Wednesday, 15 January 2014

Il mio matrimonio

Ho preso un po’ di tempo prima di raccontarvi del giorno del mio matrimonio.
Aspettavo che, col tempo, acquisendo la giusta prospettiva, le immagini si mettessero a fuoco...non e’ successo.
Sara’ perche’ il matrimonio e’ un giorno unico di una vita e non c’e’ niente di normale.

Cosa rende un matrimonio memorabile?
Requisito fondamentale  sono le donne piangenti.
Non potendo assoldare delle prefiche, mi limito a guardare mia madre e,  coi Bambi’s eyes, ricordarle che quella sara’ l’ultima notte sotto il tetto natio.
Mi viene rinfacciato che avevo gia' lasciato quella casa nel 2002, quando 24enne partii per il dottorato in Germania.
Capisco che non ci sara’ verso di avere gente che versa lacrime e che, di contro, la maggioranza si appresta a prender parte all'evento con uno spirito di immotivata ilarita'.

Ho scoperto che il giorno del matrimonio il futuro sposo puo' attaccare la sua volonta’ a un chiodo.
Mi sveglio, alle 8 AM. Ancora assonnatissimo faccio colazione coi cornetti, mentre vedo Peppa Pig in tv.
Arriva il fotografo e mi chiede di sorridere, apparire accigliato, contrito, radioso, ora corrucciato.
Faccio del mio meglio, ma in realta’ il mio sentimento maggiore e’ “l’assonnato”.
Ce chi ha problemi con l’anestesia generale, a volte vomitano. Nel mio caso, a me e’ rimasto solo una gran voglia  di dormire.


Arrivo in chiesa alle 10.30. il  tutto iniziera’ alle 11.00, ma a quanto pare lo sposo deve essere la’ in anticipo (o era la sposa in ritardo? Boh). 
Fa parte della tradizione.
In quella mezz’ora ogni persona (parenti, conoscenti, curiosi) dicono la stessa battuta: “sei ancora in tempo per fuggire”.
Un mezzo sorriso ebete, quello che in 12 anni di emigrazioneho imparato a fare quando mi dicono “Italia, Mafia, Berlusconi, Lega Nord razzista, Pizza buona”.
Mia madre fulmina con lo sguardo l’ennesima battuta di complicita’: “scappa finche’ sei in tempo”.
Fosse per me, io scapperei. Con mia moglie. Su un isola deserta. Senza nessuno che faccia battute.
Poi pero' mi dispiace per le 800 rose che hanno dato la vita per questo giorno e rimetto sui il sorriso ebete, senza rispondere.

Sono le 11.00....finalmente arriva.
Scende dalla macchina, minuta, col vestito rosso (non e’ la sposa, ma La Valletta o come si chiama).
Poi arriva anche lei. Bella come un raggio di sole in un giorno di pioggia....e questo nonostante oggi ci sia un sacco di luce e sole. Riguardo Rossella, penso a quanto sia fortunato.
Abitiamo a 200 metri di distanza e abbiamo dovuto girare mezza Europa per incontrarci....ma ne valeva la pena.

Piccola parentesi aperta.
In quel momento penso che a me piace tanto, mia moglie. Ma a me piace anche senza sveglia all’alba, parrucchiere, trucco e vestito elegante.
Ecco, mi piace vestita da sposa, ma anche la domenica di tarda mattinata, appena alzati, col pigiamone e il viso assonnato.
Mi piace anche in tutte le sfumature intermedie....e anche quelle che che ancora non ho visto, che verranno in futuro.
...e mi dispiace di essermi perso quelle passate, specie quella di  quando era teen ager e si era fatta bionda coi capelli corti.
Piccola parentesi chiusa.

Entriamo in chiesa accompagnati da mamma e papa’.
Uno alla mia destra, al’tra alla sinistra. Ci prendiamo sottobraccio e camminiamo lentamente con velocita’ (tipo camminata sui carboni ardenti), fino all’altare.
Poi arriva Rossella. Suo padre mi consegna la sua mano, e aggiunge qualcosa tipo: “da qui in poi te la vedi tu”.
Si allontana con un sorriso beffardo che se, non avessimo convissuto per anni. Avrei trovato inquietante.
Invece so gia’ cosa mi aspetta (w la convivenza =)).

La cerimonio religiosa procede senza intoppi. Il prete sbaglia il nome della sposa chiamandola Antonella.
Le dico: “questo potra’ tornare utile nel caso la Sacra Rota dovesse decidere”.
Si scherza tanto....il che conferma cosa io ho sempre pensato: il giorno del matrimonio e’ tutta una carnevalata.
Quando usciamo i nostri amici hanno messo su un arco di palloncini. Che bella idea.
Usciamo dalla chiesa, un mare di riso ci inonda il capo, i vestiti e tutto il resto (trovero’ del riso anche nei boxer).
Quando finisce il riso, qualcuno, nell'eccitazione del momento, decide di continuare e mi tira anche le foglie di banana in cui erano contenuti i chicchi.

Vale tutto in quell giorno. Tutto e permesso, purche’ sia allegro.
Sara’ perche’ il matrimonio e’ un giorno unico di una vita....e meno male che e' unico.

Continua

5 comments:

melusina said...

Cosa cosa cosa???

Mìgola said...

Io una lacrimuccia potrei anche farla... Auguroni!
Siete carinissimi!

Falloppio said...

Grazie mille, lacrimuccie apprezzate =)

yetbutaname said...

mi congratulo di tutto cuore
auguri di lunga e felice vita coniugale
ciao

Elena Butera said...

Dov'è il mi piace qui? Mi piace! Thumbs up! (: