
Io: - Senti un po', non e' che andresti a votare? Mando mio fratello a prenderti: ne va del nostro futuro.
Nonna: - Se e' per il nostro futuro, allora va bene.

Mia nonna e' una grande.
Certo se mia nonna a 86 anni va a votare e tu non ci vai devi proprio sentirti in colpa.

Sunday, 8 May 2011

La memoria storica e del cervello mandati al confino

Ho passato il primo Maggio a Portella della Ginestra.
E' stato un evento molto particolare che bene rappresenta cio' che succede all’Italia e alla sua memoria storica.
A Portella c'e' un sindaco PdL che rifiuta di fare partecipare il gonfalone del comune alla manifestazione di commemorazione del massacro perche' dice che e' strumentalizzata dalle sinistre e che e' diventata quasi una manifestazione di partito (ovviamente non del suo).
La cosa e' provocatoria visto che quando accadde il massacro il ministro degli interni Scelba rifiuto' di aprire un indagine per motivi politici perche' secondo lui, chi festeggiava il primo Maggio non era di un solo partito e pertanto non poteva essere un delitto contro la sinistra.  

Questa puo' sembrare una differenza sottile ma il peggio deve ancora venire: mentre sempre piu' prove sembrano inidicare che a sparare a Portella ci fossero forze neo-fasciste ed eleementi della X-Mas riconducibili a Junio Borghese (quello del golpe) , il sindaco cosa fa?
Invita Lele Mora, noto fascista in citta' (articolo di "Repubblica").

In  piu’ sposta l'evento "Cannoli & friends" a ridosso della commemorazione.
In altri paesi si difende la memoria e si discute sulle teorie revisionistiche.
Da noi, non serve neanche quello basta molto meno: una tetta di qualche starlette televisiva, un cibo cotto e mangiato (sebbene anche i cannoli facciano parte della cultura) e tanti sorrisi finti.

Il metodo "mandarla in vacca" funziona sempre di piu’ ed e' frutto di questa cultura politica arrafazzonata, approssimativa e qualunquista e caciarona.
Il tutto per ammassare informazioni contraddittorie e confondere la memoria.

Cosicche' oggi il primo Maggio a Portella della Ginestra diventa  un occasione per mangiare cannoli con Lele Mora (?), quello a Roma un evento mediatico per la chiesa (pagato dai contribuenti di tutte le religioni e non credenti), Fede continua a chiamare il 25 Aprile la festa della liberta’ (trasformandola quasi in una festa di partito), mentre la liberazione dall’antifascismo viene sempre meno menzionato.
Per fortuna che le nebbie che avvolgono il picco, luogo dell’eccidio quel giorno erano avvolte da nebbie che aiutavano a conservare un clima di silenzio pieno di rispetto.
Molto diverso da tutte quegli schiamazzi che si sentono pochi km piu’ in basso: di chi avendo perso la memoria e il rispetto per se stesso non ne ha piu’ per coloro cui e’ dovuto.

Monday, 2 May 2011

Friday, 22 April 2011

Sull'invisibilita' tipica dei supereoi

Camminavo per strada.
Un nano l'attraversa. Lo vedo camminare davanti a me con passo veloce.
D’un tratto per strada riecheggia  un voce alta, che tradisce sorpresa e forse una contentezza irrefrenabile.
E’ una bambina, piccola, che indica il nano e grida: “guarda papa’ c’e’ un nano...un nano vero!”.

Il papa’ con visibile imbarazzo cerca di portarla via mentre lei continua a indicare il nano con la mano, forse ha paura che sia l'unica a vederlo.
La bambina e’ piccolina, non c’e’ assolutamente voglia di irridere nelle sue parole.
Avrà visto tante vole "Biancaneve e i 7 nani" e forse aveva sempre pensato che i nani fossero creature fantastiche, come gli elfi, gli gnomi, (e gli eurocomiunisti ndr).

Vederlo di presenza l’ha sorpresa molto. Probabilemte ricordera’ per sempre questo momento: per la sua sorpresa oggi, che un domani, quando capirà, sarà diventato imbarazzo.
Prima che assistessi a questo fatto pensavo ai fatti miei.
In particolare pensavo al concetto di eroe.
Ricordavo che anni fa e’ stata data una medaglia a un
mercenario che catturato da un gruppo non meglio identificato di guerriglieri era morto dicendo.
"Adesso vi faccio vedere come muore un italiano".

Onestamente non avevo notato molta differenza da come muore un africano o un asiatico, che del resto da molecule siamo fatti, e il sangue e le ossa sono uguali qualunque sia la tua cultura o il colore della tua pelle.
La differenza l’avevo notate nell’aspetto mediatico: un africano che cade fa meno rumore (nel
genocidio del Ruanda, il rumore di un milione di caduti di si udiva "fragoroso", dalle ultime pagine dei giornali).
Al mercenario vennero dati onori (per esempio la medaglia al valore civile che non era spettata nemmeno ai soldati morti servenodo il paese).
Dissero che era stato un eroe, per cosa aveva detto alla fine.
Io, prima di morire vorrei dirò  “pasta, pizza, mandolino, (Galileo, Leornardo da Vinci,
Monica Bellucci)”.
Ci pensavo perchè mi chiedevo se al ragazzo, il giornalista free-lance morto recentemente in Palestina sarebbero stati concessi tali onori.
Una persona davvero eroica che, per il dovere di cronaca aveva documentato giornalisticamente sul suo blog l’operazone
piombo fuso e tutto quello che ciò prevedeva per i Palestinesi .Per questo aveva già rischiato la vita ed era stato picchiato dai soldati Israeliani.
Ci ha fatto vedere davvero come muore un italiano: sottopagato e con contratti a tempo determinato, ma con tanto coraggio, passione e cuore messo nel lavoro.
Ma non credo che questo, di questi giorni, gli valga una medaglia.

Perchè i veri eroi spesso rimangono invisibili.
Ricordo quando anni fa c'erano al liceo "Cielo d'Alcamo" seguivamo
Danilo Dolci e i suoi seminari.
Danilo Dolci, se non lo conoscete, era detto il Gandhi della Sicilia.

Aveva inventato azioni di protesta come, lo sciopero alla rovescia. Alla base c'era l'idea che, se un operaio, per protestare, si astiene dal lavoro, un disoccupato può scioperare lavorando.
Centinaia di disoccupati a Partinico si erano organizzati per riattivare pacificamente una strada comunale abbandonata.
Ovviamente questo metteva in evidenza come lo stato fosse assente e abbandonasse i suoi beni quindi i lavori vennero fermati dalla polizia e Dolci, con alcuni suoi collaboratori, venne arrestato.
Nello stesso anno, il 1956, oltre mille persone diedero vita ad uno sciopero della fame collettivo per protestare contro la pesca di frodo, che, tollerata dallo Stato, privava i pescatori dei mezzi di sussistenza. Ma la manifestazione venne presto sciolta dalle autorità, con la motivazione che «un digiuno pubblico era illegale»
Magari state pensando che queste siano lontane nel tempo, che potevano accadere solo in Sicilia. Ebbene pensate alla protesta delle carriole all’Aquila dove la gente che voleva tirare via le macerie , le  macerie delle loro case (primo passo per la ricostruzione), è stata manganellata e schedata come criminali. In questo modo lo stato, almeno nella sua componente repressiva ha dimostrato di non essere affatto sordo e assente .
Io allora ascoltavo Danilo Dolci trovavo bizzarre queste proteste sopra le righe, e pansavo più in termini di occupazione e organizzazione. Ero giuovane.
Oggi ho capito che un eroe non lo si incontra per strada, e spesso se lo si incontra non lo si riconosce perchè un eroe non cambia le cose dall'oggi al domani.
Gli elfi e le fate magiche non esistono.
Esistono solo eroi, invisibili e silenziosi, che gettano i semi di un cambiamento.
Il cambiamento richiede piccoli eventi, come il germogliare dei semi
.
Ci vuole tempo e condizioni favorevoli per fare crescere da un piccolo seme, una grande quercia.

…dedicato ai miei maestri.

La Foto a sinistra è presa dal sito di MissKappa

Tuesday, 12 April 2011

Come direbbe Sciascia...una storia semplice.

Qualche giorno fa mi sono ricordato una vecchia canzone che avevo sentito da bambino e parlava di Salvatore Giuliano, descrivendolo come un eroe.
Giuliano e la sua banda sono stati i responsabili della strage di Portella della Ginestra il 1 Maggio 1947.
Sembra esserci una contraddizione. Dipende.

Salvatore Giuliano era un tipo di eroe, ed era un assassino, ed una vittima, uno che scappava, uno che si fa trovare, uno che sognava, uno che era tradito, uno che combatte per la sua terra, uno che aiuta gli stranieri a soggiogarla. Contraddittorio? Dipende.
Iniziamo a raccontare questa storia (con la “s” minuscola).
Salvatore Giuliano era un ragazzo che per sopravvivere commerciava grano al mercato nero. Una volta, scoperto, provato a scappare, e’ colpito dai proiettili, gli stanno dando il copo di grazia, lui reagisce e uccide lo sbirro.
Da li’ in poi deve scappare e vivere come un brigante.
Cosi’ diventa un assassino, ma anche una vittima.

La vita di brigante andava avanti rapine, rapimenti e riscatti.
Le Forze Repressione Banditismo erano corpi speciali delle forze dell’ordine, incaricate di braccare gli ultimi briganti.
Ma non erano riusciti a prendere Giuliano e la sua banda, contribuendo ad accrescerne il mito di eroe.
Anche perche’ mentre non lo trovavano, Giuliano si faceva trovare da almeno 5 giornalisti/e e rilasciava interviste, girava filmati, la sua vita era quasi costatemente documentata.

In quel periodo in Sicilia c’era un forte movimento indipendentista il (MIS- Movimento Indpiendentista Siciliano) che arrivo’ ad avere mezzo milione di iscritti. Il braccio armato del MIS era l’EVIS.
Giuliano era visto come un eroe perche’ riusciva a deridere gli sbirri che imponevano la legge di Roma. Il MIS nomino’ Giuliano colonnello dell’EVIS e continuo’ a combattere contro le forze dell’ordine.
Sperava di potere vincere la guerra, e sognava di tornare alla vita normale che aveva prima. Gli avevano promesso l’amnistia di tutti i crimini “di guerra”.
Giuliano era diventato una figura politica, senza rendersi conto di quanto questo lo rendesse una pedina nelle mani di chi aveva interessi politici. Un pupo in piu’, nelle mani di tanti pupari.

Ora lasciamo la piccola storia e guardiamo che cosa succedeva nella Storia (“s” maiuscola).
Giuliano faceva il mercato nero del grano perche’ il grano scarseggiava sul mercato ufficiale. E il grano scarseggiava perche’ i terreni della Sicilia erano coltivati male, da grandi latifondisti aristocratici che vedevano la terra come potere, ma con nessun interesse a coltivarla con nuovi metodi o innovare quello che era stato fatto da secoli (Gattopardianamente parlando).

In quel periodo i decreti Gullo volevano che le terre coltivate male venissero ridivise fra gli agricoltori.
Fatta la legge, non era cosi’ chiaro come reclamare i terreni.
Per fortuna una classe di sindacalisti (spesso di formazione partigiana) erano riusciti a mettere pressione sui tribunali per l’assegnazione: le terre si occupavano, i contadini, riuniti in cooperative ne reclamavano il diritto. Molte manifestazioni venivano organizzate: dopo la fine della guerra si respirava un aria nuova, un vento di cambiamento e i poveri rialzavano la testa.
I latifondisti avevano chiesto alla mafia di uccidere e reprimere questi movimenti (in quegli anni vengono uccisi 36 persone tra cui sindacalisti Placido Rizzotto, Accursio Miraglia
, Salvatore Carnevale  e moltissimi altri.
Ma oltre alla mafia c’erano altri interessi che volevano che questo movimento smettesse.
Alle elezioni regionali del 1947 il blocco del popolo (PCI e PSI)  avevano preso il 30% dei voti

 La democrazia cristiana era scesa al 20%. Il problema non era da poco visto che nel l'accettare il piano Marshall il governo s'era impegnato a  combattere il comunismo. Quel risultato elettorale andava ostacolato dal governo italiano e dai servizi segreti statunitensi.
 Con gli anni a seguire la mafia abbandonera’ le campagne, le terre verranno distribuite e i mezzadri, divenuti imprenditori nel 2001 voteranno in massa Forza Italia che prese tutti i 61/61 seggi assegnati in Sicilia.

A ostacolare il movimento c’erano anche i fascisti che, finita la guerra volevano ostacolare in ogni modo l’ascesa dei movimenti di sinistra.
Insomma, si fa prima a dire che non c’era che chi c’era a sparare con Giuliano.
Fu cosi’ che mentre la gente si radunava a Portella della Ginestra per festeggiare la prime distribuzione di terre,  Giuliano sparo’ sulla folla uccidendo 11 persone (di cui 2 donne, 4 bambini), 27 feriti.

La banda del bandito Giuliano sparo’ sulla gente secondo la versione semplice.
Salvatore Giuliano aveva sparato con l’aiuto della mafia latifondista, insieme ai fascisti della X-Mas legati con la complicita’ dei servizi segreti americani (mafia e Servizi segreti americani avevano spesso cooperato dal 1943) e il beneplacito del parlamento a Roma.
Poi la storia continua e Giuliano viene ucciso. Prima si crede dai carabinieri, poi si scopre ucciso dal cugino.
Il cugino viene condannato e dice che fara’ i nomi di chi gli aveva ordinato di farlo. Morira’ in carcere.
Poi la Storia (deviata) cerchera’ di cancellare tutto e fare tornare tutto alla versione semplice: Giuliano era un bandito e i banditi questo fanno: uccidono a caso.
...che cosi’ e’ tutto piu’ semplice.

Leggo i giornali di oggi, i comunisti sono cattivi, Roma e’ ladrona, i fascisti vengono copiati, la mafia (come sempre) non esiste, gli stranieri Föra da i ball e tutto e semplice: o Bianco e Nero.
La semplificazione e’ tipica della destra populista che trova soluzioni semplici a problemi complessi (alrimenti non mi spiego a che serva comprare casa a Lampedusa).
Ma la verita’ e’ che la stori
a di un uomo e la Storia giungono allo stesso destino.
Se la complessita’ del mondo vi infastidisce e preferite credere a un mondo dove tutto e’ semplice; accomodatevi pure: oggi c’e’ il sole, il tg1 rassicura tutti, il capitano sa dove condurre la nave e questo paese.
L’orchestrina del Titanic sta suonando (solo per voi) un’ allegrissima canzoncina scacciapensieri. Firuli’ firula’.

Thursday, 7 April 2011

Il post piu' bello (spiegone)

Si era dunque deciso di tornare al vecchio porto.
La vista di cio' ch'era divenuto m'aveva shockato: turisti dappertutto, luci colorate e mille localini nuovi che si sfidavano a chi potesse mettere la musica peggiore, a piu' alto volume.
...e noi eravamo li' per infierire, che a qualcuno era venuto in mente di giocare al karaoke. Entriamo in un locale: proprio quello dove una volta avevo stravinto una partita di scarabeo componendo la parola "corifeo", solo che visto che giocavo con gente ignorante credevano che avessi inventato una parola, solo per vincere.
E in un attimo mi ricordo di quella volta che al mattino presto (o a notte tarda) avevamo sentito un canto lontano portato dal vento e, seguendolo con le vespe avevamo raggiunto il molo opposto dove attraccavano i pescherecci che vendevano il pesce appena pescato.
E ricordo di quando si prendevano i cornetti e si andava a vedere sorgere il sole vicino al Segesta. C'era sempre un silenzio irreale che i colori dell'alba, la tranquillita', l'uomo la natura facevano sembrar d'essere in un posto magico (come l'Islanda dei
Sigur Ros).
E penso che sarebbe bello, se per un momento si ripetesse, ora quel silenzio.
Ho deciso il pezzo che vorrei eseguire: e'
4'.33'' del grande compositore John Cage.
Un pezzo senza musica e senza parole: puro silenzio.
Ma un silenzio che nel porto sarebbe pieno: all'improvviso si risentirebbero le onde sulla banchina, le barche che rientrano lente e i pescatori che cantano.
E nel miracolo si spegnerebbero anche i neon e questo Bianco maledetto ritornerebbe ad un oscurita' bellissima, dove le om
bre disegnano la forma delle persone, e le luci delle lampare  , darebbero un senso di serenita'.  

- Pensavo tutto cio'. pensavo a quanto la semplicita' ci faccia apprezzare il complesso e c'era un che di artistico in tutto cio'.
Ma se avessi spiegato tutto questo, si sarebbe perso il senso del momento.

Avrei voluto scrivere un post vuoto che dicesse: non dedicare tempo a cio' che dico ma fai cio' che vuoi: apri la finestra guarda oltre quel palazzone tremendo e immagina cio' che ti fa stare bene, cio' che ti ha fatto stare bene.-
Ho finito di pensare tutto cio' e i neon sono ripresi ad abbagliare e la musica a stordire.
Il mare era ancora la', ma ormai smetteva di essere mare, che sarebbe potuto essere una piscina con il nano e le ballerine (laureate) e nessuno si sarebbe scandalizzato.
E poi sentivo il mio amico che mi sfanculava dicendo: "4'.33'' al karaoke? ma perche' devi sempre rovinare tutto?".
Ed io pensavo lo stesso. Pero' di loro.

In foto: il vecchio porto (con la "t", non con la "c").

Friday, 21 January 2011

Non e' un paese per vacche

 Mi si chiede come un italiano all’estero risponda a chi chiede lumi sulla situazione italiana.
 A costoro consiglio che, se vogliono mantenere la dignita’, conviene gettare un sonoro peto e allontanarsi (nella nube di zolfo) approfittando dell’effetto sorpresa.


Si, perche’ ci sarebbe davvero troppo da spiegare.
La verita’ e’ che l’Italia e’ sempre piu’ fuori dall’Europa e dalle democrazie occidentali.
Per esempio l’EU ci chiede di diminuire le quote latte mentre il nostro premier fomenta le vacche.
I reati non vengono puniti, perfino l’abigeato (furto di vacche).


Il problema dell'Italia sono gli Italiani.
Molti ancora oggi non capiscono come un premier rappresenti una nazione e come se costui si rende ricattabile indebolisca tutto il paese.
Un paese e' un marchio.
Faccio un esempio: giorni fa mi sono trovato a scegliere tra due oggetti tecnologici.
Simili prezzi, simili prestazioni. Uno Giapponese ed uno Cinese.
A parita' di requisiti di mercato ho valutato la nazione.
Giappone= tecnologia e investimento tecnologico
Cina= tendenza a copiare e pochi diritti umani
Ho scelto, magari a torto, il primo.


Pensate a uno straniero che si trovi nelle stesse condizioni.
Considerate a cio' che legge sui giornali: evasione fiscale e corruzione, tagli alla cultura e gravissima negligenza nei confronti del patrimonio artistico, ignoranza, sessismo e arroganza della classe politica (una per tutte quando il premier parla di investire in Italia per le belle donne davanti a manager stranieri: una platea di cui il 50% e' di sesso femminile).
E' difficile fare affari o essere presi sul serio dopo che chi rappresenta il tuo paese e' visto come un clown nella migliore delle ipotesi o come un uomo accusato di pedofilia e corruzione nella peggiore: diminuisce la credibilita' dell'intero sistema paese.
Per noi all'estero si fa tanta piu' fatica ultimamente a uscire dallo stereotipo di italiano, mafiosetto, incurante delle leggi e ossessionato dalle donne e dimostrarsi lavoratori seri.


I giornalisti esteri, come l'opinione pubblica estera non ci capiscono.
In tutto il mondo, dove la gente da le dimissioni non appena c'e' un sospetto di illegalita' (anche minima) ci guardano come a chiederci: "non avvertite l'anomalia?".
Io temo il momento in cui il Financial Times smettera' di predire la fine del Berlusconismo politico e iniziera' a chiedersi quando finira il Berlusconismo negli italiani.
Come diceva Gaber: "Non temo Berlusconi in sé ma Berlusconi in me".


La mia generazione, in comitiva, c’era chi leggeva Popper e chi se lo fumava.
A volte ho l’impressione che chi leggeva sia all’estero, un po’ fuga di cervelli, un po’ che si deve pur mangiare (fughe di pance).
I primi, abbiano continuato a fumarsi il cervello, comandando in Italia.
Nel mezzo, gente che il cervello lo ha ancora, ma sintonizzato sul canale sbagliato.
Che c’e’ gente che quando dici Italia pensa: “partigiani, "Bella Ciao", il rinascimento e Nilde Iotti”.

Che c’e’ gente che quando dici Italia pensa: “Italia Uno!”.
Comunque io nell'Italia ci credo ancora. 
 
Accendero' presto su questo blog una bandierina per il suo 150esimo compleanno.
Un po' perche' e' giusto ricordarne la storia. Un po' perche' ci tengo a dare un dispiacere ai blogger che credono nell'esistenza della Padania come entita' politica.


Per i 50 anni di Ken   vorrei rimandarvi al post piu' commentato di questo blog, che trovate   qua
.

Wednesday, 29 December 2010

Rock the Casbah (Casba mia, casba mia: un post dalle ascelle punk).


Finalmente sono a casa, parto da Londra dove una temperatura di 4 sotto zero mette a rischio i voli e arrivo in Sicilia un giorno di scirocco pieno (+27 gradi).
La mia finnica ex derideva la nostra abitudine Sicula di montare in casa degli alberi di Natale di plastica, e diceva anche che le palme della piazza decorate in stile natalizio risultavano abbastanza baggiane (credo che in finlandese significhi iconograficamente inappropriati).
Eppure quando le comunico questo cambio di temperature pure lei, custode dell’ortodossia natalizia mi da ragione.
Natale è calore umano….ma anche calore e basta.

Il calore umano arriva subito dopo con i soliti saluti rivolti dalla nonna: che mi rivolge subito un “minchia pari ca sta murennu” (trad. orsù ti trovo alquanto snello et longilineo).
Poi mi elargisce un regalo e alla mia protesta: “nonna non c’era bisogno” risponde con un “...ca st’annu semu ca….lu prossimo annu cu lu sapi” (trad. quest’anno siamo qua, il prossimo chissà) e mentre
lo dice cambia canale a Paolo Fox (che lei non sa come andrà il prossimo anno, ma non per questo crede che il futuro lo sappiano gli astrologi).
Prendo il regalo con una mano mentre con l’altra faccio scongiuri che seppure noi scienziati non crediamo nel potere degli scongiuri (o di Paolo Fox) crediamo nei motti latini quali: Testicula tacta, omnia pericula iacta!

Alle una di notte sono in piazza. La piazza è gremita.
Strana questa mia città dove metà delle persone vivono e lavorano fuori in posti lontani, come America, Germania o culturalmente ancora più lontani: tipo Milano (anche se l'ex-missino De Corato è Pugliese).

In Piazza prima degli auguri i miei amici mi accolgono con entusiaste grida di benvenuto che vanno dal: “Minchia ma ancora vivo sei”  (di gente che non ho visto da anni  che saluto con una mano, mentre l'altra Testicula tacta, mala fugant) a “Minchia ma dov’eri finito?- In Galles? Ah ah…stai attento il mostro di Lock Ness” (vagli a spiegare che il Galles e la Scozia sono distanti).
Minchia è usato come forma di saluto generico, non si riferisce alla mia persona.

Ma fa parte del gioco. E mi piace lasciare tutto così com’è. Anche ripetere questo rituale uguale ogni anno.
Mi piace pensare che le cose che lascio rimangano uguali.
Casa mia è l’unica casa dove posso camminare al buio sapendo dove sono gli oggetti.
Mi piace trovarli al buio  esattamente dove  li avevo lasciati
l’anno scorso.
Purtroppo non sempre è così: per esempio su questa mensola l’anno scorso c’era il mio deodorante, mentre ora c’è la lacca di mia madre.
Con grande disappunto dei peli delle mie ascelle. Ora punk.


Buon anno a tutti quelli che passan di qua. Di cuore.

Tuesday, 14 December 2010

Canto gioioso dell'emigrante: esegesi dell'arancina

La festa piu’ trista per gli emigranti, arriva ogni anno il 13 Dicembre: Santa Lucia: patrona delle arancine.
In questo giorno, per ricordare alle giovani generazioni la fine della carestia del 1646 in cui, la terra che un tempo era stato il granaio del impero romano era finito il pane, si rinuncia a pane e pasta.
Pero’ si possono mangiare arancine, cuccia col vino cotto, panelle, cazzilli e tantissime altre cose buonissime (che noi mediterranei mica possiamo avere un approccio calvinista alla perdita della memoria storica).
Arancina sta per picccola arancia, nella Sicilia orientale invece dicono gli arancini....sara’ che loro si mangiano delle cose fatte a forma di piccolo albero di arancio (!?!).
In questo giorno, la casa natia lasciata vuota, all’emigrante appare ancora piu’ vuota.
Ora la vostra mente aliena potra’ chiedersi: ma perche’ Falloppio non si fa le arancine anziche' ogni anno lamentarne la mancanza? (1 e 2).
La risposta, my friends, corre nel vento....se tenderete l’orecchio con animo puro riuscirete a sentire il refolo che dice: “ma chi minchi rici?”
Come se il segreto delle arancine e delle panelle fosse nel materiale di partenza.
Il segreto sta nell’olio fituso (sovrautilizzato).

Quando lasci una terra, sai che non la troverai mai uguale.
Le cose cambieranno presto: tuo fratello ti rubera’ la camera e i cd, i mobili, gli eletrodomestici si evolveranno e tutta la tua terra lentamente, si scordera’ di te.
Tutto? No. L’olio di certe friggitorie e’ stato cambiato l’ultima volta quando Garibaldi dormi' nella friggitoria (che quello tanto dormiva dappertutto).
Da allora, le catene polinsature di acidi grassi hanno raccontato storie di emigrazione e di popoli andati lontani, ma sempre mantenendone la memoria.

Non staro’ poi qui a svelare a voi profani come l’addetto alla friggitoria, l’untopanellaro, (figura mitica), controlla che la temperature dell’olio sia ottimale.
Esso sicuramente non immergera’ un dito o un termomentro per controllare la corretta temperatura.
La verita’ e’ diversa e ben prosaica. Ma non vi posso svelare questo segreto.

Santa Lucia, santissimissima patrona delle arancine, per uno strano gioco di rimandi congiunge la Sicilia Normanna con la Svezia da cui noi Siculi discediamo (chi piu' chi meno). Santa Lucia e’ patrona delle donne svedesi (anch’esse figure mitiche sebbene non appartenenti alla sottoclasse geno-fenotipica di  “arancina cu li peri”.
Definiscensi arancina coi piedi una donna rotondetta e bassina tale che la circonferenza della persona sia assimilabile ad una sfera fornita di piedi (vedi Botero).

Nel giorno di Santa Lucia le donne svedesi girano per boschi con candele in testa.
A questa notizia, con gli amici si decide di tornare, una volta ancora, a Stoccolma.
Poi, per un errore di mira, combinazione di low-cost ed altro si fini' tutti ad Amsterdam, ma questa e’ la prossima storia.

Thursday, 7 October 2010

Di Montagne, oltre le montagne

Scendere le scale al mattino, incontrare il vicino.
Discutere amabilmente dandogli sempre ragione (lo contraddici tu uno alto due metri con un non lontano passato da pugile professionista?).
Portare fuori le immondizie cercando di metterle nei giusti contenitori.
Guardare gli alberi del viale, notare che dove le punte degli alberi si toccano a formare un arco sulla strada, le foglie iniziano a cambiare colore; ora che inizia la stagione piu’ bella: l’autunno.

Accendere la macchina e aspettare che il motore si scaldi sintonizzando la radio.
Partire costeggiando il parco dove gli spazzini spalano via le ultime teenagers ubriache del venerdi’ sera mentre i bambini (futuri teen-agers), si aggiustano la cravatta e vanno verso la scuola stretti nelle loro uniformi blu.

Salutare gli uomini della security, posteggiare in maniera passabile.

Camminare verso la scrivania dove la collega mi fara’ trovare un caffe’ caldo.
In realta’ a me il caffe’ locale non piace, ma dopo un anno che me lo fa trovare mi sembra scortese farle notare la cosa.
Bere l’amaro calice, bruciandomi la lingua.
Accendere il computer.
Leggere la repubblica maledendo il governo di destra che si occupa degli affaracci suoi facendo marcire il paese.
Leggere il times maledendo il governo di destra che riduce I benefit per le classi alte, proprio ora che avevo deciso di divenire di classe agiata.
Lavorare al progetto segreto che se ve lo dico poi devo uccidere tutti i lettori di questo blog e non mi sembra giusto privare il mondo di queste 7 personcine di gusto (perche’ chi legge questo blog e’ una personcina di gusto).


Tornando a casa non devo scordare di consegnare i libri in biblioteca prendere le cose per fare sport. Andare a fare sport.
Ricordarsi di togliere le cose sporche dal borsone (che se no dopo tre giorni tornano in vita
e iniziano a predicare l'amore).
Mangiare un boccone e addormentarsi stanco e soddisfatto.


Questo e’ quello che vorrei fare, e che forse  faro’ domani.
Vivere in un posto significa abituarsici.
Alcuni posti hanno la nostra forma. Ad altri ci abituiamo e ne prendiamo la forma.
Alcuni posti cambiano e altri ti cambiano.
Il bello di non avere un posto o di non dipendere da un posto e’ che puo’ cambiare come vuoi.
Il brutto di non appartenere a nessun posto e’ che e’ difficile immaginarsi non sapendo cosa si avra' sullo sfondo.
La media tra il bello e’ brutto e’cio che si ha ora....e  se si sta troppo a rimuginare, si perde la possibilita’ di trasfromarlo in bello. Vado. Ciao.

Monday, 14 December 2009

Subterranean Homesick Alien: l’uomo che sognava arancine

In Sicilia c’era una grande carestia quando nel porto di Palermo approdò una nave carica di grano.
C’era una fame da non vederci (“pitittu a pettu di cavaddu”) e si decise di non perdere tempo a macinare il grano: venne bollito e mangiato.

Era il 13 dicembre del 1646. Santa Lucia.

Per ricordare la carestia, per Santa Lucia in Sicilia non si mangia pane o prodotti fatti con farina ma si mangia
cuccìa e le arancine
La cuccìa e’ ok. Le arancine invece, sono il motivo per cui l’uomo si e’ evoluto, nella loro forma sferica si riflette la perfezione; nel cuore morbido la gioia della ricerca e della scoperta, nella  loro frittura l’ineluttabilita’ degli eventi a venire.

Stamattina ero felice finche' il mio stomaco pretese il suo tributo chiedendomi perche’, come tutti i siciliani di buona volonta’  non stessi frigendo (‘nta l’ogghiu fitusu) una quantita’ di arancine che potesse ottemperare al mio fabbisogno etico-morale. 
Purtroppo, l’arancina piu’prossima distava 3062 km.

Presi la macchinetta
ELISA e mi diressi verso le bianche scogliere d ella Penrhyn Gŵyr (penisola di Gower).
Li' ho mangiato il piatto tipico locale: il buonissimo salutarissimo
Laverbread.
A chi voglio prendere in giro (certo non il mio stomaco).
Il pane con le alghe mi fa schifo.

Io non mangio l’insalata perche’ penso che le piante  dovrebbero ornare appartamenti, non stare nel mio piatto....figurarsi delle alghe....nemmeno santificate da una frittura.

Rimestavo la broda e sognavo arancine.
Poi sono uscito sull'altopiano.

C’era un aria bella ed ho fatto le foto di questo post.

E c’era tanto verde che finiva sulle scogliere a strapiombo sull'oceano grando.

Tutto era pulito e grande, spazioso. Potevo vedere le navi al largo e le coste della Cornovaglia piu’ in fondo.

Poi ho pensato che alla fine ognuno appartiene e deve stare nel posto dove puo’ realizzarsi (come dovrebbe potere votare nel posto dove paga le tasse).
Che non lo possa fare nella mia terra e’ un peccato, ma che senso ha mangiare  arancine senza la possibilita’ di costruirsi un futuro.
Sarebbe bello fare conoscere le arancine ai miei figli, ma non potro' mai mantenere una famiglia laggiu'.



Poi ho pensato che gli alberi iche si vedevano in lontananza erano scheletrici: avevano tolto le energie alle foglie ed erano andati a dormire.
Quando tornero’ in primavera’ li rivedro’ verdi e vivi -pensai- quando le radici riporteranno la vita, le risorse, alle foglie.
Guardo l’Italia mi sembra che le risorse siano poche e mal gestite.

Perfino iniziative lodevoli come Telethon permettono al governo di non fare il suo dovere e forniscono alibi ai politici che buttano soldi invece di investirli nella ricerca.
Io tornerei volentieri: prima o poi dovro’ metter radici da qualche parte.
Ma mi pare che piu’ si vada avanti e piu’ mi sembra che sono rimasto senza
terra...e non posso starmene con le mie radici in mano per sempre.

Specialmente quando qui e’ tutto cosi terso e pulito e grande, spazioso.

E poi il freddo becco (beak cold) m’ha congelato il neurone.
Ho pensato che se mia madre non mi  scongela le arancine, io me le succhio come ghiaccioli.

Poi ho girato la macchina che li' era finita la terra e sono tornato verso casa.
La sera, mentre pulivo quelle 5 stanzette, le ho trovate piu’ accoglienti del solito.
...e stranamente un pensiero sulle arancine non mi faceva piu’ nemmeno tanto male.
Sta cosa di vendere i beni confiscati alla mafia non si puo' sentire
(con la possibilita' che ri-finiscano a mafiosi o loro prestanomi), per favore firmate anche voi la petizione di Libera.

Monday, 23 November 2009

Analisi delle relazioni sociali dei gruppi ancestrali Neanderthal-Cromagnoidi.

L’altro di’, non vi spiego neanche perche’, ho dovuto assistere ad una lezione di antropologia evolutiva che qui riporto (che solo io devo soffrire?).
“Dall’analisi dei reperti fossili ridatati per mezzo di nuove tecniche proponiamo un approfondita analisi volta a trovare risposte ad annose questioni quali: l’uomo di Neanderthal e Cro-magnon si conobbero? Si riconobbero? Si salutarono?
-Perche’ il Neaderthal si estinse e venne soppiantato dai Cro-magnon?
Sebbene si siano rinvenuti nuovi indizi di co-presenza all’interno dello stesso areale e’ noto che, sebbene il piu’ sociale Cro-magnon abbia richiesto all’amicizia Neanderthal su Facebook*, costui non l’abbia mai accettata.
Questa palese anaffettivita’ vuole confermate le ultime scoperte che accreditano in maniera univoca all’uomo di Neanderthal graffiti ritrovati nelle grotte.
In tale contesto si nota che sebbene esso avesse iniziato a ritrarre sulle grotte scene di vissuto quotidiano, si sia sempre rifiutato di taggare le foto che ritraevano i Cro-magnon.
Oggi si crede che la differenza tra le due specie sia dovuto ad una diversa visione dei ruoli del maschio nella famiglia.
Il Cro-magnon pare sia riuscito a proteggere meglio la famiglia obbligando la donna a stare a casa con la prole.
La donna avrebbe pertanto iniziato a praticare l’agricoltura.
L’uomo si sarebbe dedicato alla caccia, alle trasferte di calcio, al commercio di risorse in eccesso e alla vendita di derivati bancari alle vecchine.
La donna e l’uomo di Neandertal, di contro, avrebbero proseguito con la parita’ uomo-donna e nella loro vita in comune da cacciatori nomadi, avrebbero accumulato poche risorse rimanendo svantaggiati nella nuova civilta’ liberista implementata dalla specie Cro-magnon.
Alla luce di questi fatti non stupisce che l’uomo di Neanderthal, lavoratore proletario con l’evolversi della societa’ si sia iscritto in blocco al partito comunista determinando cosi’ la propria estinzione (Homo Bertinottiensis).
Una subpopolazione sembra invece essersi mescolata a perfezione con la popolazione dominante dei Cro-magnon finendo per acquisirne caratteristiche fenotipiche molto simili come testimoniato  dal fatto che essi siano zompati da atteggiamenti radicali ad altri piu’ prettamente piu’ liberisti (vari esempi da homo Scissio Livornensis a homo di Cape zonis).
Origine dell’uomo.
All’antica ipotesi panafricana dell’origine etiopica dell’uomo, gli odierni schieramente geo-politici sembrano necessitare nuove teorie sull’origine della specie:
La nuova superpotenza Cina basandosi principalmente su dati genetici cerca di avvalorare una sua evoluzione indipendente da quella panafricana.
L’ipotesi padana immagina uno scenario in cui l’uomo venuto dall’ Etiopia sia stato respinto alla frontiera da un Uomo Europeo che si era evoluto precedentemente da un ceppo originatosi dalla penisola arabica.
Il gruppo “fan Padani di Giacobbo” ipotizzano che la popolazione si fosse originata a Sharm-el-sheik ma sia entrato in Europa (a Linate) tramite un volo charter.
Appurata l’indipendenza dall’origine africana e rinverditi i culti celtici del dio Po la lega ha pertanto lanciato operazioni quali la White Christmas che desidera la cacciata degli immigrati (in particolare quel mediorientale che si ostina ad aggrapparsi alla croce delle nostre chiese).
Va altresi’ riportata l’ipotesi creazionista che vuole la terra creata 5000 anni fa, come avvalorato da alcuni importanti libri quali la Bibbia, il libro di Mormon e la guida galattica per gli autostoppisti (pagina 42).
Un origine bianca indipendente viene rivendicata anche dai gruppi del KKK (che recentemente hanno aperto un franchising nella nostra bella Italia, da sempre terreno fertile per nuove idee e vecchie teste di cazzo).
Queste associazioni rivendicano oggi la difesa delle radici bianche. Una mia amica m’ha detto che volentieri piu’ che delle radici bianche lei si batterebbe per la difesa dei fusti neri (intesi come grossi omaccioni pigmentati).
Considerato infine che i primi luoghi di culto in Europa (sempre che ci si decida se Turchia sia Europa) sembrano essere delle costruzioni in pietra dedicate al culto della dea madre.
Ora, immaginiamoci quest’uomo dedito alla terra e al culto della mamma. Ma niente niente e’ che noi europei moderni di razza Caucasica di areale mediterraneo siamo tutti figli di un homo terronis?.
* A proposito di facebook, io non ci sono che c’ho i miei tempi e sto ancora cogitando l’avatar per sbarcare su second life. Quindi non chiedete l’amicizia ai miei omonimi e cognonimi che sono in giro.