Showing posts with label viaggi. Show all posts
Showing posts with label viaggi. Show all posts

Sunday, 7 April 2013

Canzone dalla fine del mondo

Quando da piccolo vidi per la prima volta il mare ricordo che rimasi stupido dalla sua grandezza (1). Mi affascinava quella grande distesa di blue che sembrava infinita, anche perche' si fondeva con l'azzurro del cielo.
Ecco il fatto che il punto di congiunzione tra mare e cielo non si vedesse mi porto' a pensare che alla fine del mare ci fosse un muretto di mattoni rossi.
Avevo pochi anni e allora non sapevo che la terra fosse uno sferoide oblato. Sapevo solo che dovevo mettere un limite a quel mare infinito per non perdermici (2).

Per la vacanze di Pasqua sono andato con alcuni amici in Cornovaglia.
Ho insistito tanto perche' si andasse in un posto chiamato "Land's end" ovvero "La fine della terra".
Il concetto di confine mi ha sempre affascinato.
Per gli antichi le colonne d'Ercole segnavano il confine.

Il mio quartiere si chiama Penylan. Pen-Y-Lan, in Gallese, significa, fine della terra.
Immagino parlassero della terra con "t" minuscola: non credo che pensassero che la terra finisse 15 minuti a piedi dal centro di Cardiff.

Quando iniziai il dottorato in biologia, ricordo la lezione del direttore che disse: "solo due confini sfidano ancora la conoscenza umana: il miscoscopico delle molecole cellulari" e "l'infinita' dell'universo".
Andai a letto contento. Sognai di pianeti sotto al microscopio e di embrioni nello spazio (3).
Gli esquimesi vivono in un paesaggio bianco, infinito, reiterato in maniera uguale a se stesso. Gli Esquimaux si orientano bene. Gli Inuit hanno infatti 7 punti cardinali: Nord, Sud
Ovest, Est, Su, Giu', dentro l'animo.
Stranamente ricordo un bel weekend soleggiato di qualche anno fa. I punti che aveva gli stessi punti cardinali esistenziali. In una stanza. (4).

Dalla fine del mondo si capisce bene il centro dell'universo. Prendete il papa dalla fine del mondo. Mi sembra che quest'uomo abbia gia' capito tutto di Roma.
Quando ha detto che non andava nell'apparmento papale: ho letto un sottotesto che diceva: "mica voglio finire come Albino Luciani".

Abbiamo visto la Cornovaglia e, dopo 3 giorni siamo arrivati a Land's end. Curiosi di sapere cosa ci fosse alla fine del mondo (5).
Abbiamo pagato 5 £ di parcheggio (piu' esoso che a Finisterre). Abbiamo attraversato l'arco di ingresso.
Tra di noi c'era chi sperava di trovarci qualche cosa di religiosamente valido, chi sperava nel nero cosmico, a me l'idea del muretto di mattoni rossi, nonostante tutto piaceva.
Un altro passo ci avrebbe fatto vedere cosa ci fosse al confine Ovest della civilizzazione Europea.

Giusto simbolo della fine della nostra civilta'.

Le foto, a sto giro, le ho fatte io.

1- Virginiana Miller: Tutti al Mare
2- Fracenco Guccini: Canzone della Bambina Portoghese 
3- Dente: Sogno
4- Baustelle: Io e te nell'appartamento
5- Devotchka: How it ends

Saturday, 1 December 2012

Cronache dal nulla: una visita al Missouri. Terra' e liberta'.


La Manhattan di New York, la grande mela, la conoscono tutti.
La Manhattan di Kansas City, detta la piccola mela, non la conosce nessuno, e per dire la verita’ non ci tenevo a conoscerla nemmeno io.
Ma com’e’ come non e’, eccomi qua a Kansas City (che non e’ in Kansas ma in Missouri), ed e' la citta’ dell’ “OrnitologoCharlie Parker.
2 giorni fa ho preso una macchina lasciato St.Louis e attraversato il Missouri.
Uscito dell’aeroporto, presto la civilizzazione e’ scomparsa, lasciando il posto al vuoto.
C’e’ una lunga strada che attraversa il niente. Ai lati di questa strada si vedono un sacco di cartelli ma e’ chiaro che sono li’ per la strada e non viceversa. 
Molti cartelli sono pompe di benzina (la benzina qua e’ 0.92 €/L….ma gli americani con me dicono che qualche anno fa era molto piu’ economica). 
Oltre quei cartelli c’e’ il vuoto. Sonoin the middle of nowhere” come dicono gli indigeni, o “dunni lu Signuri persi li scarpi”, come dicono gli autoctoni Siciliani.
Scende la sera, le machine si fanno piu’ rade, tra un uscita autostradale e la successiva possono intercorrere diverse miglia.
Si vedono solo I fari della macchina che illuminano una porzione di niente, una pianura fin dove arriva l'occhio.
Penso che sia un paesaggio a cui non sono abituato: il niente.
In Europa tutto e’ uno  costruito sopra qualcosa che e’ gia’ esistito. Consci di cio’ si e’ obligati a costruire in maniera da integrare cio’ che e’ stato per non infastidirlo.
Qui, invece e’ tutto spazio libero. Nonostante cio’, le citta’ sembrano volere appropiarsi di un passato che non e' il loro. Saluto le uscite per Cuba, Eureka, Salem, Vienna (tutte in Missouri).
A st.Luois c'e' il Gateway Arch perche' questa una volta era la porta del west. Chi arrivava qua si lanciava alla conquista di un pezzo di terra verso il  miglio quadrato di speranza che avrebbe dato la liberta' dai padroni.
A Cuba (Missouri) prendo un pezzo della Route 66, oramai una vecchia statale usata pochissimo, visto che in questo punto corre parallela all’autostrada a 4 corsie.
La Route 66 mette tristezza. Penso a “Furore”, penso a quei contadini che dopo avere coltivato il suddetto miglio quadrato, guadagnato con la corsa all’ovest, avevano sfruttato e impoverito le coltivazione che oramai non producevano che polvere.
La Route 66 indicava dove migrare, verso la California, inseguiti dalla Dust Bowl (vedi foto) e dalla fame della grande depressione. Verso il mare della California.
Perche’ e’ vero che questa terra e’ da riempire e lascia liberi di fare cio’ che si vuole.
Eppure la liberta’ inebria e non conosce limiti, nemmeno quello che dice che sfruttare un giardino senza cambiare cultura lo trasforma in un campo dove cresce solo la polvere (causa dei dust bowl). 
La notte non e’ fredda, abbiamo mangiato in un ranch un bufalo, la camaro rossa sfreccia rumorosa bevendo benzina come niente(lo so e’ una macchina da tamarri, ma ve l’ho detto, la liberta’ inebria e induce a fare cazzate).
E poi lasciando St.Louis s’e’ passati dalla cerebrale “Road to Nowheredei talking Heads, a “Going Nowhere” di Elliot Smith. Poi, una volta nella piana, solo Radio Redneck 101  ad ispirare la parte piu’ bovara della mia anima.
Inizio a capire questo posto, la liberta' che ispira, immagino che i prossimi post potrebbero avere l’odore del tobacco da masticare, con lunghe descrizioni della lenta vita bucolica che scorre all'insegna dell’elegia del west.

Poi, parlando con un indigeno (inteso come cowboy, non come indiano), mi dice che lui si sveglia ogni mattina alle 5.
Immediatamente ricalcolo le mie priorita' e accelero verso l’aeroporto di Kansas City, che si torni nella Manhattan vera, l’unica che noi fighetti metropolitani riconosciamo.
Tornero' a Central Park, a fare cio’ che piu’ mi aggrada: leggere, chiedermi che fine fanno le anatre di Central Park quando tutto ghiaccia. Mangiare al Thailandese, dove in questo peirodo fanno un ottima anatra all’arancia (localmente cresciuta).

Friday, 23 November 2012

In a cold NJ night...


Quando arriviamo all'aeroporto di New York, per prima cosa devo andare a prendere la macchina.
Siamo in 4, ma sono l’unico che ha una patente per guidare dal lato giusto della strada: the right side. Quindi la responsabilita’ e mia e tocca a me guidare. (Yuppi).
La segretaria ha affittato una macchina da 100$/ giorno.
Si trattera' forse di una macchinona grossa alla texana, con tanto di corna anteriori? No….e’ solo un Minivan. Ma appena vedo la macchina penso, minivan il cazzo.
E’ un piccolo autobus, che di mini non ha niente. La mia macchinina "ELISA", che da paraurti anteriore ad alettone posteriore sara’ 3 metri, potrebbe starci dentro confortevolmente.
Salgo sulla bestia e trovo che ha il cambio automatico all’americana. In realta’ non mi ci trovo male: e’ uguale a quello delle macchinine elettriche dei bambini: marcia Avanti, marcia indietro, marcia folle e marcia per il parcheggio. Si guida facilmente….anche troppo.
Improvvisamente riconsidero l’idea di quelli che fanno la route 66: immaginate fare una strada lunghissima, diritta e che attraversa il vuoto….e nemmeno un cambio marcie con cui giocare. Non e' avventura, ma noia.
La macchina fa tutto in automatico: accende le luci se ce n’e’ bisogno, chiude anche il babagliaio da sola….penso che questo paese mi rendera' pigro (non che in genere io sia propriamente ipertiroideo).
Sulla macchina, accanto al posto del guidatore c’e’ uno schermo per vedere film, foto o quello che sia. 
Giro sulla radio. Le stazioni radio sono interessanti:  il precedente utente ne ha registrate un po’, sono solo radio cristiane o gay radio. Non ho tempo di cercare le stazioni, s’e’ fatto tardi e voglio solo arrivare a Princeton e andare a nanna. 
Ci mettiamo in viaggio, penso alla "cold New Jersey night" cantata da Bob Dylan in Hurricane, o alle tante ballate di Bruce Springsteen sul NJ.
Invece viaggiamo con questa musica che me paro Renato Zero al raduno di CL. All’arrivo abbiamo una visione piu’ gaia della vita, seppur non scevra da sensi di colpa.
L’albergo da su una foresta,  A causa del jet-lag sono sveglio.
Penso a una persona che in quell momento sta facendo un viaggio in nave, ho visto in mare un po’ di onde e spero che siano abbastanza da cullarla, ma che non la facciano star male.
So che in questo momento lei vorrebbe sapere se sono arrivato, se sto bene.
A volte penso che tutto cio’ non abbia senso: l’amore ti fa preoccupare per una persona che a sua volta si preoccupa per te.

Non sarebbe piu’ semplice se ognuno si preoccupasse solo di se stesso?
Forse si, ma ad occuparsi di se stessi ci si annoia. 
Come quando cucino per me (al massimo una tazza di latte) o quando devo cucinare per 2 (libagioni).
Allora penso che preoccuparsi per gli altri e’ un piccolo prezzo da pagare, rispetto alla magia di stare insieme, di sentirsi vicini, anche quando si e’ lontani.
Guardo in alto e so, che, in un posto lontano, sotto la stessa luna gigante, qualcuno mi pensa.
E felice mi addormo.

Sunday, 11 November 2012

L'unica Capitalista buono e' un capitalista saggio.

Conosco l'epoca dei fatti, qual' era il suo mestiere: i primi anni del secolo, miliardario, petroliere,
i tempi in cui si cominciava la guerra santa dei pezzenti con il padrone che possedeva tutto e l'operaio, che poteva solo lavorare per sfamare la famiglia. Non c'era diritto all'istruzione ne' diritti per i lavoratori.


Nel 2005 ero a New York mi ospitava Valentina, che allora faceva la ricercatrice alla Rockefeller University.
Il motto dell'università' e' conoscenza per il bene dell'umanità'. Certo, era un università' privata americana, con rette altissime, ma il suo fondatore, che qualche anno prima aveva fondato anche l'Università' di Chicago, era John D. Rockefeller il ricco petroliere di cui parlavo prima.


Nei primi anni del secolo i soldi si facevano col petrolio e l'acciaio.
Andrew Carnagie, era il magnate dell'acciaio, e filantropo. A new York ci sono varie biblioteche pubbliche, alcune di
queste sono state fondate da Carnagie. Carnagie,  fece costruire 2509 biblioteche per permettere di accedere alla conoscenza anche a chi non avesse le possibilità' economiche.

Anche nei musei di stampo anglo-sassone l'ingresso e' gratuito.
Il Metropolitan museum e' uno dei musei più' belli che abbia mai visto perché' contiene arte di tutto il mondo.
Ricordo di avere visto li' per la prima volta l'arte orientale: le stampe della Grande Onda Da Kanagawa o l'arte minimalista Giapponese che avrebbe influenzato anche Van Gogh.
Guardando quelle linee semplici, capii che fino ad ora, guardando i musei europei, avevo guardato al concetto di arte da un solo punto di vista.
Il fatto che fosse il punto di vista espresso dalla mia cultura non lo rendeva migliore degli altri.


Il Metropolitan Museum si apre su Central Park.
Un parco immenso, vivo, secondo me la cosa più' bella di New York.
Ricordo che non avendo un granché' da fare e nessun soldo da spendere passavo le giornate camminando per il parco.
Ricordo di aver giocato a calcio con dei Brasiliani conosciuti la', assistito a prove di opere teatrali, guardato acrobazie con i pattini, disegnato una veduta del castello del belvedere, sul lago.
Il momento più' bello la' al parco era alle 12.00, quando la gente usciva dagli uffici per la pausa pranzo.
Si allentava la cravatta, si toglieva le scarpe e si stendeva su un prato.
Attorno si vedevano grattacieli, simbolo dell'alta densità' umana che mi circondava, ma Central Park era verde, immenso e vivo come non mai.


I grattacieli vennero fatti proprio per rispondere a quella necessita' di spazio.
Central Park, coi sui 3.4 Km quadrati sarebbe stata la risposta più' semplice (vedi Formigoni che ha costruito il suo palazzo nel il fu bosco di Gioia).
Central Park e' sopravvissuto fino ad oggi. New York senza Central Park non sarebbe la stessa cosa.


Vi dico tutto questo perché' oggi si parla tanto di capitalismo selvaggio e delle nuove tasse di Obama sui più' ricchi per dare servizi ai poveri.
Negli ambienti di destra sembra quasi una bestemmia, un affronto per chi ha lavorato per accumulare quel capitale.
Eppure c'e' sempre stato un capitalismo "sociale" e qualche anno fa furono miliardari come Bill Gates e Warren Buffett ad impedire a Bush l'ennesimo taglio sulle tasse per i ricchi.


In Italia, una visione un po manichea che porta a vedere chi ha i soldi sotto una luce negativa:
i miliardari li si invidia o li si disprezza, in entrambi i casi li si odia. Pero' e' anche vero che io non ho mai visto una biblioteca Berlusconi (al massimo un trofeo di calcio porta sfiga), un istituto di ricerca serio o un importante istituzione benefica fondata da un miliardario.
Spesso chi accumula denari, li porta in Svizzera; in America gli evasori, che rubano alla società', finiscono in galera per davvero (ricordate Al Capone?).
Marchionne, vuole licenziare 19 operai per adempiere all'ingiunzione di riassumere gli operai FIOM. Intanto sono oltre 3 milioni di dollari quelli che il Lingotto mette ogni anno a disposizione dei suoi 30 lobbisti. Un altro simbolo di come i
soldi sia piu' facile farli per pressioni politiche che per la capacita' di creare business.

Mi piace pensare che ci sia stata gente con del talento per trasformare idee in prodotti e generare ricchezza.
Mi piace pensare che quella gente, una volta garantitasi il benessere per se e per la sua famiglia abbia investito le sue capacita' per il bene di tutti fino a rimanere nella storia.
In America sanno che "Da un grande potere derivano grandi responsabilità". Sara' perché da loro l'uomo ragno e' letto molto di più' che le storie di Paperon de Paperoni?.
Altri post sulle differenza culturali in America: 1, 2, 3.
Ho modificato il sistema dei commenti, ora non chiede piu' di inserire codici per commentare.

Sunday, 23 September 2012

Vita, Liberta' e ricerca della felicita'.

...e' passato un po' di tempo senza scrivere.
Non era mai successo, dal 2006, quand'e' nato questo blog ma avevo bisogno di staccare un po'. Ora sono tornato.

Verso fine Luglio si paventava il serio rischio di dovere andare a lavorare in America.
Poi, un giorno, mentre ero gia' li' a programmare il trasloco, hanno approvato un nuovo progetto con un nuovo ruolo per me, nuove responsabilita', ancora in Galles.
Dopo tutto questo stress ho voluto staccare un attimo.
Ho pensato che se fossi andato via ora non avrei visto molte cose e mi sarei precluso molte esperienze e allora m'e' venuta piu' voglia di andare in giro a visitare le cose belle di questo paese.
Nei prossimi post vi raccontero' alcune cose.
Ma oggi volevo raccontarvi come ci son rimasto male nello scoprire, al ritorno da uno di questi viaggi, che era morto Armstrong quello che era andato sulla luna e guardando la terra aveva esclamato "what a wonderful world" =).

Nei profili psicologici degli astronauti, specie quelli che sono adibiti a missioni chiave, si prediligono i profili freddi; evitando poeti e animi artistici.
Servono persone che sanno concentrarsi sul compito senza distrasi (Armstrong dimostro' molto sangue freddo quando passo' ai comandi manuali per fare atterrare il LEM Eagle).
Eppure, nonostante quel profilo qull'uomo riusci a partorire questo pensiero: "“Mi ha improvvisamente colpito che quel minuscolo pianetino grazioso e blu fosse la Terra. Ho sollevato il pollice, ho strizzato l’occhio e il mio pollice ha cancellato l’immagine della Terra. Però non mi sono sentito un gigante. Mi sono sentito molto piccolo”.
Una sensazione difficile da immaginare, ma lasciatemi raccontarvi un altra cosa.

Avrete sentito che qualche settimana fa la missione Voyager ha compiuto 35 anni (del 77 vennero prodotte cose di ottima fattura:  le sonde Voyager, me e certi Brunelli di Montalcino).
Quando la sonda stava per lasciare il sistema solare, nel 1990, mentre sulla terra scompariva la DDR e s'archiviava quell'eta' storica, la sonda venne girata per l'ultima volta a scattare una foto verso il sistema solare.
La foto che ne risulto' e' stata chiamata Blue Pale Dot: pallido puntino blu.
La foto potra' non sembrarvi particolarmente bella, ma guardate meglio quel puntino.
Quel Pixel luminoso, sulla striatura gialla. Quel pois siamo noi, la nostra terra, quella coi panni stesi fuori e' casa mia.
Pensandoci, vi sentite forse dei giganti?

Quella foto mi fa pensare quanto sia improbabile l'ipotesi di un disegno intelligente per ognuno di noi (anche se sarebbe bello che ci fosse un disegno intelligente ovvero un mandante delle cazzate che compio ogni giorno). 
Penso che in tutto questo ci sia molto di casuale. E penso che niente e' deciso in partenza.
Nessuno parte favorito, ognuno vive la vita come viene o come meglio puo' ma senza aspettare qualcosa in cielo. Su questa terra.
E' nostro diritto e dovere rendere la nostra vita spettacolare ricercando la felicita'*.

* si lo so che Life, liberty and pursuit of happiness sono alla base di un famoso documento di autodeterminazone degli USA, ma io preferirei ricercarli in Europa, se possibile (secondo posto Asia, terzo posto Brasile; Copacabana).

Wednesday, 16 November 2011

Prove Tecniche di emigrazione (felice) ed altre storie....

Il motivo che mi spingeva a raggiungere Clones, Irlanda, era rivedere la mia cuginetta Elena (che non e' quella in questa foto qua sotto).


Ettore ed Elena sono i miei cuginetti, frequentano il liceo classico (con quei nomi dove volevate potessero andare).
Elena quest’anno ha chiesto di frequentare un quadrimestre in una scuola secondaria europea e cosi’il primo Settembre le hanno dato un uniforme che manco Harry Potter ed ha iniziato la scuola in Irlanda.


Quando la vedo arrivare ha i capelli rossi ed e’ molto piu’ alta dell’ultima volta che l’ho vista.
Penso che a quell’eta’ e’ un attimo: un giro di ormoni. Uno che e' andato a letto nano si risveglia alto (Berlusconi si vede che gli ormoni li usava diversamente ).
Non faccio in tempo ad emozionarmi per quanto sia cresciuta che lei mi fa notare  che indossa anfibi con una suola non indifferente e’ sempre la solita (piccola cuginetta).


Invece no: basta sentirla parlare per capire quanto e’ cresciuta.
E’ entusiasta di questa esperienza all'estero: ha conosciuto delle persone stupende piu’ tedesche e francesi: con le altre italiane non ha parlato troppo.
Le sente culturalmente troppo lontane e troppo prese a lamentar
si.

Lei non si lamenta affatto.
Eppure non e’ che sia cosi' facile: la famiglia che la ospita ha 10 figli e convivere cosi' e' come vivere in una comunita’ hippy, tutte le cose sono in comune.
Ride di quella volta che ha dimenticato il balsamo nelle docce e poi ha trovato la bottiglia vuota mentre a cena tutti/e avevano I capelli ricci.
Ma capisce che non c’e’ malizia, e’ solo un mdello di vita diverso.


D’ora in poi vuole sempre studiare all’estero  conoscere gente fantastica, imparare le lingue, vivere in posti sempre diversi.
Le chiedo se il guadagno e’ importate. Dice di no.
Le dico che ha 2 opzioni: se non le importano gli stipendi da fame puo’ diventare biologa come me.
L’altra opzione e studiare camionismo e diventare camionista.
Dice che ci pensera’.


Non vuole fare il medico: non vuole vedere, come fanno i suoi, i telefilm di ambito clinico-ospedaliero e poi discutere per ore sulla diagnosi dei casi clinici...
Pero’ in questo momento non importa.
Ha trovato la sua strada e sa cosa non vuole fare. Cosa fara’ date le sue capacita’, ha meno importanza.


E’ strano pensare che quando uno trova se stesso, a quell’eta’ spesso significa che I genitori l’hanno persa, nel senso che non abitera’ piu’ con loro.
Io ero venuto a trovarla pensando che la piccola potesse avere pr



oblemi e sentirsi sola. Non m’ero mai sbagliato tanto.
Mi ricorda tanto me durante l’Erasmus, ma lei l’ha capito a 15 anni, cio’ che io ho capito a 19.
…e in fondo, questo sentimento e vogli di scoprire non se ne sono mai andati.


Visto che non c’e’ niente che possa fare, mi limito a redarguirla e a fare il cuginone apprensivo facente funzioni parentali: mentre dice ho parlato con questa edho parlato con quello: le dico di non dare confidenza a nessuno, specie a questa gente forestiera (tecnicamente sarebbe lei forestiera, ma sto impersonando uno di quei signori che vota la lega e non esce mai dale valli immagino che uno della lega all’estero pensi che siano gli altri ad essere in difetto) e le ricordo a che deve andare a letto presto.
Lei ride.


Poi prende appuntamento con una sua amica, per andare a intagliare le zucche di Hallowen.
Perche’ in Irlanda Hallowen e’ unagrande tradizione e tutte le chiese organizzano fiere delle zucche intagliate.
Per Hallowen i parenti morti tornavano per una notte nei posti dove avevano vissuto.
Effettivamente Halloween e’ la cosa piu’ simile alla festa di ognissanti della tradizione cattolica, quando la gente va al cimitero a trovare i parenti scomparsi.
Qua si integrano molto bene. In Italia invece sono in antitesi.
Poi andiamo a vedere questo
film (vedi foto)…che vi consiglio.

Insomma, in questo periodo tutto cambia: opportunita’ nascono, altre muoiono ma, nell'attesa possibilita' girano vorticosamente.
E’ cambiata mia cugina, e’ cambiato il mio paese, siam cambiati un po’ tutti, in che modo, vedremo.


A proposito emigrazione in altri posti.....
sembra che la piattaforma che ospita questo blog verra’ chiusa e tutti I blog contenuti verranno cancellati (si dice possa essere colpita dalla maledizione di Virgola e diventare un sito che vende discutibili suonerie).
E’ da un po’ che stavo preparando il passaggio a un altra piattaforma e sto perdendo un sacco di tempo perche’ questo sia il meno traumatico possible e possa postarmi dietro i post, ma sopratutti I vostri commenti.
Vi daro' notizie al piu' presto.




Se la piattaforma dovesse chiudere da un momento all'altro, segnatevi questo indirizzo: gaspgulp[at]hotmail.it

Wednesday, 2 November 2011

L’arte d'esser al posto sbagliato, felice di trovarvicisi.


C’e’ a chi piace leggere i libri sulla tavoletta.
Anche a me piace leggere libri sulla tavoletta.
C’e’ chi dice che sulla tavoletta mancano i buoni odori di un libro.
Io dico che sulla tavoletta, gli odori non mancano.

Dopo questa conversazione ho capito che gli altri parlavano di tavoletta come Kindle e iPad  , mentre io pensavo che si discutesse della lettura in bagno (tipo   "mega biblion, mega kakon  "). 
Io con le tecnologie ho un rapporto strano, alcune le utilizzo in maniera eccessiva ad altre mi abituo malvolentieri.
Il navigatore satellitare e’ un’altro di quelli che mal sopporto.
Il mio lo comprai quando venni nel Regno Unito.
In questa nuova citta’ ero sempre perso, ma pieno di speranza: nel senso che avevo sempre un impressione di avere gia’ visto quelle case e quindi di essere in una zona conosciuta della citta’.
In realta’ scoprii che le case della perfida Albione sono tutte uguali.


Allora decisi di comprarmi il navigatore.
Avevo appena comprato la macchina e versato un paio di affitti in anticipi, non avevo scelta: presi il piu’ economico.
Il venditore guardo’ lo scatolo e, con uno sguardo non troppo fiducioso esclamo’ “se hai problemi portamelo indietro e te lo cambio”.
Fra me e me pensai: “se non funziona col cavolo che riesco a ritornare in questo negozio” e mi congedai con un addio.


Negli anni il malefico esserino, nel tempo mi ha guidato male, mi ha detto che stavo camminando su strade che non esistevano, mi ha fatto percorre rotatorie improbabili, non ha mai detto please (altri navigatori, pare lo facciano, ma nel mio la gentilezza era un extra da pagare), ha ricalcolato milione di volte il percorso ed ogni volta che me lo ha comunicato l'ha fatto con una voce stizzita a farmi pesare l'errore.

Quando partii per l’Irlanda riguardai la scatola dell’apparato che garantiva una conoscenza delle mappe di regno unito e irlanda.
In realta’ avrei scoperto che quando alla scuola per navigatori spiegavano l’Irlanda il mio doveva essere assente perche’ in realta’ dopo avere sconsigliato di continuare in autostrada (il mio navigatore odia le autostrade) ci trovammo davanti pianure che si estendevano fino all’orizzonte, praterie, laghi e torbiere.


Eppure mi piaceva quell’Irlanda: ha un senso di aperto, di incontaminato, di fresco.
E poi tutto quel verde.
Ecco, perso, estasiato, mentre mi chiedevo come l’Irlanda facesse ad essere cosi’ verde, ecco che iniziava a piovere (ecco perche' e' cosi' verde!!!).


Ore dopo, avendo attraversato luoghi in cui nessun turista e' mai passato come Kells, Virginia, aver passato la frontiera con l’Ulster senza che il navigatore dicesse niente ed essermi reso conto di essere completamente fuori strada, feci cio’ che ogni uomo moderno-tecnologico dovrebbe fare: ho spento il navigatore ed ho ripreso il comando del mio destino.

Per orientarmi avrei potuto scegliere le stelle, ma quella sera erano oscurate da un cielo nuvoloso.
Avrei potuto orientarmi col muschio (orientatio ad muschium) che a quelle latitudine e nella umida regione dei laghi, col muschio che cresce ovunque si sarebbe trasformata in "orientatio ad muzzum". Allora, dopo  avere preso in considerazione l'idea di
scavare la truna per sopravvivere alla notte.Feci cio' che e' l'ultima risorsa di un uomo (e una delle prime delle donne): "ho chiesto indicazioni in un pub di Enniskillen".

Fu proprio cosi' che dimostrai la superiorita' dell'uomo sulla macchina e delle relazioni umane sulla tecnologia.
Cosi' la serariuscii ad arrivare dove avevo appuntamento, per Halloweeen: a Clones.
Il motivo che mi portava a recarmi in quello sperduto villaggio e a incontrare i suoi abitanti (Cloners) vi verra’ svelato nel prossimo post, fra qualche giorno.

Saturday, 22 October 2011

Dada qua a la': sul concetto di arte a Parigi.

Nonostante Parigi nella mia mente si confondesse con una massa idolatra di Ciellini senza dio (vedi post precedente), acconsentitii a tornare nella Ville Lumière.

Cosi’, arrivammo a Parigi un giovedi’ notte e, verificata la rassicurante presenza della Torre Eiffel dalla finestra del nostro albergo (ma immagino da qualunque finestra di Parigi), fummo pronti per vedere la citta’.

Dopo una colazione con croissant andammo a vedere il quartiere della Defense che anni fa m'era piaicuto e da li’ verso Nord-Ovest, a Poissy a vedere villa Savoye.
La mia ragazza mi spiega che e’ una pietra miliare dell’architettura.
Ogni architetto deve visitare Ville Savoye almeno una volta, cosi' come ogni islamico deve recarsi in pellegrinaggio alla mecca.


Mi viene spiegato che Villa Savoye e’ stata progrettata da Charles-Edouard Jeanneret-Gris detto Le Corbusier ovvero il Corvo.
Immagino questo architetto ossuto preso in giro dai suoi amici quan'era piccolo.
Vedo gia' le frasi tipo: "e’ arrivato il Corvo nascondete i LEGO".

Al piccoto Janneretto non rimaneva che giocare con le scatole vuote.
Come sempre, la piu’ grande arte nasce dalla sofferenza e anni dopo siamo tutti qui ad ammirare la nuova concezione di spazio con edifici che sembrano scatole posate, quasi soppese su pilastri sottili.

L’edificio di per se non e’ male. Purtroppo dalla sua concezione nacque il fenomeno del brutalismo architettonico i cui edifici si contraddistinguono per essere davvero brutali all’occhio umano.
Comunque c'era la Villa di Le Corbusier, arredata con una poltrona le Corbusier e c'era il museo di Le Corbusier. Lui, invece, non era in casa.

Il giorno dopo tocca a me decidere e decido di andare al Louvre che contiene molti quadri di uno dei miei pittori preferiti: Delacroix.
Entriamo dalla porta secondario (Rue de Rivoli) per fare meno fila, e andiamo a vedere i capolavori che esso contiene.
La concezione di arte pop, sta anche nella ripetizione di immagini di alto valore iconico: dalla Zuppa Campbell alla Marylin di Andy Warhol.
Nonostante il Louvre raccolga opere fino al 1855, l’iconicita’ del Louvre ha molto a che fare con l'arte moderna.
Ripetitivamente iconici sono i suoi visitatori, spesso uguali, asiatici e con macchine fotografiche come uguali sono i loro gesti: fotografano le opere d’arte.
Ma che senso ha? Se vuoi, i quadri li trovi su Google con una risoluzione piu’ alta.

Ma a loro non interessa: l’opera d’arte sta nel gesto futile, non nella foto, non nel soggetto.
All’inizio cercavo di evitare di finire nelle loro foto ma poi ho capito che la gente nelle loro foto aggiungeva arte all'arte e non ho interferito piu’ col loro gesto neo-da
daista. Ho anzi ammirato un asiatico fotografare il panino che aveva preso nel bar del Louvre, (forse ingannato dal fatto che il prezzo e' simile a quanto si paga per certe opere d'arte povera...cioe' parecchio).

Invero ho trovato eccessivo, quando, trovandomi a urinare in bagno apposito (mica in una fontana di Duchamp) un asiatico mi abbia fotografato il pipino e abbia esclamato MagrittianamenteCeci ne pas un pipin”.
Ah no? e che cazzo e’, pensai.

Quello che volevo dirvi e’ che a Parigi l’arte si confonde con la vita e viceversa.
...e questi luoghi per turisti tutto finisce con l'anadare oltre: in una dimensione surreale.
Per fortuna poi uscimmo e, satolli di arte, andammo a vedere la citta' normale, dove vivono le persone normali con mestieri normali e comportamenti normali...e ci dirigemmo sul Moulin Rouge.

Monday, 17 October 2011

Parigi o cara, (dell'eterna guerra tra illuminismo razionale e quell'altro).

La prima volta che vidi Parigi fu una quindicina di anni fa.
Un anno prima di andare in Francia agli scout ci avevano detto che si stava organizzando una grande spedizione per la giornata mondiale della gioventu'.

Ci avrebbero accoppiato con un gruppo francese ed uno del nord Italia e il tema della giornata pastorale era blah blah blah.
Il resto non importava: del resto si sa, Parigi val bene una messa.
Quando ci comunicarono che avremmo participato alla spedizione a noi scouts erano rimaste in testa solo due parole.
Accoppiare e francese.
Che nelle nostre testine testosteroniche tutto roteava attorno a quelle parole.

Questo basto' a dare a tutto l'anno seguente un orientamento particolare.
Visto che era il nostro ultimo anno di superiori ognuno studio' con maggiore passione tutto cio' che riguardava la Francia.

Ricordo che c'era chi iniziava a vestire di nero e a dire frasi sconnesse alla maniera dei poeti maledetti francesi.
Chi aveva cambiato il vino con il piu' neurotossico assenzio alla guisa dei pittori espressionisti estemporanei (tralaltro traendone giovamento).

Chi disuteva la filosofia cattolica inculcataci dal nostro assistente spirituale scout:,la curia ci aveva assegnato un gesuita (per punizione), ora si appoggiava ai filosofi illuministi rendendo le diatribe dialettiche interessanti, ancorche' assolutamente inutili.

Quando Gaetano si presento alla sede scout con un cappellino da esistenzialista (una coppola col picciuolo...altresi' detto piricullo) e tutti quanti, anziche' dargli del gaio "finocchio" capimmo la citazione, innalzammo le baguettes, e pieni di joie de vivre e di gioca jouer,  andammo a sciacquare i panni nella Senna: partimmo cantando allegri "Allons enfants de la Patrie...".

Dopo avere incontrato i ragazzi dell'Imola 1 ed avere fatto una settimana di campo mobile dalle parti di Metz, scendemmo a Parigi.
Parigi me la ricordo bella, solare, ma davvero piena, troppo piena di gente esaltata: non i Parigini, ma i papa-boyz.
In quei giorni erano dappertutto.

Davvero una brutta esperienza: ancora oggi ritengo che non ci sia niente di meglio come l'incontro con 1,2 milioni di papa-boyz esaltati, per farti rivalutare valori quali quelli della religione come una filosofia di vita silenziosa che non si impone agli altri.

Un pensiero interiore, un discorso sussurrato fra il proprio essere e la propria anima.
Insomma, niente di meglio che la giornata mondiale della gioventu' cattolica per farti rivalutare il buddismo come scelta di vita.

I papa boys ci assediavano. Qualcuno aveva proposto per andare a Pigalle per fuggire loro, ma li' erano ancora di piu'. Ricordo di certi terribli Ciellini che, dissero, di stare cercando di portare le giuovinette sconce sulla retta via...a me sembrava che stessero solo  contrattando (non ricordo bene se l'anima o il corpo delle fanciulle di strada).
Esausti da quelle grida continue avevamo pensato dove trovare un luoco mistico che li tenesse lontani.
Alla fine l'avevamo trovato.
Al Pantheon: alla tomba di Voltaire dove tutto era' ancora avvolto da un dignitoso silenzio: un isola di pace razionale in mezzo all'irrazionale furore dei fanciulli del papa.
Si dice che nel letto di morte, all'esortazione di un prete a rinunciare al diavolo e tornare a Dio abbia Voltaire abbia risposto: "Non è il momento di farsi nuovi nemici". ...Un uomo cosi' meritava l'ammirazione e il riposo in pace che gli viene conferito nel Pantheon.
Qualche anno dopo, invece, il corpo del papa morto verra' riesumato ed esposto alle folle idolatre di papa boyz.
 Bizzarie di questo, che e' il meno peggio dei mondi possibili.

Thursday, 29 September 2011

Al bimbo che in ognuno di noi (a seconda la dieta)

S’ incomincia con “il fanciullino di Pascoli”, si continua col telefono azzurro, con Tonio Cartonio che ti parla strano come se parlasse proprio con te.
I Teletubbies che ti ripetono le cose tante volte per essere sicuri che i bambini li capiscano bene.
Poi ci sono i Teletubbies che ti ripetono le cose tante volte per essere sicuri che i bambini li capiscano bene....oh, ho capito, sono bambino, mica stolido.


Non crescere mai, rimani sempre bambino.
Ah se tu fossi qualche anno piu’ grande, ma possiamo sempre restare amici.
E poi il proverbio cinese Bimbo mi chiedi cos'è l'amore? Cresci e lo saprai. Bimbo mi chiedi cos'è la felicità? Rimani bimbo e lo saprai.

E ancora i comunisti si mangiano i bambini, la fantasia al potere, vogliamo il mondo ora e subito...e per favore.
Insomma ti riempiono la testa sull’importanza di tenere innocente il bimbo che c’e’ in ogni adulto.
Poi uno, per predisposizione o volonta’ ci riesce veramente ed ecco che inventano la sindrome di Peter Pan del Bamboccione.


Il fatt
o e’ che il week end scorso sono andato a trovare Paoletta che biologa su nelle terre di mezzo (Midlands).
C’era un festival dove, tra gente sui trampoli, aragoste giganti, pesci volanti e fuochi, c’era un maiale di 30 metri dentro cui si svolgeva uno spettacolo.
Ma
solo i bambini potevano vederlo e non sono riuscito a capire cosa vedessero, ma sembrava divertente.
Ed per questo che il bambino che e’ in me c’e’ rimasto male.

Ma sapete che vi dico?
I
o soppravolo e il prossimo anno ci vado bimbomunito.
E sappiate bene che di noi bimbi e’ il mondo.


...e che se non saremo all’altezza a cui ci volete fare dipingere il mondo che voi avete disegnato....all
ora vi dipingeremo le scarpe.

La foto la feci quando abitavo a Dresda, nel 2007, ma spiega bene il concetto. Nevvero?
Ora via a Parigi per il fine settimana.

Friday, 23 September 2011

Di Cavalieri che Errano.

I Marziani sono degli ometti verdi, Berlusconi e’ un politico di alta statura e le donne del nord sono procaci e disinibite.
Seguendo le mie vicende non potrete che concordare con me.

Finita la missione sull’isoletta greca, avevo deciso di passare un altro po’ di tempo sul mare.
Le uniche persone che avevano avuto la stessa pinzata erano due ragazze di Stoccolma che avevo incontrato qualche giorno prima.
La loro idea era di fare island hopping: cioe’ saltare da un isola all’altra tornando verso Atene.
Ora ve lo immaginate Falloppio e due Svedesone sull’isola di Ios, l’isola dell’amore? Voglio dire, ci sono film che hanno molta meno sceneggiatura.


Incerto se accettare la profferta consideravo la barriera culturale che contraddistingue i popoli del sud da quelli del nord.
Probabilmente non ero l’unico a porsi il problema.
Mentre mangiavo del pesce, la ragazza svidese mi aveva riempito il bicchiere di vino bianco. Poi con un sorriso imbarazzato mi aveva chiesto se questo fosse accettabile: se non fosse culturalmente disdicevole che una ragazza riempisse il bicchiere di un uomo.
Avevo risposto che non c’era niente di riprovevole, almeno da un paio di secoli a questa parte (chissa’ com le era venuta in testa l’idea che fosse maleducazione).


Anche se mi piace molto viaggiare solo, alla fine accetto.
Iniziamo l’avventura. Confido molto nel mio autocontrollo e nel fatto che si sa che tutte queste storie sulle svedesi sono solo delle favole che si raccontano al ritorno delle vacanze per farsi belli con gli amici: mica e’ vero che le svedesi ti assaltano e ti succhiano come un ghiacciolo.
Mentre si chiacchierava del piu’ e del meno: in particolare raccontavo di come trovassi aberrante l’idea di drive-through per colazione, di quegli interminabili caffe’ americani consumati in solitudine su macchinoni, cui contrapponevo il molto piu’ sociale cornetto e cappucino al baretto, colloquiando con tutti gli astanti.


La svedese mi guarda negli occhi e mi dice you Italians like very much “fika”: a voi italiani piace very much fika.
Preso alla sprovvista fronteggio la situazione con pervicace prontezza: fingo uno svenimento per prendere tempo....e mentre chiudo gli occhi: penso “le donne del nord
sono procaci e disinibite, i verdi Marziani esistono, Berlusconi e’ un gigante.
 

Quando mi riprendo mi spiegano che e’ stato tutto un fraintendimento: in Svezia c’e’ un verbo “fika” che significa  uscire per prendere un caffe’ insieme agli amici (confermato da Wikipedia).
Siccome a noi italiani piace il caffe’, la ragazza aveva semplicemente chiesto se noi italiani avessimo sempre la fika in testa.
....e voi, come me, a pensar male.

A sto punto vi chiederete com’e’ continuato il confronto culturale.
In realta’ le ragazze sono andate spesso in spiaggia a prendere il sole, mentre io, essendo una creatura notturna tendenzialmente lucifuga mi sono perso nei paesini con le case bianche, ho visto chiesette, bevuto caffe’ chiacciati, discusso con altri viaggiatori della vita, dell’universo e il resto. Dopo due settimane di vacanza m'e’ cresciuto un barbone lunghissimo e molti greci mi credevano autoctone chiedendomi cose in greco a cui non sapevo rispondere.
Ho letto due bei libri (
1 e 2).
La sera ho passeggiato, le ragazze, andavano a letto presto, distrutte dal sole e dai loro mal di mare.


Non l’ideale fare island hopping, se si soffre tanto il mal di mare,
Una volta, scesi al porto, vedo una ragazza proprio stremata dal viaggio. Io ho il mio bagaglio leggero con il minimo indispensabile per passare 10 giorni in Grecia e un tascapane per le escursioni. Lei, invece, con un valigione enorme.
Mi offro di portare il suo bagaglio, in cambio lei puo’ portare il mio che e’ una decina di kili piu’ leggero.
Mi guarda stralunata e aggiunge: “non pensi ch’io sia perfettamente in grado di portarlo da me?”.
Dopo avere spiegato che non lo metto in dubbio, ma che visto che non e’ al massimo non c’e’ niente di male se lo porto io e che riconoscendole la sua capacita’ le chiedo, per favore di portare il mio. dopo una lunga discussione accetta e facciamo il cambio.

Siccome questo e’ un blog educativo, supponiamo che il lettore sia un cavaliere che si accinga a liberare una principessa scandinava Ubertosa I (non procace e non disinibita) dal catello in cui e’ stata rinchiusa.
Sappia costui che il femminismo ha fatto danno non indifferenti nella psiche delle genti che vengono dalle terre dove hanno gia' reso realta' la parita’ dei sessi.
Ecco, a costui consiglio di desistere e piuttosto leggere un bel libro.

Sunday, 18 September 2011

Di segreti soluti

Mentre sono in Grecia conosco Tomohiro, dal Giappone.

I Giapponesi che ho incontrato si sono sempre rivelati gente riservata, grandi pensatori, estremamente educati.
Tomo non fa eccezione.

Non parla troppo, anzi quasi niente, ma e’ sempre con noi, anche quando si fa bisboccia alle tre di notte nelle taverne dell’isoletta greche al grido di “viva la Fix” e Ouzo.

Tomo tira tardi, ma non interagisce troppo.
Sembra quasi sospeso, perso dietro i suoi pensieri,come se una bolla invisibile gli impedisse di parlare con noi. Come se una luce fosforescente e innata lo tenesse separato dal resto di noi.
L’ipotesi alternativa e’ che guardi con interessato disgusto le mollezze dell’occidente mediterraneo.



Una delle ultime sere, anziche’ il solito the' ordina anche lui una bottiglia di ouzo.
Ora, sara’ perche’ gli asiatici hanno una variante genetica inattiva dell'aldeide deidrogenasi e quindi hanno difficolta’ a catabolizzare l’alcool, ma sta di fatto che finalmente si scioglie e mi chiede:
Mi sono chiesto come il Giappone e' visto dal resto del mondo.

Abbiamo deluso tutti, sporcandolo con il nostro nucleare?
Cosa vedete quando vedete un orientale, vi chiedete se sia radioattivo?


Alla fine era questo il suo segreto?
Gli dico, di no (mi sento particolarmente benevolo, dovendo parlare a nome di tutta l'umanita'). Dico che nessuno, come persona e’ responsabile delle scelte dei governi. Comunque la grande stima che si nutre nei confronti del Giappone fa si che ora si  guardi con interesse il fatto che la grande tecnologia nipponica verra' investita nella ricerca di energie alternative**.
E glielo dico guardandolo negli occhi. Tutti e tre*


Piu’ tardi mi si avvicina un americano.
Mi dice: tu sei l’unico italiano, qua. Ti devo chiedere una cosa.
Ci sono degli italiani nel mio lab, mi hanno affibiato dei, dicono, simpatici sopranomi. Che significa “sfigato”?
Penso, Sfigato, in inglese sarebbe ”loser”, ma non e’ carino da dire.
Per evitare ai miei compatrioti di avere problemi dico una bugia bianca ”lo sfigato e una figura mitica, quasi mitologica. Si dice di colui che con molta filosofia riesce a sorpassare ogni vicessitudine della vita”.


Il tizio sembra soddisfatto, fa per allontanarsi, poi mi chiede, un altro sopranome: “mi

chiamano figlio di puttana”. Che significa?
 Come spiegare? Prendo tempo, mi viene in mente Giovanna, che un volta si senti definita “vecchia puttana” per scherzare e lei rispose: “vecchia a chi?”.
Inizio con “l’epiteto evidenzia l' estrema socialita’ della tua genitrice”....non so continuare, cerco una via di fuga.
Ecco che arriva un trenino/catena di gente che balla il sirtaki.
La gente che balla prende quella seduta.
Quardo la ragazza scandinava che guida il ballo e faccio i Bambi’s eyes per essere portato via da sto rompic***oni sfigato.
La ragazza mi invita a ballare e via....viva la fuga.
Pensavo di averla fatta franca non sapendo quello che sarebbe successo da li' a poco.

* No, non aveva tre occhi, ma non e’ che fossi proprio lucido lucido.

**Fra me penso che anche noi abbiamo avuto problemi coi terremoti, che l’ospedale dell’Aquila era costruito con sabbia anziche’ cemento.
E risposta del nostro governo  cosa e’ stata?
Abbiamo affidato alla stessa ditta l’applato del ponte di Messina,
No, nessuno e’ responsabile per lo schifo: la gente e’ migliore di chi la governa. Sarebbe bello che la gente potesse governare.
Ma questa sarebbe democrazia, invece abbiamo sto porcellum.